Comune di Ferrara

sabato, 26 settembre 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Musei, Pacelli direttrice a Bologna, le congratulazioni di Sgarbi e Gulinelli "Valente collaboratrice, pronti al dialogo"

Musei, Pacelli direttrice a Bologna, le congratulazioni di Sgarbi e Gulinelli "Valente collaboratrice, pronti al dialogo"

14-09-2020 / Punti di vista

MUSEI, PACELLI DIRETTRICE A BOLOGNA, LE CONGRATULAZIONI DI SGARBI E GULINELLI: "VALENTE COLLABORATRICE, PRONTI AL DIALOGO"

12 sett. 2020 - Il presidente di Ferrara Arte, Vittorio Sgarbi, si complimenta per la nomina di "una valente e alacre collaboratrice dell'istituzione ferrarese, Maria Luisa Pacelli (che ha curato mostre importanti a Palazzo dei Diamanti) a direttrice della Pinacoteca nazionale di Bologna". "Non solo - dice Sgarbi -una grande istituzione ma il centro di una nuova dottrina storico-artistica che, da Longhi a Francesco Arcangeli, ad Andrea Emiliani, ha indirizzato la nuova museografia". "Proprio Emiliani fu il motore della nuova Pinacoteca nel suo allestimento con l'architetto Leone Pancaldi e con gli innumerevoli restauri del prezioso e rimpianto Ottorino Nonfarmale". "La scelta della Pacelli è felice perché, da studiosa, rappresenta il più diretto collegamento con il metodo di Andrea Emiliani attraverso Andrea Buzzoni, suo maestro e mio compagno di scuola", sottolinea Sgarbi. "I princìpi comuni, più forti delle polemiche locali, sono una garanzia per la buona guida della Pinacoteca Nazionale di Bologna.
Ferrara Arte è aperta al dialogo per nuovi progetti, dopo l'esperienza di Francesco del Cossa, a Schifanoia, e a Palazzo Fava".
Sul tema interviene anche l'assessore alla cultura del Comune di Ferrara Marco Gulinelli: "Concordo con il presidente di Ferrara Arte Vittorio Sgarbi sulla nomina di Maria Luisa Pacelli a un ruolo così prestigioso quale è la Direzione della Pinacoteca di Bologna , ricordando che Maria Luisa Pacelli è una dipendente del Comune di Ferrara. La ringrazio, pertanto, insieme a tutta l'Amministrazione, per il ruolo svolto, augurandole di trovare la dimensione che merita".

 

(Ferrara Rinasce)