Comune di Ferrara

mercoledì, 21 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota dell'assessore ai all'Urbanistica Andrea Maggi su ex Mof e piano periferie

Nota dell'assessore ai all'Urbanistica Andrea Maggi su ex Mof e piano periferie

23-09-2020 / Punti di vista

EX MOF E PIANO PERIFERIE, L'ASSESSORE MAGGI: "CUBATURE RIDOTTE DEL 97%: IL NOSTRO PROGETTO RISPETTA L'AMBIENTE. IL PARCO SUD? TENTEREMO NUOVA PERMUTA"
Nota dell'assessore ai all'Urbanistica, Andrea Maggi, a margine della III Commissione convocata nel pomeriggio di oggi sul tema Piano Periferie.
Il progetto di riqualificazione dell'area ex Mof , appartenente al Piano Periferie, è in fase di rimodulazione: la nuova ipotesi di lavoro, che valorizza l'area senza cementificarla, verrà presentata lunedì prossimo in consiglio comunale e subito dopo partirà un percorso partecipato con la città. L'idea è quella di non costruire il parcheggio multipiano, alto più di 10 metri, che la precedente amministrazione aveva previsto e di non procedere con altre edificazioni, ma creare una zona ombreggiata, a raso, che consenta alla città di utilizzare al meglio quell'area già adibita a parcheggio. In questo modo verrà diminuita del 97% la cubatura prevista e le costruzioni, da 180.000 metri cubi passano a soli 6000. A contrario i posti auto verranno mantenuti raddoppiando quasi quelli che sarebbero stati realizzati nel parcheggio multipiano (i posteggi passano da 336 a 502 più 21 posti di camper). In queste settimane abbiamo lavorato velocemente e, come avevamo promesso siamo già in grado di sottoporre ai consiglieri le linee guida del nuovo progetto, mentre nelle prossime settimane chiederemo formalmente alla Presidenza del Consiglio dei Ministri la rimodulazione del Piano periferie, per questa porzione, fiduciosi di non trovare particolari resistenze ad una modifica urbanistica che va incontro alle nuove esigenze ambientali e al rispetto per gli equilibri della città.
Il nuovo indirizzo che abbiamo dato alla riqualificazione, comunque necessaria dell'area, permetterà infatti di non interrompere la continuità che oggi esiste tra città e riva del fiume (che con edificazioni importanti sarebbe stata spezzata) e di creare grazie al verde un punto di equilibrio tra le esigenze urbane e quelle di rispetto ambientale. Nei mesi scorsi sono state numerose le richieste da parte dei cittadini in tale senso, sottolineate anche da una raccolta firme e la condivisione delle nostre nuove idee, che si concretizzeranno a breve in un progetto, troverà spazio a breve.
Per quanto riguarda la permuta prevista con il Demanio per la realizzazione del parco Sud, sulla quale l'opposizione punta non sapendo come criticare un progetto che garantisce maggiormente l'ambiente rispetto a quello ipotizzato dall'amministrazione a guida Pd, i cittadini non devono temere. Ci attiveremo per valutare la possibilità di procedimenti alternativi di permuta per la stessa area o individueremo nuove aree da adibire a bosco, altrettanto idonee a garantire quell'incremento di verde, anche ai fini di un abbassamento della temperatura cittadina che è, da sempre, obiettivo della nostra amministrazione. Comprendiamo la difficoltà di chi amministrava fino ad un anno fa la città nel veder cancellato un progetto per il quale certamente erano state profuse energie, ma non accettiamo, sulla nuova impostazione che vogliamo dare all'area lezioni da nessuno, tantomeno da una minoranza che quando era al governo ha trasformato il progetto di un parcheggio interrato in quello di un parcheggio multipiano. Nel contempo siamo lieti di registrare che il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Tommaso Mantovani, abbia espresso espresso parere favorevole a questa rimodulazione che riporta il verde in città e cancella quello che sarebbe potuto essere un vulnus costruito in nome di logiche superate.