Comune di Ferrara

martedì, 27 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > BIBLIOTECA RODARI, GULINELLI: " CHIUSURA TEMPORANEA E' EFFETTO DISPOSIZIONI COVID"

BIBLIOTECA RODARI, GULINELLI: " CHIUSURA TEMPORANEA E' EFFETTO DISPOSIZIONI COVID"

25-09-2020 / Punti di vista

FERRARA, ASSESSORE GULINELLI: "BIBLIOTECA RODARI, CHIUSURA TEMPORANEA E' EFFETTO DISPOSIZIONI COVID. VERSO INTEGRAZIONE ORGANICO E POTENZIAMENTO SERVIZI"

Ferrara, 25 set - "Quella della Rodari, come correttamente è stato riportato nella lettera firmata da un gruppo di cittadini, è stata una chiusura "temporanea" dovuta a una situazione contingente. A partire dalla prossima settimana, la Rodari inizierà a tornare alla regolarità, comunque impostata su una sola giornata di apertura, che vedremo di portare a due". Lo dice l'assessore alla cultura Marco Gulinelli. "Il fatto che, dopo il lockdown, soprattutto le biblioteche piccole (Rodari, Tebaldi, Luppi) abbiano potuto aprire una sola giornata è dovuto alle regole anti Covid che il Servizio Biblioteche e Archivi ha rispettato con la necessaria cura, secondo i vari Dpcm emanati dal Governo e unitamente alle linee guida indicate dalla Regione". "Sono procedure necessarie - sottolinea l'assessore - e tuttavia macchinose che, per salvaguardare il più possibile la salute dei lettori e quella dei dipendenti, purtroppo rendono molto più complicata la gestione quotidiana delle biblioteche. Va detto, inoltre, che il problema non è legato soltanto al numero dei bibliotecari, ma anche (e in qualche caso soprattutto) all'edificio stesso, che non possiede stanze per la quarantena dei libri, o le possiede ma con requisiti restrittivi".
"È un tempo complicato questo, e non è vero che non ci siamo dati da fare per l'acquisizione di ulteriore personale: un concorso per un bibliotecario è stato imbastito, ma la procedura è stata sospesa proprio nel rispetto delle norme anti Covid; un'altra mobilità esterna per due aiuto bibliotecari è stata espletata con l'assegnazione a due vincitori, uno entrerà in servizio il 1 ottobre, l'altro purtroppo ha rinunciato. Ciò non significa che - sia per il bibliotecario, sia per l'aiuto bibliotecario - si siano chiuse le porte, tant'è che il processo di acquisizione di queste due figure professionali è in fase di riavvio". Gulinelli spiega inoltre: "Ho chiamato personalmente una delle firmatarie chiedendo un incontro e rendendomi inoltre disponibile a un confronto con tutto il gruppo degli stessi promotori anche nella mattinata di sabato. Ma questo incontro mi è stato rifiutato. Conosco molto bene il valore dei libri e delle biblioteche e proprio questa settimana sono riuscito a salvare oltre 2000 testi destinati al macero". Gulinelli sottolinea: "Ci interessa il servizio e il suo funzionamento, in settimana avremo un incontro importante per vedere di riuscire ad implementare i turni di apertura e risolvere le criticità delle biblioteche, come nei casi della stessa Rodari, della Tebaldi e della Luppi. Abbiamo inoltre partecipato al bonus Franceschini per l'acquisto di libri e ci sono stati assegnati 60.000 euro complessivi per tutte le biblioteche".