Comune di Ferrara

mercoledì, 21 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ferrara, progetto vie d'acqua e mobilità intermodale, "In linea con recovery plan"

Ferrara, progetto vie d'acqua e mobilità intermodale, "In linea con recovery plan"

28-09-2020 / Punti di vista

FERRARA RISCOPRE LE VIE D'ACQUA: PROSSIMO WEEK END PERCORSI INTEGRATI BATTELLO-BICI-TRENO. APP E PREMI PER I ‘CAMPIONI' DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE. "PROGETTO IN LINEA CON OBIETTIVI RECOVERY PLAN"

Ferrara, 25 set 2020 - In barca sulla Darsena, quindi in bici fino alle frazioni. Un giro tra ville, giardini e dimore storiche aperte, per l'occasione, dai privati. E poi ritorno in treno o in bus (elettrico). Ferrara sperimenta - il 3 e il 4 ottobre - la mobilità intermodale sostenibile in un percorso terra - acqua realizzato con diversi partner istituzionali e privati. La città lancia anche un'app disponibile da domani - ‘Ferrara Play&Go' - che premia proprio i ‘campioni' della mobilità sostenibile. "Esterno Verde" e "Metropoli di Paesaggio" sono i nomi delle iniziative che quest'anno si fondono in un progetto che gode anche del sostegno della comunità europea "Climate-KIC" e che - come ha detto in conferenza stampa questa mattina la presidente dell'Agenzia per l'energia e lo sviluppo (Aess) Benedetta Brighenti - " rispecchia la chiave dei progetti inseriti nel Recovery plan". Appuntamento il prossimo fine settimana, sabato 3 e domenica 4 ottobre, dalle 8,30. Si parte dalla Darsena per approdare, in barca, a Vigarano Pieve e Baura. Alle 11,30 di sabato 3 ottobre sarà inoltre inaugurato il nuovo pontile di Baura, frutto di una raccolta fondi che ha coinvolto 141 sostenitori. Il cuore è l'intermodalità: "Le bici sono noleggiabili a Baura per visitare i giardini di esterno verde - spiega Elisa Uccellatori, vicepresidente di Metropoli di paesaggio -. In sella sarà possibile arrivare fino a Quartesana. Da qui si potrà tornare a Ferrara col treno. Un autobus elettrico seguirà comunque le tappe. Un'occasione per sperimentare una nuova modalità di spostamento". Il motore del progetto "è un movimento spontaneo, che ha catalizzato anche risorse europee", precisa Chiara Franceschini di Sipro. L'iniziativa ha il sostegno anche dell'Autorità di bacino, oggi rappresentata da Ludovica Ramella, che ha sottolineato come "le vie d'acqua non siano un ostacolo, un elemento di separazione, ma un autentico anello di congiunzione". L'innovazione negli spostamenti incontra la possibilità di vedere angoli verdi nascosti, con l'associazione IlTurco e tanti partner privati che apriranno 15 giardini, dimore storiche, ville, dopo averne già resi accessibili al pubblico 70 all'interno delle mura: "Abbiamo voluto dare attenzione particolare anche ai giardini fuori le mura (tra Ferrara, Baura, Quartesana e ritorno). Grazie all'enorme disponibilità dei privati, aprire casa propria in questo periodo vale triplo", spiega Riccardo Gemmo, presidente dell'associazione IlTurco. "Questo progetto ambizioso e particolarmente interessante ha ricadute a tutto tondo e rispecchia un approccio integrato, con un partenariato molto ricco, che vede anche con il coinvolgimento di diversi privati - sottolinea l'assessore Alessandro Balboni -. Particolare attenzione viene posta a diversi aspetti e punti che ci stanno a cuore: le frazioni, la mobilità sostenibile, la promozione del territorio, l'attenzione all'ambiente, la partecipazione. E il marchio Climate - Kic dimostra la qualità e l'innovazione messa in campo".

(Per quanto riguarda l'app 'Ferrara Play&Go i premi settimanali e finali per i vincitori del gioco sono forniti da: Pizzeria Arcobaleno, Eroidi Arcadia, Encio's Tiki Bar, XI Comandamento, Galleria d'Arte Cloister, La Bottega del Pane, Ristorante Apelle, Schiaccia, Bar Casa Camilla, Cinema Apollo, Messisbugo, Hotel Annunziata, Consorzio Visit Ferrara, Spal, Ami Ferrara).

 

(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili: