Comune di Ferrara

venerdì, 30 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ferrara, garante disabilità si presenta: "Lavoriamo per diffondere cultura e sensibilità". Assessore: "Diamo attuazione a convenzione ONU". Mail per richieste e segnalazioni

Ferrara, garante disabilità si presenta: "Lavoriamo per diffondere cultura e sensibilità". Assessore: "Diamo attuazione a convenzione ONU". Mail per richieste e segnalazioni

16-10-2020 / Punti di vista

FERRARA, GARANTE DISABILITA' SI PRESENTA: "LAVORIAMO PER DIFFONDERE CULTURA E SENSIBILITA'". ASSESSORE: "DIAMO ATTUAZIONE A CONVENZIONE ONU". MAIL PER RICHIESTE E SEGNALAZIONI
Ferrara, 15 ottobre 2020 - Dare attuazione alla Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, sensibilizzare cittadini e personale degli enti, essere vicini a famiglie e caregiver. Con questi obiettivi il Comune di Ferrara ha nominato il "Garante della disabilità". "È la prima volta in Italia che questo ruolo è ricoperto in forma collegiale", ha detto oggi a Factory Grisù - nell'ambito delle iniziative della Festa della legalità e della Responsabilità - Carlos Dana, garante insieme all'avvocato Davide Conti, legale da tempo impegnato nel sociale, appassionato sportivo e nell'elenco degli amministratori di sostegno e dei tutori a disposizione del tribunale.
Il garante ha già aperto un canale di comunicazione diretta con i cittadini che potranno inviare richieste e segnalazioni alle mail: garante.disabilita@comune.fe.it e garante.disabilita@cert.comune.fe.it (la Posta elettronica certificata).
"Abbiamo dato avvio - in coerenza con le nostre linee di mandato - a un percorso della consapevolezza", ha detto l'assessore Angela Travagli.
"Siamo partiti dalla Convenzione ONU del 2009 che sancisce un nuovo quadro normativo e obbliga le pubbliche amministrazioni a rimodellare procedimenti per aprire all'intervento dei portatori di interesse delle persone con disabilità. Poniamo l'accento sui diritti, che sono diritti di tutti. Per prima cosa - ha spiegato l'assessore - abbiamo redatto un disciplinare per l'introduzione della figura del Garante, figura a cui siamo arrivati anche con un avviso pubblico. Qualche Comune ci ha già contattato e sta provando a replicare questo modello, che vogliamo esportare il più possibile. L'obiettivo è diffondere sensibilità, ma l'obiettivo finale - può apparire paradossale dirlo - è lavorare affinché in futuro non ci sia bisogno di un garante della disabilità, al momento del pieno raggiungimento e della piena tutela dei diritti".
Dana è da anni portavoce del Comitato ferrarese Area Disabili: "È un work in progress, il nostro operato prenderà forma sulla base delle esigenze che emergeranno", ha spiegato. In questo percorso - ha fatto notare Dana - si punta su tanti alleati: "I mondi a nostro favore sono quelli proattivi, uniti da qualcosa di positivo, come lo sport, che nasce dalla volontà di mettersi in gioco, la musica, l'arte. Il problema è chi mette etichette". "Cercheremo di fare in primis formazione, portare la cultura della disabilità partendo dai contenuti della Convenzione Onu - ha detto l'avvocato Conti -. Vogliamo aumentare la sensibilità ad ogni livello e in ogni ente. Se tutti collaboriamo nella stessa direzione sarà più facile raggiungere traguardi. Ci sono tante voci che si possono levare in favore di obiettivi comuni".
(Ferrara Rinasce)

Nelle foto - scaricabili in fondo alla pagina - alcuni momenti della presentazione del Garante della persona disabile, a Ferrara nella sede di factory Grisù nel pomeriggio di giovedì 15 ottobre 2020: da sinistra l'ass. Angela Travagli, l'avvocato Davide Conti, il portavoce del Comitato ferrarese area disabili Carlos Dana

Immagini scaricabili:

Garante della persona disabile: da sinistra ass. Travagli, avvocato Davide Conti, Carlos Dana Presentazione dell'organo del Garante della persona disabile: da sinistra ass. Travagli, avvocato Davide Conti, Carlos Dana Presentazione dell'organo del Garante della persona disabile: il portavoce del Comitato ferrarese area disabili Carlos Dana Presentazione dell'organo del Garante della persona disabile - Ferrara, 15 ottobre 2020