Comune di Ferrara

giovedì, 26 novembre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il sindaco sull'emergenza Covid: "Servono sostegni per categorie colpite"

Il sindaco sull'emergenza Covid: "Servono sostegni per categorie colpite"

19-10-2020 / Punti di vista

COVID, SINDACO FERRARA: "SINDACI CONTINUERANNO A FARE LA LORO PARTE, MA GOVERNO PENSI A SOSTEGNO A CATEGORIE COLPITE E COMUNI. ‘FERRARA RINASCE' NON SI FERMA, VOGLIAMO ESSERE PRONTI A PROGETTARE NUOVA RIPARTENZA"
Ferrara, 19 ottobre 2020 - "I sindaci sono sempre stati in prima linea e continueranno ad esserlo. Non ci tireremo indietro anche di fronte alle nuove responsabilità che il governo ha deciso di scaricare su di noi, ma tutto questo deve essere accompagnato da adeguate misure di ristoro economico per le attività a cui si impongono chiusure e di sostegno ai Comuni. Da questo punto di vista, da parte del governo ci saremmo aspettati, da subito, un quadro dettagliato di risorse, azioni e interventi per aiutare categorie e attività su cui, anche questo dpcm, impatterà in maniera fortemente negativa. Purtroppo così non è stato, al momento ci sono solo sterili promesse. Dobbiamo difendere il lavoro: questa è un'emergenza che non può essere lasciata in secondo piano. Il concetto dovrebbe essere semplice e scontato: se lo Stato toglie la possibilità di lavorare deve risarcire le persone a cui impone questo dannoso stop. Come Comune abbiamo cercato di fare la nostra parte e continueremo a farla. Penso, ad esempio, al bando da 1,7milioni di euro a fondo perduto per le piccole imprese danneggiate dal lockdown. Il nostro impegno continua: ci attiveremo da subito per individuare soluzioni condivise, continua inoltre il lavoro di ‘Ferrara Rinasce' il progetto che abbiamo messo in campo per la ripartenza. Quando tutta questa difficile situazione sarà definitivamente finita, ci auguriamo il prima possibile, dobbiamo essere pronti a mettere in campo le energie migliori per il pieno rilancio economico e del territorio". Così il sindaco di Ferrara e vicepresidente Anci Emilia-Romagna Alan Fabbri alla luce dei contenuti del nuovo Dpcm.