Comune di Ferrara

lunedì, 18 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > A FERRARA SI ACCENDONO 4 ALBERI DI NATALE, DAL CENTRO ALLA PERIFERIA. IL SINDACO: "LA NOSTRA CITTÀ MERITA VESTITO MIGLIORE"

A FERRARA SI ACCENDONO 4 ALBERI DI NATALE, DAL CENTRO ALLA PERIFERIA. IL SINDACO: "LA NOSTRA CITTÀ MERITA VESTITO MIGLIORE"

29-11-2020 / Punti di vista

A FERRARA SI ACCENDONO 4 ALBERI DI NATALE, DAL CENTRO ALLA PERIFERIA. DAVANTI ALLA CATTEDRALE ABETE DA 52MILA LUCI. AL GRATTACIELO 48MILA. IL SINDACO: "POTENZIATI GLI ALLESTIMENTI, NOSTRA CITTÀ MERITA VESTITO MIGLIORE". IL QUESTORE: "AL GAD SI SPEGNE IL DEGRADO E SI ACCENDONO LE LUCI DEL RINNOVAMENTO"

Sono quattro gli alberi di Natale che questa sera sono stati contemporaneamente accesi - alla presenza di sindaco e assessori - in diversi punti della città, a Ferrara. Quello in piazza della Cattedrale (il Rondina Christmas Tree) - un abete di 15 metri donato dalla famiglia Fergnani di Portomaggiore - è allestito con 52mila luci. Al parco ‘Marco Coletta' alla base del Grattacielo, in zona stazione, l'abete è stato addobbato con 4800 metri di stringhe luminose, per 48mila led. Abeti (entrambi di 7-8 metri) da oggi sono posizionati, addobbati e illuminati anche all'acquedotto e in piazza Verdi (quest'ultimo è frutto di una donazione dell'azienda Roverati Giardini). Gli spettacoli luminosi portano la firma di Sartini impianti. Il sindaco Alan Fabbri e gli assessori hanno preso parte questa sera alla prima accensione, nei diversi punti della città, ma - per le disposizioni anti-covid - l'evento non è stato annunciato pubblicamente ma è stato trasmesso in streaming, sia sulla pagina Facebook del Comune di Ferrara, sia sulla pagina del primo cittadino. Al quartiere Giardino erano presenti anche dirigenti e agenti della polizia di Stato e della polizia locale, con l'unità cinofila. "Un evento atteso, importante e quest'anno ancora più carico di significato. Ferrara c'è ed è pronta a celebrare in sicurezza il Natale, con una città che abbiamo voluto arricchire di nuove luci - dice Fabbri -, creando qualcosa di nuovo e speciale. Una città meravigliosa come Ferrara merita il vestito migliore. Ringrazio le aziende, i privati, tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questi magnifici effetti, frutto di una felice partnership tra pubblico e privato. Un ringraziamento particolare alla famiglia Fergnani per aver donato un albero meraviglioso che, lo ricordiamo, non è stato sradicato ma che sarebbe comunque stato rimosso dalla sua posizione originaria. Abbiamo in questo modo ‘riciclato' un albero compiendo una scelta amica dell'ambiente".

Al quartiere Giardino erano presenti il vicesindaco Nicola Lodi, agenti della polizia di stato e della polizia locale: "L'allestimento natalizio è un segno di forte vicinanza a una zona che stiamo riqualificando e che è al centro di una grande progettualità comune, insieme a cittadini e forze dell'ordine, che ringrazio. Ogni punto della città merita la stessa attenzione e cura - spiega Lodi -: al quartiere Giardino i primi passi della riqualificazione li abbiamo già fatti: con la posa di sette alberi, il meraviglioso allestimento di Natale e con l'avvio dei lavori per portare al parco Coletta i primi campi sportivi. Il progetto proseguirà, questa zona è una delle più verdi di Ferrara e vogliamo che sia pienamente fruibile, in sicurezza, da famiglie, ragazzi, anziani, persone con disabilità. E' questo il futuro che abbiamo in mente".

Sull'accensione in zona Grattacielo interviene anche il questore Cesare Capocasa: "Si spegne il degrado, si accendono le luci del rinnovamento", dice. L'assessore Matteo Fornasini ha preso parte alla prima illuminazione dell'albero in piazza Verdi: "In una situazione straordinaria e complessa, abbiamo voluto dare un segnale importante di vicinanza alle attività commerciali che stanno vivendo un momento difficile, rendendo ancora più luminosa la nostra città, con la presenza di allestimenti natalizi che accompagneranno le prossime settimane e il Natale".

L'assessore, che ha anche la delega al commercio, ha poi lanciato il proprio personale appello: "Quest'anno più che mai cerchiamo di acquistare nei negozi di vicinato, nelle botteghe, sono un patrimonio inestimabile del nostro territorio. Mai come oggi è fondamentale sostenere l'economia locale". All'acquedotto l'assessore Angela Travagli ha invece simbolicamente tagliato il nastro della prima accensione dell'abete: "Questa è una zona dalle straordinarie potenzialità, dalla grande storia che vogliamo continuare a valorizzare - sottolinea -. Per questo, per il secondo anno, abbiamo portato un albero di Natale, sperando presto di poter tornare a mettere tutta l'area al centro di nuovi appuntamenti ed eventi, in piena sicurezza. Accendere le luci, oggi, celebra un momento importante e di grande significato, alla vigilia dell'avvento. Sarà un Natale diverso ma dal significato immutato. E con luci e allestimenti vogliamo anche dare un segno di fiducia nel futuro, sperando presto di poter tornare a vivere anche quest'area come vogliamo e come merita".