Comune di Ferrara

martedì, 19 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Scuola in Consiglio comunale. L'assessore all'Istruzione Dorota Kusiak: "Personale ausiliario verrà tutelato. L'opposizione sia costruttiva in questo delicato momento"

Scuola in Consiglio comunale. L'assessore all'Istruzione Dorota Kusiak: "Personale ausiliario verrà tutelato. L'opposizione sia costruttiva in questo delicato momento"

30-11-2020 / Punti di vista

SCUOLA IN CONSIGLIO COMUNALE, L'ASSESSORE ALL'ISTRUZIONE DOROTA KUSIAK: "PERSONALE AUSILIARIO VERRA' TUTELATO. L'OPPOSIZIONE SIA COSTRUTTIVA IN QUESTO DELICATO MOMENTO"

"Per quanto riguarda la clausola sociale a tutela del personale ausiliario impiegato nelle scuole d'Infanzia del Comune di Ferrara questa è già presente nel nuovo bando che l'amministrazione ha messo in opera per i dipendenti assunti attraverso contratto interinale. Allo stesso modo la continuità lavorativa durante il periodo natalizio è stata richiesta all'azienda che attualmente gestisce l'appalto e gli uffici preposti stanno già lavorando in tal senso. In questo senso le due risoluzioni proposte dall'opposizione, in relazione alla delibera di Variazione al Bilancio di Previsione, propongono operazioni che sono già in essere da parte dell'amministrazione e già chiaramente espresse come intenzioni politiche della stessa in diverse sedi istituzionali".

Così l'assessore all'Istruzione del Comune di Ferrara, Dorota Kusiak, è intervenuta durante la seduta odierna del Consiglio Comunale. Le due risoluzioni sono state respinte dalla maggioranza in quanto "già comprese nelle intenzioni e negli orientamenti già espressi ed attivati dall'amministrazione".

Sempre durante la seduta l'assessore ha lanciato un appello all'opposizione sollecitando la minoranza a "non strumentalizzare ogni passaggio ma di essere responsabilmente propositivi in un momento in cui le famiglie hanno bisogno di certezze e di servizi ben organizzati" e, a proposito di diritti dei lavoratori ha sottolineato come il Comune di Ferrara "più volte in passato, durante la giunta Tagliani aveva affidato servizi a realtà cooperative che, a quanto riportato sulla stampa dell'epoca, consideravano la gravidanza e l'avere i figli di età inferiore fino a 7 mesi come "giusta causa" di mancata assunzione".