Comune di Ferrara

martedì, 26 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > COVID AL PETROLCHIMICO, FABBRI: " PRESTO AL LAVORO CON AUSL E IFM PER VALUTARE POSSIBILE AMPLIAMENTO SCREENING DEI LAVORATORI"

COVID AL PETROLCHIMICO, FABBRI: " PRESTO AL LAVORO CON AUSL E IFM PER VALUTARE POSSIBILE AMPLIAMENTO SCREENING DEI LAVORATORI"

09-12-2020 / Punti di vista

COVID AL PETROLCHIMICO, IL SINDACO FABBRI: " PRESTO AL LAVORO CON AUSL E IFM PER VALUTARE POSSIBILE AMPLIAMENTO DELLO SCREENING DEI LAVORATORI"

"Il sistema di screening e tracciamento dei lavoratori che il consorzio Ifm ha messo a disposizione delle aziende del petrolchimico è una iniziativa lodevole e ben strutturata, fondamentale in uno dei punti nevralgici dell'economia cittadina. Comprendo quindi la richiesta che arriva dai sindacati di sistematizzare le attività di controllo e la sostengo negli intenti e nelle finalità: l'iniziativa di estendere la possibilità di effettuare i tamponi rapidi potenzialmente a tutti i lavoratori del Polo per essere efficace va però attentamente strutturata di concerto con le parti interessate tra cui in particolare l'Ausl e lo stesso Ifm. Nei prossimi giorni, in qualità di presidente della Ctss, mi occuperò di valutare con i soggetti attivi, un piano attuativo per lo screening preventivo che renda ancora più efficace il sistema di controllo sui lavoratori già molto avanzato".

Così il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, interviene sulla questione dello screening da Covid 19 per i lavoratori del Polo Chimico di Ferrara. "Già da alcune settimane lo screening è attivo attraverso un punto di accesso riservato ai lavoratori segnalati dalle singole aziende che necessitano di una verifica all'interno del quale è a disposizione un medico del Consorzio che effettua tamponi rapidi i cui costi sono sostenuti dalle singole aziende. L'obiettivo è tracciare i contatti dei contatti (per evitare che senza saperlo siano a loro volta positivi) e i lavoratori che rientrano da periodi di smart working - spiega Fabbri -. Estendere i controlli è una scelta preventiva certamente importante ma che deve necessariamente essere organizzata prevedendo l'intervento di ulteriore personale medico. Per questo avvieremo nei prossimi giorni un confronto tra le parti sul tema per individuare la soluzione più efficace e sostenibile".