Comune di Ferrara

lunedì, 18 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Covid, screening al Polo Chimico grazie a una convenzione tra Comune, Ausl e Ifm. Il sindaco Fabbri: "Ferrara fa sistema per tutelare Petrolchimico. Fondamentale garantire sicurezza ai lavoratori e alla comunità ferrarese"

Covid, screening al Polo Chimico grazie a una convenzione tra Comune, Ausl e Ifm. Il sindaco Fabbri: "Ferrara fa sistema per tutelare Petrolchimico. Fondamentale garantire sicurezza ai lavoratori e alla comunità ferrarese"

04-01-2021 / Punti di vista

Un patto di collaborazione tra Comune, Ausl e Ifm per rafforzare lo screening anti-covid al Polo Chimico di Ferrara. E' questo il contenuto della convenzione a tre, che verrà sottoscritta nelle prossime ore, e che rafforza l'attività di monitoraggio che Ifm porta avanti sul Petrolchimico già da settimane. Grazie alla convenzione sarà direttamente l'Ausl a fornire il personale medico che si occuperà di effettuare i test, Ifm metterà a disposizione la struttura all'entrata dell'area e gestirà direttamente l'acquisto dei tamponi, mentre il Comune di Ferrara si occuperà di sostenere e promuovere l'iniziativa utile a fronteggiare la diffusione del virus.

La campagna di screening sarà rivolta ai dipendenti delle aziende che operano nel Petrolchimico, l'adesione sarà volontaria e la campagna potenzialmente coinvolge una popolazione di circa 3.000 persone.

"Con la convenzione che andiamo a sottoscrivere Ferrara dimostra di essere unita nella lotta alla diffusione del Covid 19 e di essere capace di fare sistema per il bene dei cittadini. Il petrolchimico è per Ferrara una realtà centrale dal punto di vista economico che va tutelata nel migliore dei modi in questo momento particolarmente delicato. Oltre ad essere l'asse portante dell'economia industriale del territorio è anche il luogo di scambio più frequente della nostra città con l'Italia e con l'estero. Basti pensare che da quell'area passano ogni giorno circa 6000 persone per affari e consegne. Come presidente della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria ho promosso la stipula di questa convenzione che rafforza le attività di monitoraggio che già Ifm aveva avviato - spiega il sindaco di Ferrara Alan Fabbri - e come Comune di Ferrara abbiamo scelto di sostenere l'iniziativa in quanto volta a tutelare la salute di tutta la comunità ferrarese oltre che dei lavoratori".

E aggiunge: "Ringrazio Ausl e Ifm per la collaborazione in questo importante intervento a garanzia della salute di tutti e un ringraziamento va, fin da ora, alle imprese che vorranno aderire allo screening promuovendo presso i dipendenti la massima attenzione al tema della salute".

Per dare il via allo screening Ifm allestirà una postazione di "drive through" dove eseguire i test presso l'ingresso della portineria est (Piazzale Donegani 12), all'interno della quale sarà presente un medico dell'Ausl per due giorni alla settimana (con orario 8-12; 13-17) che si occuperà dell'attività di prelievo ed esecuzione del tampone rapido antigenico e della successiva refertazione.

"Siamo molto soddisfatti, in questo modo la collaborazione istituzionale si potenzia in meglio per le attività di prevenzione e screening. Questo permette infatti di dare ulteriore forza al sistema complessivo mirato a fronteggiare l'emergenza sanitaria e allo stesso tempo l'opportunità di offrire servizi ancor più di prossimità alla nostra popolazione", commenta Monica Calamai, direttore generale dell'Azienda USL di Ferrara.

Per quanto riguarda gli aspetti economici Ifm sosterrà i costi relativi alla realizzazione della struttura destinata ad accogliere il drive through, tutti i costi di tipo organizzativo di carattere generale, compresi quelli relativi alla dotazione di dispositivi di protezione individuale e il costo dei tamponi che la stessa Ifm acquisterà in via autonoma grazie al contributo dei propri soci.

"Questa convenzione struttura in modo consistente le nostre attività di Medicina del Lavoro e continuerà ad evitare la diffusione del virus all'interno del Polo chimico - spiega l'amministratore delegato di IFM, Paolo Schiavina -. Lo screening in collaborazione con Ausl ci permette di aumentare l'attività preventiva in accordo con le aziende e per la sicurezza di tutti. Inoltre abbiamo dato disponibilità ad Ausl per sostenere in termini logistici anche la campagna vaccinale anti-covid e stiamo provvedendo alla installazione, presso un locale dedicato di una cella frigorifera ULT ed un ulteriore frigorifero idonei alla conservazione dei vaccini qualora emergano necessità di coinvolgimento di Ifm che mette a disposizione la propria struttura".