Comune di Ferrara

sabato, 25 settembre 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > 19 marzo 2021: lettera dei "Fridays for Future Ferrara" nel giorno dello sciopero globale per il clima

19 marzo 2021: lettera dei "Fridays for Future Ferrara" nel giorno dello sciopero globale per il clima

16-03-2021 / A parer mio

19 marzo 2021 - Caro lettore o cara lettrice, per caso mangi? Respiri? Ti piace bere l'acqua potabile? Non digerisci bene le pandemie globali? Ti piace la birra? Non ti vanno a genio i fortunali e le alluvioni? Se la risposta a queste domande è sì, allora questo articolo ti riguarda molto da vicino, più di quanto tu possa averne concezione.

Basta false promesse, questo è ciò che Fridays For Future chiede al governo italiano e al mondo, in questo ennesimo Sciopero Globale per il Clima. Sciopero: per la tutela dei diritti e dei comuni interessi degli esseri viventi sul pianeta, in particolare , delle future generazioni. Globale: perché il suolo, la terra e l'aria fanno parte di un unico insieme, da cui tutti dipendiamo. In 50 anni di studi sul clima, abbiamo ottenuto tante promesse inefficienti, tante parole, con il risultato pratico di un aumento della temperatura media globale di 1,3°. L'obiettivo principale degli Accordi di Parigi è quello di bloccare l'aumento della temperatura globale a 1.5, in quanto l'IPCC (international panel for climate change) ha calcolato che ci saranno risvolti drammatici incalcolabili, in campo economico, sanitario e sociale, una volta superata questa soglia. Un esempio è che se si alzasse la temperatura , i ghiacciai si scioglierebbero, e sono già stati individuati alcuni antichissimi patogeni dormienti che potrebbero causare altre pandemie; che dire poi dell'acqua, sempre più inquinata e diluita nei mari; hai presente che Ferrara si trova in una pianura alluvionale sotto il livello del mare? Fra qualche decennio potremmo trovarcelo molto vicino, sommergendo tutto ciò che si trova da qui alla riva dei Lidi. Questi sono pochissimi effetti collaterali della crisi climatica, però oggi non siamo qui per fare allarmismo, ma per fare attivismo.

Quindi, se l'aumento odierno corrisponde a 1.3° e il limite d'intervento è stabilito a 1.5°, possiamo dire che stiamo già messi male? Certo, ed è per questo che non abbiamo mai fermato le nostre proteste per il clima, non ci siamo mai fermati, proprio come l'aggravarsi della crisi climatica. Oggi tutto il mondo sta protestando per chiedere delle politiche e delle strategie reali, efficaci, coraggiose, che mirino alla decarbonizzazione completa entro il 2050, per chiedere giustizia climatica. La giustizia climatica non è fare giardinaggio, è assicurare un futuro stabile e salutare alle persone a cui si sta prendendo in prestito questa terra: le future generazioni.

Oggi è il giorno di agire, di partecipare ad una protesta che ci riguarda tutti, per rispondere ad una crisi subdola, che viene percepita distante perché lenta e chiazzata, ma che in realtà è il più grande problema che la specie umana abbia mai affrontato, perché si tratta di rivalutare tutto ciò che abbiamo costruito fin ora per renderlo sostenibile. Si tratta di ripensare ai nostri consumi e alle nostre abitudini. Una volta fatto ciò, ci renderemo conto che non basta pensare solo a quello che i singoli fanno. Infatti le azioni individuali sono necessarie ma non sufficienti.

Come agire al di fuori del proprio orticello,allora? L'importanza dell'agire è fare comunità, fare pressione sulla politica, donando il voto a chi si preoccupa veramente del nostro futuro, che è sempre più chiaramente legato all'ambiente. E' importante agire localmente e pensare globalmente, attivandosi in associazioni ambientaliste come Fridays For Future, o nelle altre svariate realtà presenti. A Ferrara è nata la Rete della Giustizia Climatica, un gruppo che riunisce tutte le realtà di tutela ambientale e sociale. Inoltre si può scioperare, oppure denunciare gli atti dannosi contro il nostro territorio, parlare con amici e parenti di quanto sia importante farlo. Dobbiamo pretendere dai giornali che facciano informazione chiara e reale sulla crisi climatica, chiedere che venga trattata come una reale crisi. È necessario firmare le petizioni, in particolare le ECI (Iniziativa dei Cittadini Europei) che non sono delle normali petizioni, ma uno strumento ufficiale messo a disposizione dalla Commissione Europea per organizzare e chiedere tutti insieme nuovi quadri legislativi su molteplici materie.

Come quella che puoi trovare nel sito di Fridays For Future Italia. Informiamoci, perché insieme possiamo fare la differenza, perché se tu non vuoi tutelare il tuo futuro, pensi che qualcuno lo farà al posto tuo?

Fridays For Future Ferrara

Immagini scaricabili: