Comune di Ferrara

lunedì, 27 settembre 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il 15 e 16 maggio 2021 tornano le giornate "FAI di primavera", la più grande festa di piazza dedicata al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese

Il 15 e 16 maggio 2021 tornano le giornate "FAI di primavera", la più grande festa di piazza dedicata al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese

14-05-2021 / A parer mio

(Comunicazione a cura di FAI-delegazione di Ferrara)
"Torna la più grande festa di piazza dedicata al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. 600 aperture in oltre 300 città in tutta Italia, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria"
E' questo l'incipit della pagina del FAI NAZIONALE cliccando "GIORNATE FAI DI PRIMAVERA" e ancora
"il 15 e 16 maggio 2021 apriamo le porte dell'incredibile"
La Delegazione Fai di Ferrara con entusiasmo aderisce alla XXIX edizione della Giornate di Primavera come ogni anno, ma ancora più motivata e desiderosa di farlo. Questi due anni legati alla pandemia sono stati faticosi e dolorosi, ma attraverso la ricchezza artistica e naturalistica delle nostre città si può trovare ristoro e noi volontari Fai speriamo di condividere questi momenti di bellezza e svago con tutti i ferraresi e non che vorranno partecipare e condividere con noi le giornate del 15 e 16 maggio prossimo.
Nelle Giornate di Primavera la delegazione di Ferrara propone quattro aperture di cui una a Ferrara città e tre in provincia, siti diversi fra loro ma ugualmente interessanti e per alcuni anche sconosciuti.
La prima apertura è in centro città, in via Borgo dei Leoni 28, si tratta di Palazzo Naselli Crispi sede storica del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, che aprirà le sue porte ai visitatori per la prima volta dopo il significativo intervento di riparazione dei danni prodotti dal sisma del maggio del 2012 e contestuali opere di restauro degli apparati architettonici e decorativi, manutenzione straordinaria ed adeguamenti impiantistici, terminato nell'ottobre del 2020. Il palazzo progettato da Girolamo da Carpi per Giuliano Naselli è considerato l'unico esempio compiuto di architettura civile cinquecentesca a Ferrara. Il Consorzio di Bonifica ha aderito con molto entusiasmo all'iniziativa del Fai condividendone la missione volta a far conoscere, valorizzare e tutelare i nostri Beni: storici, artistici ed ambientali|naturalistici come valore identitario della nostra comunità.

Ed è proprio in questa ottica comune che il Consorzio ci consente di aprire, oltre al Palazzo, l'impianto idrovoro di Codigoro, uno dei complessi più significativi della bonifica italiana ed europea. Il complesso si articola in cinque impianti che si sono sviluppati a partire dagli anni settanta del 1800; è del 1905-1913 quello delle Acque Basse, sono negli occhi di molti le ciminiere ritratte a fianco del Castello Estense nelle opere di De Chirico e del 1995 quello delle Acque Alte, questi due ultimi impianti sono tuttora in funzione. A conferma della condivisione di intenti, in particolare volto a sviluppare la conoscenza dell'ambiente e del territorio ferrarese, il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara ha accettato di diventare Iscritto Sostenitore del Fai. Si segnala inoltre che Palazzo Naselli Crispi è stato segnalato dal Fai Nazionale come una delle visite più interessanti in ambito nazionale di queste giornate.
Il terzo sito in apertura è a Comacchio dove la proposta per le Giornate è un percorso all'aria aperta immersi nell'affascinante natura di Valle Foce, dove è possibile vedere anche i fenicotteri rosa. La visita comprende la sosta agli antichi casoni di pesca restaurati e dopo una passeggiata nel tipico paesaggio vallivo si può vedere la ricostruzione di alcune tipologie abitative della perduta civiltà di Spina, facendo un salto storico di oltre 2500 anni. Dalla valle si possono vedere i fenicotteri rosa.
Per visitare l'ultimo sito aperto, bisogna spostarsi dall'altro capo della provincia, a Cento, dove si potranno visitare l'Oratorio della Crocetta ed i pilastrini votivi posti sulla strada dei pellegrini che da Nord si dirigevano a Roma, lungo la via Francigena. L'interno stupisce per gli affreschi di Santi alle pareti, ma ancora di più per la parte archeologica, rinvenuta durante le operazioni di recupero architettonico e artistico del 2003.
Le aperture sono affidate ai volontari della Delegazione Fai Ferrara e al gruppo Giovani, con i volontari di Comacchio e Cento, con il supporto del personale del Consorzio di Bonifica e nel caso dell'Impianto Idrovoro di Codigoro della IV B dell'Istituto Tecnico Superiore G.B. Aleotti che si presteranno a svolgere il compito di Apprendisti Ciceroni.

FAI  Delegazione di Ferrara

Si avvicinano le Giornate di Primavera e la delegazione di Ferrara è in fermento, assieme ai possessori o gestori dei Beni in apertura, per dare il miglior sevizio e soprattutto per l'emozione di rivedere gli amici, che in questi due lunghissimi anni sono stati lontani. La delegazione di Ferrara tra il 2020 e questo inizio 2021 ha fatto alcune iniziative con risultati molto soddisfacenti, come per esempio le Giornate di Autunno dello scorso anno, evento promosso dal Fai Nazionale, con le aperture dei Palazzi Giulio d'Este e Trotti Mosti , le Giornate FAI per le Scuole del marzo di quest'anno e un seminario online sulla Certosa di San Cristoforo ancora in corso, ma è mancata la possibilità di una programmazione più intensa che non coinvolge solo gli aspetti culturali ma anche quelli sociali, finalmente questo momento è arrivato, ovviamente sempre nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, ma un piccolo spiraglio di normalità è alle porte.
Ferrara, Codigoro, Cento, Comacchio, quattro realtà con fascini diversi legati al lavoro dell'uomo come l'impianto idrovoro che ci porta a pensare agli scariolanti, alla bonifica del territorio e nel contempo all'evoluzione della tecnologia o Valle Foce con la pesca delle anguille e i lavorieri in un territorio che offre grandi suggestioni da preservare e valorizzare sempre di più, e agli aspetti devozionali come l'Oratorio, meta di pellegrini fin dalle origini, oltre che artistici, architettonici, storici, come anche Palazzo Naselli Crispi, valori materiali e immateriali propri della nostra identità.
Conto alla rovescia, quindi, le visite necessariamente su prenotazioni stanno avendo riscontro, ma ancora una volta la delegazione vuol dire ai ferraresi e non "vi aspettiamo, faremmo il possibile per trasmettervi quell'entusiasmo che abbiamo noi e non solo i delegati ma anche chi, con lo stesso spirito legato alla trasmissione del valore del nostro patrimonio culturale, ci sta affiancando, il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, Il Parco del Delta, la Parrocchia di Santa Maria e S. Isidoro di Penzale e i ragazzi, con la loro insegnante e la preside, della IV B dell'Istituto Superiore G.B. Aleotti."

Nota del Presidente del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara.

Una ripartenza - spiega Calderoni - per godere nuovamente della cultura e della storia del nostro territorio, dopo un lungo periodo di chiusure dovute all'emergenza sanitaria che ha privato le persone, naturalmente per necessità, della bellezza e delle emozioni che solo l'arte e la cultura riescono a dare. Per noi è importante far entrare le persone dove lavoriamo e svolgiamo le nostre attività ogni giorno: non luoghi distanti e inaccessibili ma un patrimonio dell'intera comunità.

I Beni visitabili sono:
Palazzo Naselli Crispi, Ferrara; l'Impianto Idrovoro di Codigoro; Valle Foce a Comacchio e l'Oratorio della Crocetta di Penzale, Cento.

Sul sito Giornate Fai di Primavera la possibilità di prenotarsi nei quattro siti, di leggere le schede descrittive e di vedere alcune foto dei luoghi: https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghi-aperti/?comune=FERRARA

Immagini scaricabili: