Comune di Ferrara

sabato, 23 ottobre 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > MIRAEL, LE MURA DI FERRARA SCENARIO DEL NUOVO VIDEOCLIP "LA TUA FERITA"

MIRAEL, LE MURA DI FERRARA SCENARIO DEL NUOVO VIDEOCLIP "LA TUA FERITA"

06-06-2021 / Punti di vista

MIRAEL, LE MURA DI FERRARA SCENARIO DEL NUOVO VIDEOCLIP "LA TUA FERITA". DA OGGI ALLE 12 ONLINE, IERI LA PRESENTAZIONE. LA CANTAUTRICE: "UN MESSAGGIO DI SPERANZA DOPO MESI DIFFICILI". L'ASSESSORE FORNASINI ALLA PRESENTAZIONE: "MASSIMO SOSTEGNO A PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E A SETTORE SPETTACOLI"

Ferrara, 5 giu - Sono le mura di Ferrara lo scenario del nuovo videoclip della cantautrice ferrarese Mirael, presentato in anteprima ieri al Cinema Teatro Santo Spirito e da oggi alle 12 disponibile sul canale Youtube dell'artista (https://www.youtube.com/watch?v=hLCJ0dUbgGw) e sulle piattaforme digitali come Spotify, Amazon e Apple Music.

Si chiama "La tua ferita" la canzone che Mirael interpreta negli scenari delle mura ed è parte di un album - "Sentire l'Amore" - una produzione Suonamidite Mixstudio diretta da Mario Costanzi con arrangiamenti di Alberto Piva, orchestrazioni di Filippo Rubini e realizzato in collaborazione con l'Associazione Suonamidite Onlus. Il Comune di Ferrara ha concesso il patrocinio all'iniziativa. "Un'iniziativa che ha il nostro pieno appoggio - ha sottolineato l'assessore Matteo Fornasini, ieri sera alla prima del video - perché contribuisce alla promozione del patrimonio di Ferrara, valorizza il talento di una grande artista ferrarese e contribuisce a offrire supporto a un settore, quello degli spettacoli, duramente colpito dalle chiusure".

E sono state proprio le chiusure a impedire a Mirael di presentare prima il proprio video musicale. "In tanti lo stanno attendendo - ha detto ieri l'artista - anche da Brasile, Perù, Messico, Spagna e da tutta Italia". "La tua ferita" è un brano cui sono molto legata e che ho composto quando avevo 16 anni. Mi ha dato forza soprattutto nei momenti difficili e spero possa accompagnare il cammino di altre persone".

Il messaggio di speranza veicolato dal brano è rappresentato, nel video, dalla ricerca interiore della protagonista, un'adolescente, e dal suo rapporto col padre. "La relazione tra figlia e padre è un'immagine che abbiamo ritenuto adatta per parlare anche del nostro rapporto con Dio", ha poi spiegato il regista, padre Massimiliano M. De Gasperi, dell'ordine dei Frati Francescani dell'Immacolata, che he avuto l'idea di ambientare il videoclip nello scenario della cinta muraria durante una passeggiata nel periodo a ridosso del lockdown: "Ho pensato fosse necessario diffondere un messaggio di guarigione" dalle ferite di un male che ormai da tempo conosciamo. Non a caso il ritornello richiama le parole del profeta Geremia: "Farò cicatrizzare la tua ferita e ti guarirò dalle tue piaghe". Ne è nato - hanno poi spiegato i relatori - un intreccio di felici circostanze che hanno portato a scoprire un videomaker professionista tra i parrocchiani e ad acquisire la disponibilità degli stessi parrocchiani a vestire i panni degli attori.

Tra gli interpreti, Piergiorgio Tartari che nel videoclip impersonifica il padre che accoglie e abbraccia la propria figlia negli scenari cittadini. "Le mura non sono solo luogo di aggregazione ma camminare sulle mura è camminare sulla storia e in 'teatri' di scontri, di battaglie, di vicende che hanno segnato il passato, in luoghi che hanno subito straordinari sviluppi nel corso dei secoli, conservando il segno dei tempi", ha detto.

"Ci sono corde dell'anima che solo la musica può toccare e vuoti che solo l'Amore può riempire" è il motto dell'artista che ha sottolineato come l'arte, la musica in particolare, nasca dal cuore e parli al cuore esattamente come la Sacra Scrittura che talvolta ispira i suoi brani. Il progetto è nato dal desiderio di 'fare sentire l'Amore', come dice l'album, e raggiungere le persone in un momento difficile attraverso la musica che "a tutti, oltre i limiti e le distanze, può portare un messaggio di speranza", ha concluso Mirael.

Sono intervenuti, infine, gli attori Edda Guerzoni, don Tommaso Pevarello, il curatore delle riprese e del montaggio, Fabrizio Oggiano, e Alberto Piva. Sulle immagini del backstage e del making of si è conclusa la serata che ha regalato al pubblico musica, racconti, riflessioni e retroscena ma soprattutto immagini destinate a valorizzare, anche fuori città, le mura ferraresi.

 

Immagini scaricabili: