Comune di Ferrara

venerdì, 30 luglio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Prorogata la mostra alla Marfisa del fotografo Koporossy, sala con nuove immagini. Gulinelli: "Nove esposizioni aperte in città". Di Natale: "Lavoriamo a mostra su Minerbi"

Prorogata la mostra alla Marfisa del fotografo Koporossy, sala con nuove immagini. Gulinelli: "Nove esposizioni aperte in città". Di Natale: "Lavoriamo a mostra su Minerbi"

30-06-2021 / Punti di vista

PROROGATA LA MOSTRA DEL FOTOGRAFO DELL'ACQUA KOPOROSSY, NUOVA SALA CON IMMAGINI DELLE FONTANE DI FERRARA. ASSESSORE GULINELLI: "NOVE ESPOSIZIONI APERTE IN CITTÀ". IL DIRETTORE DI FERRARA ARTE DI NATALE: "LAVORIAMO A MOSTRA SU MINERBI"

Ferrara, 30 giu - È prorogata fino al 26 settembre (il termine inizialmente previsto era il 4 agosto) la mostra del fotografo dell'acqua Claudio Koporossy che da oggi accoglie, negli spazi di palazzina Marfisa d'Este, una sala con nuove foto scattate in alcuni scenari d'acqua ferraresi. Le novità sono state presentate oggi dallo stesso Koporossy, che ha ritratto la fontana di Arrigo Minerbi all'acquedotto monumentale, quelle di Parco Massari e piazza Repubblica, i getti interni al fossato del Castello. Al nuovo, simbolico, taglio del nastro di un momento che segna il rilancio dell'esposizione, era presente anche l'assessore Marco Gulinelli, che ha ringraziato e si è complimentato col fotografo-artista, sottolineando in particolare "l'attenzione per la qualità fotografica e delle stampe". Attenzione - ha poi aggiunto il direttore di Ferrara Arte Pietro di Natale - che traspare dagli scatti, che coinvolge chi guarda e che si rivolge al patrimonio di Ferrara, che è patrimonio di un Paese che è museo diffuso e continuo. Di Natale ha inoltre anticipato: "La foto dell'acqua che scorre sugli affluenti immaginati da Arrigo Minerbi come piccoli bambini, anticipa il nostro programma di celebrare questo grande scultore, in coerenza con il nostro impegno: valorizzare i grandi maestri del territorio".

Le immagini che saranno esposte fino al 26 settembre a palazzina Marfisa d'Este - ha spiegato Koporossy - sono frutto di un lavoro iniziato ancora prima dell'inaugurazione della mostra (il 30 aprile). "Sono stati giorni bellissimi, a Ferrara si sta particolarmente bene - ha rivelato -. Ho trovato particolarmente interessante la nuova fontana di piazza della Repubblica, con i suoi getti a cupola e le sue scenografiche illuminazioni che consentono di fare belle foto notturne".

Koporossy ha condiviso inoltre una riflessione: "Più procedo in questo viaggio più sono affascinato dall'acqua, che ci ha fatto nascere, vivere e che continua a starci vicino. Noi andiamo e veniamo. E l'acqua è sempre quella. Potrebbe essere, in uno sforzo di immaginazione, quella bevuta da Napoleone o quella in cui ha fatto il bagno Cleopatra o Marilyn Monroe. È un elemento non tracciabile ma è, nello stesso tempo, quello più internazionale che esista al mondo".

L'assessore Gulinelli ha poi evidenziato che "sono nove, ad oggi, le mostre e i musei aperti in città. Oltre a Koporossy, Antonio Ligabue a palazzo dei Diamanti, Giovanni Battista Crema e Giovanni Boldini al Castello (che nel cortile interno ospita anche le opere di Sara Bolzani e Nicola Zamboni), il Nuovo Museo Schifanoia, con l'inedita ala Quattrocentesca, il nuovo allestimento per la Madonna della Melagrana al museo della Cattedrale. Ancora: il parco delle sculture con la nuova opera di Mario Pavesi (‘Possanza') davanti alla fiera e, al Pac, l'allestimento dello storico e fotografo Italo Zannier.
(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili: