Comune di Ferrara

domenica, 03 luglio 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Palazzo Schifanoia, primi frutti nel nuovo giardino e progetto di 'Marmellata del Duca'. Il sindaco: "Perfetta cornice d'ispirazione rinascimentale"

Palazzo Schifanoia, primi frutti nel nuovo giardino e progetto di 'Marmellata del Duca'. Il sindaco: "Perfetta cornice d'ispirazione rinascimentale"

09-06-2022 / Punti di vista

PALAZZO SCHIFANOIA, PRIMI FRUTTI NEL NUOVO GIARDINO. L'IDEA DI UNA "MARMELLATA DEL DUCA". STRATEGIE DI LOTTA INTEGRATA. NASCE ANCHE IL ROSETO. SINDACO: "UNA PERFETTA CORNICE, DI ISPIRAZIONE RINASCIMENTALE, ARRICCHISCE QUESTO PATRIMONIO STRAORDINARIO"
Ferrara, 9 giugno - Stanno nascendo i primi frutti nel nuovo giardino di palazzo Schifanoia, di ispirazione rinascimentale.
Pere, susine, mele sono in crescita, sui 31 alberi a spalliera già posati nelle porzioni nord e est e sui due meli, altrettanti peri e un susino, singoli, il cui sviluppo - non potato - acquisterà per i più giovani anche una valenza didattica. L''allevamento' delle piante è stato condotto con tecniche e materiali ambientalmente compatibili, come la rafia (per gli alberi da frutta) e la corda di juta usata per fissare le rose alla pergola e ai supporti metallici ai muri. Ora l'idea, a cui tecnici e appassionati, stanno lavorando è realizzare - produzione permettendo - una possibile 'Marmellata del Duca', con i frutti disponibili. Sarebbe, nel segno della tradizione, un elemento di circolarità dopo il restauro, la progettazione e il risultato del nuovo giardino di respiro Quattrocentesco, anche coerente con la scelta di mettere a dimora specie antiche, scelta che potrebbe essere legata anche a un loro eventuale utilizzo, come da tradizione. Ne studieremo la fattibilità e l'eventuale attuazione, dicono gli addetti ai lavori.

"Questo progetto e questo luogo sono per i visitatori un balzo immersivo indietro nel tempo. Qui si vive e si respira Rinascimento, bellezza; questa è la perfetta, e più aderente, cornice per il magnifico palazzo Schifanoia", dice il sindaco Alan Fabbri.
La 'coltivazione' dei nuovi frutti di palazzo Schifanoia è legata a strumenti ambientalmente compatibili per la lotta integrata contro gli afidi. In particolare, è stato utilizzato un prodotto a base di sapone di Marsiglia: un rinvigorente fogliare distribuito insieme all'inserimento di 300 coccinelle (nome latino Adalia bipunctata), note antagoniste dei parassiti.
A curare tutte le operazioni è stato l'architetto paesaggista Manfredi Patitucci, insieme all'architetto Rossella Bizzi e all'ingegnere Paolo Rebecchi, con le competenze di Copma. "Abbiamo evitato l'utilizzo di prodotti chimici contro gli elementi patogeni. Con pazienza abbiamo atteso il momento giusto prima di procedere con le operazioni di lotta integrata. Gli alberi hanno reagito, in generale, positivamente". Oltre al frutteto è ora visibile anche il nuovo roseto, con quattro differenti specie di rose che colmeranno di colori le pareti e la pergola di nuova costruzione. La pergola segna un camminamento in senso longitudinale rispetto al perimetro del giardino, secondo alcune linee rintracciate dell'antica planimetria storica. I lavori sono ancora in corso e prossimi al completamento. Come spiega Patitucci, nella stagione più opportuna, in autunno, sarà realizzata una nuova semina del prato per uniformare il manto erboso.
(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili:

Palazzo Schifanoia - Il nuovo pergolato Palazzo Schifanoia - le rose Palazzo Schifanoia - le rose Palazzo Schifanoia - La coccinella Adalia Bipunctata usata per la lotta integrata Palazzo Schifanoia - Pere nascenti