Comune di Ferrara

mercoledì, 10 agosto 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nuova luce per palazzo Borsari con partnership pubblico-privato. Ora impresa al lavoro per la riqualificazione della cornice delle vetrine

Nuova luce per palazzo Borsari con partnership pubblico-privato. Ora impresa al lavoro per la riqualificazione della cornice delle vetrine

29-06-2022 / Punti di vista

NUOVA LUCE PER PALAZZO BORSARI CON PARTNERSHIP PUBBLICO-PRIVATO, COMPLETATA LA PRIMA PARTE. ORA IMPRESA AL LAVORO PER RIQUALIFICAZIONE NELLA CORNICE DELLE VETRINE. A LUGLIO FINE LAVORI
Ferrara, 29 giugno 2022 - Nuova luce per palazzo Borsari che, liberato in queste ore dai ponteggi, svela la nuova facciata sovrastante, in attesa del prossimo step dei lavori, che si concentreranno sulla parte sottostante, con la pulitura e la riqualificazione delle volte che 'incorniciano' le vetrine e gli accessi (tra cui quello, retrostante, al Teatro Comunale). I lavori, avviati nella seconda metà di aprile, si concluderanno a luglio. A realizzarli è l'impresa Pasquali, sulla base di uno specifico accordo tra pubblico e privato, che ne condividono la proprietà.

Come sottolinea l'assessore Andrea Maggi, l'intesa - per la quale l'Amministrazione ha investito circa 30mila euro - "consentirà di realizzare un lavoro unitario sull'intero immobile, restituendo alla città un palazzo storico rinnovato, che si pone in piena continuità con la bellezza e l'imponenza del Teatro". La proprietà è infatti mista, in parte - per i civici 40/B, 40/C, 40/D - è dei privati e in parte - per quanto riguarda i civici 40/A, 40, 38, 36 e 34 - è del Comune. Gli abitanti potranno avvalersi dei benefici fiscali previsti dalla normativa per il recupero delle facciate storiche nei centri cittadini. Diversi i professionisti del Comune ed esterni che compartecipano al progetto: il responsabile dei lavori è l'ingegnere comunale Paolo Rebecchi, la progettista l'architetto Rossella Bizzi mentre l'architetto Barbara Guerzoni è il coordinatore per la sicurezza.

Palazzo Borsari è considerato come 'prolungamento' del Teatro Comunale ed è parte integrante di un insieme storico-artistico e culturale della città. Nasce in epoca Estense come sede delle poste dei cavalli e deposito per le munizioni dei carri. Con la costruzione del Teatro, alla fine del 1700, l'edificio viene acquistato, inizialmente solo in parte, dalla Municipalità per collocarvi il prolungamento della scena. Acquisito, poi, interamente, il palazzo è stato ristrutturato nel 1800 per ospitare appartamenti da destinare agli artisti e ai commissari austriaci mentre una parte del fabbricato ospitava i camerini e, nella parte sottostante, magazzini e negozi. A inizio '900, a seguito di un incendio, viene realizzato l'attuale prospetto, che si affaccia in parte su corso Giovecca, in stile rinascimentale con otto ingressi vetrine ad arco ribassato, otto finestre per piano, un balconcino al primo piano, e un ingresso carraio alla corte interna.
(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili:

Palazzo Borsari, come si presenta ora e com'era prima dei lavori