Comune di Ferrara

mercoledì, 10 agosto 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Cimitero ebraico, dal Ministero finanziamento a progetto Amministrazione-Meis, per il recupero del monumento a Pico Cavalieri dello scultore Arrigo Minerbi. Sindaco: "valorizziamo memoria e bene di pregio"

Cimitero ebraico, dal Ministero finanziamento a progetto Amministrazione-Meis, per il recupero del monumento a Pico Cavalieri dello scultore Arrigo Minerbi. Sindaco: "valorizziamo memoria e bene di pregio"

15-07-2022 / Punti di vista

CIMITERO EBRAICO, VIA LIBERA DAL MINISTERO A FINANZIAMENTO PROGETTI AMMINISTRAZIONE-MEIS, PER IL RECUPERO DEL MONUMENTO A PICO CAVALIERI DEL CELEBRE SCULTORE ARRIGO MINERBI. L'OPERA AL CIMITERO ISRAELITICO. SINDACO: "VALORIZZIAMO MEMORIA E BENE DI PREGIO"

Ferrara, 15 lug - Ministero della Cultura, Comune di Ferrara e Museo Nazionale dell'ebraismo italiano e della Shoah uniti per il recupero del monumento all'aviatore ferrarese Pico Deodato Cavalieri, firmato dal celebre scultore Arrigo Minerbi e presente nel cimitero israelitico secentesco di via delle Vigne. Il dicastero ha infatti recentemente dato il via libera al progetto congiunto che dispone un proprio stanziamento di circa 20mila euro, a cui si uniranno circa 10mila euro finanziati dal Comune e 2mila euro dal Meis, per il restauro dell'opera dell'aviatore, decorato di due medaglie d'argento al valore militare, che morì a causa di un incidente aereo nel gennaio del 1917.
  La tomba dell'ufficiale pilota porta la firma del celebre scultore Arrigo Minerbi (1881-1960), anch'egli ferrarese e noto ben oltre i confini di Ferrara, e della sorella Anita Cavalieri, scultrice e poetessa; è ornata di aquile bronzee e di una cancellata con motivi decorativi. Da  anni versa in condizioni critiche.  
 Alla morte di Pico Cavalieri, la famiglia ha donato al Comune  le sue divise e i suoi cimeli di guerra, le sue collezioni etnografiche, un ampio patrimonio documentale e, soprattutto, il palazzo in Corso Giovecca 165, perché ospitasse la "Casa della Patria Pico Cavalieri" e le associazioni patriottiche. L'edificio, attualmente oggetto di un esteso progetto di riqualificazione, è destinato ad ospitare anche il riallestito Museo del Risorgimento e della Resistenza.
 "Il finanziamento destinato al monumento è una notizia molto positiva e che rappresenta il compimento di un percorso che abbiamo costruito insieme al Meis, che ringrazio. Il Comune comparteciperà convintamente alle spese per questo tipo di intervento che rappresenta, oltre che un progetto di riqualificazione, di recupero e di valorizzazione di un'opera scultorea di grande pregio, anche un progetto legato alla memoria di una figura centrale in un'epoca fondamentale della stagione post-risorgimentale", dice il sindaco Alan Fabbri, sottolineando che "Ferrara, cuore dell'ebraismo italiano, ha a cuore la tutela del patrimonio, la valorizzazione della cultura ebraica e dell'importante contributo che questa ha dato alla storia e alla vita di comunità". L'assessore Marco Gulinelli sottolinea che "per il Comune di Ferrara la salvaguardia di questo patrimonio è di particolare interesse. Il monumento sepolcrale a Pico Cavalieri è una testimonianza materiale e simbolica del rilievo della sua figura e della sua famiglia nel contesto storico-culturale ferrarese e nazionale tra Risorgimento e Prima Guerra Mondiale. È un'opera di grande pregio che conferma  il ruolo non secondario della produzione di Minerbi nello sviluppo delle poetiche delle arti plastiche tra simbolismo e classicismo". Gulinelli ricorda inoltre che il progetto di valorizzazione della memoria di Cavalieri, in piena coerenza con le volontà della famiglia, continuerà anche oltre il restauro del monumento, soprattutto con la riapertura dell'omonima Casa della patria. 
"Siamo felici di questa cooperazione  con il Comune di Ferrara ed il Ministero -  entrambi Enti partecipanti della Fondazione Meis - che mira alla salvaguardia di un monumento dai profili artistici e simbolici di rilievo", dice Amedeo Spagnoletto, direttore del MEIS.
"La figura di Pico Cavalieri - spiega - è emblematica nel rappresentare i sentimenti che animavano gran parte degli ebrei italiani nei primi decenni del XX secolo. Forte senso di partecipazione e di identificazione con le imprese e le sfide politiche e militari del Paese che aveva riconosciuto loro la parità dei diritti solo meno di mezzo secolo prima. L'entusiasmo lo si evince dall'impegno in guerra di Pico, morto tragicamente. Lo si percepisce dalle decisioni della famiglia che destina un palazzo in una delle vie più importanti di Ferrara, a beneficio dei cittadini.  Recuperare il monumento significa per il Meis tornare a porre l'accento e stimolare la riflessione e la ricerca storica su quel periodo. Un approfondimento che si concretizzerà in eventi culturali collaterali nel corso dei mesi prossimi e culminerà con la grande mostra sugli ebrei italiani nel '900 che progettiamo di allestire nel 2024".

(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili:

Il monumento