Comune di Ferrara

martedì, 07 febbraio 2023.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > FERRARA RINASCE - PALAZZINA MARFISA D'ESTE, IL 18 GENNAIO LA CONSEGNA DEI LAVORI. INTERVENTO PER OLTRE UN MILIONE DI EURO

FERRARA RINASCE - PALAZZINA MARFISA D'ESTE, IL 18 GENNAIO LA CONSEGNA DEI LAVORI. INTERVENTO PER OLTRE UN MILIONE DI EURO

12-01-2023 / Punti di vista

Ferrara, 12 gen - Saranno affidati a giorni i lavori di "miglioramento strutturale post sisma" alla palazzina cinquecentesca di Marfisa d'Este, in corso Giovecca 170.

Dopo aver ospitato la mostra dedicata alla storica voce dei Nomadi, Augusto Daolio, la palazzina è stata chiusa e sono partite le procedure di intervento che hanno portato all'aggiudicazione dei lavori all'impresa Vincenzo Capriello Srl.

L'importo complessivo dell'investimento è di oltre un milione di euro, 625mila euro circa di contributi comunali e circa 422mila della Regione Emilia-Romagna. Il cantiere si insedierà nelle prossime settimane, i lavori saranno affidati mercoledì prossimo, 18 gennaio.

"Un nuovo edificio di straordinario valore si appresta a rinascere, con importanti investimenti e con un cofinanziamento comunale - dice l'assessore Andrea Maggi -. Palazzina Marfisa è parte integrante di un piano strategico di recupero, miglioramento e valorizzazione di dimore, palazzi nobiliari, edifici storici di Ferrara che - passo dopo passo - sta riportando alla luce e sta restituendo ai cittadini i luoghi del passato e della cultura di Ferrara".

"L'intervento, a completamento, consentirà di contare su una ritrovata palazzina, migliorata sotto il profilo strutturale e valorizzata sotto quello storico e architettonico e decorativo, così da tornare ad essere una delle sedi della ricca offerta culturale che stiamo e vogliamo sempre più sviluppare per la città e per i visitatori", dice l'assessore Marco Gulinelli.

I lavori previsti nel progetto sono prevalentemente di tipo strutturale, per il ripristino del danno e il miglioramento sismico. Nel dettaglio sono previsti: l'irrigidimento delle falde di copertura, la realizzazione di cordolature, l'inserimento di incatenamenti per il rafforzamento strutturale e la riparazione delle fessurazioni nei muri portanti. Il programma d'opera prevede inoltre il risanamento e la tutela delle caratteristiche estetiche, attraverso operazioni di pulitura e di ripristino e per l'ottimizzazione del superamento delle barriere architettoniche. L'azione si estenderà inoltre alla loggia degli aranci, con l'inserimento di un cordolo in acciaio corten nella zona maggiormente "vulnerabile" - che riguarda le murature dell'adiacente salam ‘Grotta'. Tutte le lavorazioni sono ovviamente state condivise con la Soprintendenza.

La palazzina fu costruita intorno al 1559 e Francesco D'Este la lasciò in eredità alla figlia Marfisa, che vi visse con il marito Alderano Cybo fino alla morte, nel 1608. Verso la metà del XVIII secolo, venne affittata ed adibita di continuo ad usi impropri avviando in
questo modo un processo di degrado che si prolungò fino agli inizi del ‘900.
Nel 1899 furono distrutti tutti i fabbricati adiacenti la Palazzina tranne la stessa e la loggia
adiacente; quindi, solo all'inizio del XX secolo il fabbricato assunse la configurazione che conserva ancora oggi.

Nel 1909 fu l'associazione '"Ferrariae Decus" a occuparsi del restauro e della sistemazione per conto del Comune, ma l'intervento fu sospeso anni dopo a causa dello scoppio della prima guerra mondiale. Nel 1937 sarà la Cassa di Risparmio di Ferrara ad assumere l'onere del recupero dello stabile, contando sulla collaborazione dell'ingegnere Carlo Savonuzzi e di Nino Barbantini per il restauro e la restituzione delle decorazioni. All'interno della Palazzina i dipinti dei soffitti, parzialmente rifatti nel XX secolo, sono opera della bottega dei Filippi.
La palazzina è arredata con mobili del ‘500 e del ‘600, in parte ferraresi e in parte acquistati sul mercato antiquario.

Ferrara Rinasce

Immagini scaricabili: