Comune di Ferrara

martedì, 18 giugno 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Imprese, contributi fino a 20mila euro per ristrutturazioni, innovazione, sicurezza e accessibilità: nuovo pacchetto rilancio del Comune. Investimento di 250mila euro

Imprese, contributi fino a 20mila euro per ristrutturazioni, innovazione, sicurezza e accessibilità: nuovo pacchetto rilancio del Comune. Investimento di 250mila euro

20-04-2023 / Punti di vista

Imprese, contributi fino a 20mila euro per ristrutturazioni, innovazione, sicurezza e accessibilità: nuovo pacchetto rilancio del Comune. Investimento di 250mila euro. Assessore Fornasini: "saldo aperture torna positivo dopo oltre 10 anni"

 

Ferrara, 20 apr - Un sostegno economico fino a 20mila euro per la riqualificazione dei locali, l'aggiornamento e il rilancio delle attività imprenditoriali dei settori: alberghiero, ricettivo e della ristorazione (anche per bar, gelaterie e pasticcerie): è con questi obiettivi che sarà pubblicato il nuovo bando voluto dall'Amministrazione e dalla Camera di commercio, con un investimento (fondi comunali) di 250mila euro. Il bando è riservato a micro e piccole imprese, è stato presentato oggi in Comune e sarà pubblicato, indicativamente, nella seconda metà di maggio.

La piattaforma per presentare le domande sarà accessibile dal sito della Camera di commercio di Ferrara e Ravenna, al nuovo indirizzo: www.fera.camcom.it

Nel dettaglio, è prevista la possibilità di accedere a contributi del 50 per cento dei costi sostenuti dalle attività per: riqualificazione dei locali, potenziamento delle dotazioni, digitalizzazione, miglioramento dell'accessibilità, acquisto brevetti, impianti di sicurezza, quote iniziali di contratti di franchising. L'erogazione di fondi comunali è prevista fino a un massimo di 20mila euro e per spese al di sopra dei cinquemila euro.

Le imprese che presenteranno domanda dovranno avere tra i requisiti: la sede nel territorio comunale, per interventi qui previsti. Tra gli elementi di valutazione anche: la partecipazione giovanile o femminile all'impresa, l'impiego di disoccupati, inoccupati o cassaintegrati, gli aggiornamenti professionali realizzati, l'utilizzo di prodotti a marchio De.Co. (Denominazione comunale) e la realizzazione di interventi per il risparmio energetico.

"L'iniziativa - ha spiegato l'assessore Matteo Fornasini - si inserisce nella serie di misure messe in campo, con specifica dotazione economica, per il sostegno alle micro e piccole imprese del nostro territorio. Misure che stanno dimostrando la loro efficacia, numeri alla mano, tanto che - secondo i dati della Camera di Commercio - oltre il 90% delle imprese aiutate dal Comune nei diversi bandi ad oggi è ancora attiva", ha sottolineato l'assessore."I fondi stanziati in bilancio 2023-2026 per il sostegno a imprese, artigianato e attività territoriali ammontano a complessivi 750mila euro - ha inoltre aggiunto - e in epoca pandemica l'Amministrazione ha stanziato 2milioni di euro in, cosiddetti, ristori comunali".
Il nuovo bando integra così un piano che ha visto
- ha affermato Fornasini - già mettere in campo incentivi alle botteghe storiche e all'iniziativa imprenditoriale nell'area del centro storico, all'agricoltura e alle attività delle frazioni".

Fornasini ha inoltre posto l'accento sul saldo positivo delle aperture aziendali che - in base a dati della Camera di Commercio - tra iscrizioni (674) e chiusure non d'ufficio (641), ha segnato nell'ultimo anno +33 unità. Un saldo tornato positivo dopo oltre 10 anni".

"Sono 1.020.000 euro - ha sottolineato Paolo Govoni, in rappresentanza della Camera di commercio di Ferrara e Ravenna (era presente anche il segretario generale Mauro Giannattasio) - le risorse che il Comune di Ferrara, che ringrazio, ha affidato in questi anni alla Camera di commercio per il sostegno alle tante imprese impegnate nella delicata fase della ripartenza. Un ulteriore positivo esempio di collaborazione istituzionale per la quale ci siamo impegnati - e ci impegneremo - con determinazione, responsabilità e con i tempi che le imprese ci chiedono. La vocazione della Camera di commercio a lavorare in rete, ad essere 'la rete delle reti', la vede naturalmente al fianco di tutti i fenomeni nuovi che caratterizzano il nostro sistema produttivo. Sostenere questi processi - ha concluso Govoni - significa affrontare il tema dello sviluppo economico nella logica delle imprese facendo sistema, integrando le risorse e le competenze, ricercando la sostenibilità".

(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili: