Comune di Ferrara

lunedì, 23 settembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Dopo una gita a Ferrara

Dopo una gita a Ferrara

05-05-2008 / A parer mio

di Paola Friggeri

Tra sabato e domenica appena trascorsi ho fatto una gita a Ferrara in compagnia di mia figlia. Sono di origini emiliane e questa città mancava ai miei piccoli viaggi nostalgici. Vivo a Roma dove sono nata quindi il senso del bello e del grandioso non mi manca. Ma Ferrara mi ha lasciato a bocca aperta e non solo per le sue ricchezze storiche e paesaggistiche (entrambe curate con amore e rigore eccezionali): il fatto e' che si tratta di una città educata, accogliente, non costosissima, garbata, in punta di piedi, pulita, quasi silenziosa direi (in senso più che buono, io detesto la sguaiataggine e il caos dei nostri tempi). Pur rispettando la memoria storica è tuttavia una città moderna dove non manca assolutamente nulla. Capitate nel bel mezzo del Palio siamo ammutolite davanti alla bellezza dei costumi, alla serietà e compostezza con la quale i cittadini sfilavano, al coinvolgimento di tanti giovani e bambini; abbiamo immaginato mesi di prove, esercizio di disciplina, amore per le tradizioni, lontani da sballi del sabato sera e varie altre amenità antinoia da cui tanti giovani italiani sembra non sappiano più sottrarsi . E la sorpresa mozzafiato di quei giardini dietro tanti palazzi, il verde che si vede dalla torre, tutto sa di città ben governata. Infatti volevo alla fin fine fare i complimenti al Sindaco e alla Giunta e scusate se mi sono dilungata. Mi rendo conto solo ora di aver usato parole come ordine, educazione, serietà, disciplina. A Roma per molto meno mi avrebbero già etichettato nonostante io sia tutt'altra persona. Grazie Sindaco.