Comune di Ferrara

martedì, 07 febbraio 2023.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ristrutturazioni post-sisma: ancora valide le esenzioni e le semplificazioni edilizie

GIUNTA COMUNALE - Stanziati fondi per lavori su strade e Teatro Verdi

Ristrutturazioni post-sisma: ancora valide le esenzioni e le semplificazioni edilizie

03-07-2013 / Giorno per giorno

Queste le principali delibere approvate nella riunione della Giunta comunale di mercoledì 3 luglio:

 

Assessorato all'Urbanistica, Edilizia Privata ed Edilizia Residenziale Pubblica, assessore Roberta Fusari:

Fino a fine 2013 procedure più semplici ed esenzione dagli oneri edilizi per gli interventi post sisma

Resteranno valide ancora fino alla fine del 2013 le semplificazioni procedurali e le esenzioni dal pagamento degli oneri sugli atti previste dall'Amministrazione comunale per l'esecuzione degli interventi di ristrutturazione degli immobili privati danneggiati dal sisma del maggio 2012. Per agevolare e accelerare le opere di ricostruzione e miglioramento sismico programmate dai ferraresi la Giunta municipale ha infatti deciso di prorogare i propri provvedimenti, adottati all'indomani del terremoto, in materia di semplificazioni procedurali, esenzione dal pagamento dei diritti di segreteria, esonero dal contributo di costruzione, dal Cosap e dalle "spese per l'atto".

Queste in dettaglio le misure che resteranno in vigore fino al 31 dicembre prossimo (estratto dalla delibera di Giunta comunale):

"- DIRITTI DI SEGRETERIA: Esenzione dal versamento dei diritti di segreteria per tutti i titoli, comprese le comunicazioni e le eventuali autorizzazioni preventive di competenza di questa Amministrazione, relativi all'esecuzione di lavori conseguenti ai danni provocati dal sisma.

Esenzione dal versamento dei diritti di segreteria per le relative pratiche di "chiusura lavori", quali le comunicazioni di fine lavori e le conformità edilizia e agibilità.

Esenzione dal versamento dei diritti di segreteria per le domande di accesso agli atti di pratiche edilizie, finalizzate alla presentazione dei titoli per opere conseguenti ai danni causati dal sisma.

- ONERI: Esenzione totale dal versamento del contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e costo di costruzione), contributi aggiuntivi per attività produttive (D+S) relativamente a lavori di ristrutturazione e ricostruzione a seguito dei danni causati dal sisma.

- COSAP: Totale esenzione dal canone di occupazione di suolo pubblico per installazione di aree di cantiere, impalcature e transennamenti. Per ottenere tale esenzione, l'utente si avvale della medesima documentazione prodotta per le "deroghe per le attività produttive" di cui al punto successivo, da prodursi in allegato all'istanza relativa all'occupazione di suolo.

- DEROGA PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE: Parimenti possono beneficiare delle agevolazioni sopra descritte gli opifici industriali e/o gli edifici che non sono danneggiati ma che possono ospitare momentaneamente edifici e attività produttive, anche situate in altri comuni della Provincia rispetto a quelli della produzione originaria che sono stati danneggiati. Si potrà presentare una SCIA edilizia, anziché il normale Permesso di Costruire, per adeguare l'edificio ad ospitare l'attività produttiva, accompagnata da idonea asseverazione che dimostri l'idoneità dell'edificio ad ospitare provvisoriamente l'attività colpita dal sisma.

L'autorizzazione potrà essere rilasciata anche in deroga alla destinazione urbanistica di zona, ad esclusione delle zone agricole e per un periodo limitato nel tempo, al massimo per 12 mesi, prorogabile solamente per casi di particolare necessità da documentare. Anche per questi casi sarà applicato l'esonero di qualsiasi onere.

Le esatte procedure per l'adattamento e la successiva gestione dell'immobile saranno in seguito definite anche con gli altri uffici pubblici competenti per le autorizzazioni ambientali, sanitarie e di sicurezza.

- A prova della ricorrenza delle condizioni per usufruire delle agevolazioni di cui sopra, è richiesta una integrazione, vistata anche dal proprietario, dell'asseverazione prevista dalle norme, con cui il tecnico incaricato descrive i danni causati dal terremoto, completa di idonea documentazione fotografica.

- In considerazione della straordinarietà dell'evento, si dispone che i lavori conseguenti ai danni provocati dal terremoto possano essere eseguiti immediatamente, salva la necessità di presentare, nei trenta giorni successivi, il titolo o la comunicazione prescritti dalla normativa vigente, anche nei casi in cui non ricorrano condizioni di pericolo per l'incolumità delle persone derivanti da motivi statici".

 

Assessorato alla Mobilità e Lavori Pubblici, assessore Aldo Modonesi:

Manutenzione straordinaria per le strade bianche

E' di 50mila euro lo stanziamento messo a disposizione dall'Amministrazione comunale per i lavori di manutenzione straordinaria urgente e pronto intervento che si renderanno necessari nei prossimi mesi sulle strade comunali con pavimentazione in ghiaia e altro 'materiale inerte'.

Gli interventi saranno in particolare finalizzati a ripristinare i selciati deteriorati e a eliminare situazioni di potenziale pericolo per la circolazione.

 

Al Teatro Verdi interventi di ripristino del coperto

Saranno mirati ad eliminare e prevenire condizioni di degrado all'interno del Teatro Verdi gli interventi di manutenzione programmati per lo storico edificio cittadino dal Servizio comunale Beni Monumentali. L'intervento, approvato oggi in fase esecutiva dalla Giunta, prevede in particolare la rimozione del guano di piccione e la sanificazione di tutto l'immobile, oltre che il ripristino delle guaine del coperto, la chiusura di tutte le aperture per impedire l'ingresso ai piccioni e la realizzazione di parapetti di sicurezza per consentire l'esecuzione di manutenzioni future.

I lavori comporteranno una spesa di 94.500 euro.

 

Opere di completamento per il nuovo parcheggio di via Magoni

Sarà completato con la realizzazione di una nuova fognatura e la predisposizione per l'illuminazione pubblica il progetto del parcheggio da quattordici posti auto già approvato dalla Giunta per via Magoni, strada a fondo chiuso con accesso da via Aeroporto. Gli interventi comporteranno una spesa di 5.500 euro.

(vedi progetto parcheggio di via Magoni approvato dalla Giunta il 2 aprile 2013

 

Pronto un nuovo Regolamento comunale del verde pubblico e privato

Contiene una serie di aggiornamenti e integrazioni normative relative alla cura e alla salvaguardia delle aree verdi il nuovo 'Regolamento comunale del verde pubblico e privato' che sarà presto sottoposto all'approvazione del Consiglio comunale in sostituzione del testo in vigore dal 1998. Tra i contenuti aggiunti al precedente ordinamento figurano nuovi dati in merito alle alberature salvaguardate, prescrizioni relative alla tutela dei filari di alberi tipici del nostro territorio e un aggiornamento sulle normative in materia di difesa fitosanitaria.

Le integrazioni, elaborate dall'Ufficio Verde del Comune, sono state condivise con i rappresentanti delle principali associazioni ambientaliste e di categoria e degli ordini tecnici.

 

Spazi comunali a disposizione di associazioni del territorio
Sono situati all'interno del complesso ex Mathema di via Copparo i locali di proprietà comunale che saranno concessi in locazione con canone inferiore a quello di mercato all'Associazione Lotta contro la talassemia (Alt) e all'Andos (Associazione Nazionale Donne Operate al Seno) di Ferrara.

In entrambi i casi la concessione avrà una durata di sei anni.
Della stessa durata sarà anche il rinnovo della concessione a canone agevolato al Consorzio Impronte sociali dei locali comunali di via Darsena e di largo Barriere di Porta Po, già da tempo utilizzati dallo stesso Consorzio per le proprie attività di riciclo di biciclette per il reinserimento di persone con disagio sociale.

 

Assessorato alla Sanità, Servizi alla Persona e Immigrazione, assessore Chiara Sapigni:

Per il Consiglio delle Comunità Straniere in arrivo un nuovo Regolamento

Favorire l'incontro, la conoscenza reciproca, lo scambio ed il dialogo tra portatori di differenti culture. Sono queste le finalità del Consiglio delle Comunità Straniere secondo il nuovo Regolamento dell'organo, approvato stamani dalla Giunta e presto al vaglio del Consiglio comunale. Tra i suoi compiti specifici rientrano in particolare quelli di favorire la piena integrazione dei cittadini di diverse provenienze etniche, promuovendone anche la partecipazione alla vita pubblica locale, di accrescere l'informazione e la sensibilizzazione sul fenomeno dell'immigrazione, e di favorire la costituzione di associazioni di cittadini di diverse provenienze etniche

Per il perseguimento di queste finalità il Consiglio delle Comunità Straniere potrà esercitare funzioni consultive e propositive nei confronti del Consiglio e della Giunta comunali e degli organismi territoriali decentrati, attraverso la partecipazione dei propri rappresentanti alle loro attività per le materie di proprio interesse e attraverso l'espressione di pareri sugli atti da essi adottati in tema di integrazione. Potrà inoltre presentare agli stessi organi progetti di iniziative, interrogazioni, interpellanze e ordini del giorno (tramite i Presidenti del Consiglio Comunale e dei Consigli circoscrizionali) e proposte di deliberazione di Giunta.

La carica di Presidente del Consiglio delle Comunità straniere è affidata all'assessore alla Sanità, Servizi alla Persona e Immigrazione del Comune di Ferrara, mentre quella di vicepresidente è affidata a un rappresentante delle diverse provenienze etniche.

Al Consiglio delle Comunità straniere possono partecipare tutte le associazioni di e per stranieri, gli enti e le organizzazioni che prevedano tra gli obiettivi fondanti del proprio statuto o atto costitutivo la promozione dell'integrazione e dell'inclusione sociale, la lotta alla discriminazione, la promozione del dialogo e del confronto tra culture diverse, la diffusione della cultura della tolleranza e la promozione di una città multietnica e interculturale. Il Consiglio resta in carica per tre anni ed è composto da un rappresentante di ogni associazione, ente e organizzazione che saranno ammessi a farne parte (due rappresentanti qualora di sesso diverso) sulla base di un avviso pubblico emesso dal Comune.

 

Assessorato al Bilancio, assessore Luigi Marattin

Assenso allo scioglimento della Fondazione Ermitage Italia

La Giunta comunale ha espresso il proprio assenso allo scioglimento e alla messa in liquidazione della Fondazione Ermitage Italia onlus con sede a Ferrara. Il tema e la relativa delibera verranno discussi e approfonditi in occasione della seduta di Consiglio comunale in programma il prossimo lunedì 8 luglio.

 

Assessorato alla Cultura, Turismo, Giovani e Personale, vicesindaco Massimo Maisto:

Operazione a tre per il recupero delle chiese danneggiate dal sisma

Un intervento di restauro, una mostra e una nuova pubblicazione sulle chiese di Ferrara. E' con questi progetti che Comune, Fondazione Ferrara Arte e Arcidiocesi puntano a richiamare l'attenzione pubblica sulle criticità in cui versa il patrimonio artistico religioso cittadino a seguito del sisma del maggio 2012.

Come definito dalla convenzione approvata oggi dalla Giunta, sarà in particolare la Fondazione Ferrara Arte a finanziare, per una spesa di 5.500 euro (più Iva), il restauro dell'opera di Carlo Bononi dal titolo 'Crocifissione', conservata nella chiesa delle Stimmate e bisognosa di un intervento conservativo urgente. Il dipinto, di notevole rilievo artistico, sarà poi tra i protagonisti, dal 14 settembre e al 6 gennaio prossimi, a Palazzo Trotti-Costabili, di una mostra sul Seicento ferrarese composta da pale d'altare provenienti dalle chiese rese inagibili dal terremoto.

A completare il progetto dei tre partner sarà infine la realizzazione, a spese sempre di Ferrara Arte, di una pubblicazione che contribuisca sia al finanziamento del restauro sia alla diffusione della conoscenza delle chiese cittadine. Il libro conterrà infatti i testi, a cura di Francesco Scafuri e Giovanni Sassu, relativi al ciclo di conversazioni storico artistiche organizzate nel corso degli ultimi anni da Comune e Arcidiocesi negli edifici di culto ferraresi per favorire la scoperta del loro patrimonio.