Comune di Ferrara

domenica, 17 ottobre 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ferrara ringrazia le città amiche per la solidarietà ricevuta dopo il terremoto

GEMELLAGGI - Visite e incontri in città per sei delegazioni ospiti

Ferrara ringrazia le città amiche per la solidarietà ricevuta dopo il terremoto

23-08-2013 / Giorno per giorno

Sono arrivate a Ferrara da sei diverse città gemellate per assistere alle prime giornate del Buskers festival 2013, ma soprattutto per ricevere i ringraziamenti dell'Amministrazione comunale per la solidarietà ricevuta in occasione del sisma del 2012. Sono le delegazioni di Lleida (Spagna), Capodistria (Slovenia), Giessen (Germania), Novi Sad (Repubblica Serba), Kaunas (Lituania) e Broni (in provincia di Pavia) che nella mattinata di oggi sono state ricevute nella residenza municipale da un'ampia rappresentanza della Giunta comunale.
Nel dar loro il benvenuto, il vice sindaco Massimo Maisto, il presidente del Consiglio comunale Francesco Colaiacovo e gli assessori Rossella Zadro, Roberta Fusari, Chiara Sapigni, Deanna Marescotti e Luigi Marattin hanno ricordato le ragioni di questa iniziativa di ospitalità con cui l'Amministrazione comunale ha voluto esprimere la propria riconoscenza per le varie forme di vicinanza e aiuto concreto ricevute da parte delle città amiche dopo il terremoto dello scorso anno. Il soggiorno a Ferrara, in programma fino a domenica 25 agosto, vuole così offrire ai rappresentanti delle municipalità gemellate l'occasione per constatare di persona gli esiti del lavoro di ricostruzione e recupero compiuto in città nell'ultimo anno. Già nella mattinata di domani è infatti prevista una visita guidata nel centro storico, cui seguirà, un incontro, nella residenza municipale, con i responsabili comunali dei lavori di ricostruzione post-sisma, che illustreranno agli ospiti, anche per mezzo di un breve documentario, gli interventi portati a termine nei mesi scorsi. Nel pomeriggio, le delegazioni saranno poi accompagnate a palazzo Schifanoia per ammirare gli affreschi del Salone dei Mesi e i risultati dei lavori di restauro compiuti dopo il terremoto.
"Nel ringraziarvi per la vostra solidarietà - ha esordito durante l'incontro di stamani il vice sindaco Maisto - vogliamo raccontarvi e mostrarvi alcuni degli interventi già conclusi o ancora in corso in città per rimediare ai danni del sisma. Siamo orgogliosi delle amicizie che abbiamo costruito negli anni con altre città europee, poiché pensiamo che, così come in passato gli Estensi costruivano alleanze tramite i matrimoni, anche oggi il matrimonio fra città sia il modo migliore per costruire alleanze fra i cittadini di diverse nazionalità". "Le nostre città - ha aggiunto il presidente Colaiacovo - sono ricche di eccellenze storiche, culturali ed economiche che speriamo possano offrirci sempre nuove opportunità per cooperare, poiché soprattutto nei momenti difficili la strada migliore da percorrere è quella dell'apertura alla collaborazione e alla costruzione di sinergie con tutti i partner possibili".
Una prima occasione di dialogo e confronto su diversi temi di interesse comune è stata offerta alle diverse delegazioni già nel corso dell'incontro di stamani, a cui hanno preso parte anche il direttore generale dell'Università di Ferrara Roberto Polastri e il prorettore Francesco Bernardi. I presenti hanno infatti avuto l'opportunità di illustrare i vari progetti che già vedono il coinvolgimento del Comune di Ferrara e di alcune delle città gemellate, e che potrebbero essere in futuro allargati alla partecipazione delle altre municipalità. I rappresentanti di Kaunas hanno in particolare presentato il progetto "Active Community-Safe Society", mentre quelli di Giessen hanno illustrato un progetto di Volontariato Europeo Senior e quelli di Lleida hanno proposto la partecipazione delle città presenti al programma "Cittadini per l'Europa". I delegati di Capodistria-Koper hanno poi riferito della loro prossima partecipazione all'educational "Città Universitarie" in programma nell'ambito del Festival di Internazionale a Ferrara in ottobre, mentre quelli di Novi Sad e Broni hanno illustrato progetti e iniziative in tema di turismo.
Il soggiorno ferrarese sarà infine, per le delegazioni invitate, anche l'occasione per partecipare a uno degli eventi più noti del calendario ferrarese: il Buskers festival. Gli ospiti avranno infatti l'opportunità di assistere agli spettacoli in programma nel centro storico e nella mattinata di domani prenderanno parte, sempre nella residenza municipale, all'incontro di benvenuto per i musicisti invitati.
"Altre città amiche, tra cui Praga, Kaufbeuren, Szombathely, Saint Etienne e Krasnodar - ha ricordato l'assessore alle Relazioni internazionali Rossella Zadro - erano state invitate per questo raduno a Ferrara, ma non hanno potuto inviare loro rappresentanti. Anche a loro va il nostro ringraziamento per la solidarietà ricevuta nei mesi scorsi".

 

 

Immagini scaricabili:

incontro città gemellate 23ago13_1 incontro città gemellate 23ago13_2 incontro città gemellate 23ago13_3