Comune di Ferrara

domenica, 17 novembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Con il PalaGeotech l'Accademia di scherma 'G. Bernardi' realizza un sogno

ASSESSORATO ALLO SPORT - Il sindaco Tagliani alla presentazione della nuova sede. Inaugurazione ufficiale il 6 settembre alle 17.30

Con il PalaGeotech l'Accademia di scherma 'G. Bernardi' realizza un sogno

29-08-2014 / Giorno per giorno

Nella foto a fianco un momento della giornata inaugurale svoltasi sabato 6 settembre 2014 nella nuova sede della Accademia di Scherma Bernardi - PalaGeotech

 

Si è svolta venerdì 29 agosto in via Trenti, la presentazione del PalaGeotech che diverrà la nuova sede dell'Accademia di scherma "G. Bernardi". All'incontro con i giornalisti sono intervenuti il sindaco Tiziano Tagliani, il presidente della società sportiva Giuseppe Dosi, i dirigenti dell'Accademia Bernardi e del Coni provinciale, gli sponsor. La nuova struttura, ricavata nello stabile principale del Mof di via Trenti, sarà inaugurata ufficialmente sabato 6 settembre alle 17.30 alla presenza del presidente Federale nazionale scherma Giorgio Scarso e altre autorità cittadine. Durante l'incontro odierno è stato illustrato anche il programma sportivo dell'Accademia schermistica e le sue finalità in ambito sociale.

"La realizzazione di questa nuova sede per l'Accademia Bernardi - ha affermato il sindaco Tagliani nel corso dell'incontro - è la conferma che la volontà del mondo associativo sportivo, in questo caso rappresentato dall'Accademia Bernardi, insieme al sostegno di realtà imprenditoriali private e delle istituzioni pubbliche possono concretizzarsi in operazioni di grande qualità".

"Questa società ha profonde e presitgiose tradizioni - ha sottolineato il presidente Dosi - che in questa sede potranno essere ulteriormente coltivate e rappresentate alle generazioni future di sportivi ferraresi. Con questa nuova sede realizzata con particolari accorgimenti e soluzioni tecniche, possiamo dire di aver realizzato un sogno".   

------------

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori - Accademia di Scherma Bernardi - Ferrara)

 

LA SCHERMA - La scherma, sport olimpico, si pratica con tre armi elettrificate: il fioretto la spada e la sciabola.

Il fioretto e la sciabola sono armi convenzionali, cioè le stoccate negli "assalti" vengono assegnate dall'arbitro secondo una determinata regola schermistica chiamata "convenzione schermistica". Il fioretto e la spada "toccano" solo di punta, la sciabola anche di taglio; nel fioretto e nella sciabola il bersaglio valido è costituito da un giubbetto elettrico; nella spada tutto il corpo è valido, compresa la maschera.

L'età adatta per iniziare questa disciplina è sui 7/8 anni ed a livello amatoriale si può praticare anche in età più avanzata. Tutti, purché in salute, possono praticare la scherma anche se sono richieste qualità peculiari quali l'intelligenza, volontà di applicazione, pazienza, freddezza di nervi e la prontezza di riflessi , agilità e scatto.

Si può senz'altro affermare che la pratica di questa affascinante disciplina con le sue regole, basate sulla lealtà e il rispetto dell'avversario, contribuisce indubbiamente a migliorare anche le qualità morali dell'individuo, con l'accrescimento dell'autostima e il rafforzamento del carattere.

In Italia sono affiliate alla F.I.S, la Federazione Italiana Scherma, di cui l'accademia è socio fondatore, oltre 300 società schermistiche: a Ferrara opera agonisticamente sin dal 1854 una sola società; l'"Accademia di Scherma G. Bernardi" sita attualmente al Palapalestre, Viale Tumiati 5, Ferrara, Tel.0532 593142. L'orario di apertura della sala è tutti i giorni feriali dalle ore 16.00 alle ore 22.

Va ricordato che la Federazione Italiana Scherma è quella che alle Olimpiadi e ai campionati del mondo ha conquistato il maggior numero di medaglie d'oro rispetto a tutte le altre federazioni.

 

- LA STORIA DELLA ACCADEMIA GIANCARLO BERNARDI

Sui davanzali delle finestre che affacciano sul giardino delle Duchesse, è stata incisa un'insegna in cui si testimonia che, nell'anno 1698, il maestro del tempo, è stato riconfermato quale maestro di spada e di bastone.

Questo testimonia l'antico radicamento della scherma nella la nostra città, dove, alla corte Estense fu scritto da Fiore Dè Liberi da Primariacco, il primo trattato di scherma conosciuto.

Nel 1803, sotto la guida del maestro Giuseppe Giuliani Bolognini nasce a Ferrara una scuola vera e propria.

Il 18 giugno del 1854, su una lettera rivolta al sindaco della città l'allora presidente si è riferito per, la prima volta, alla scherma come attività "ludico sportiva" per cui amiamo datarci in quell'anno. Nello stesso anno, con l'accademia di sciabola, spada e bastone, nasce un circolo (oggi diremmo che "Società). Nell'ottobre del 1868 sulla Gazzetta Ferrarese il presidente Luigi Frassoldati comunica che il generale Giuseppe Garibaldi accetta la nomina a presidente onorario del Circolo. La conclusione vittoriosa del Risorgimento, la coscienza di possedere qualita' guerriere, l'esempio e la parola dei padri, fanno sì che la scherma occupi il posto d'onore nell'educazione dei giovani.

Fioccano le gare ma anche i duelli (27 in un anno). Dal 1870 al 1915 il Circolo attraversa un periodo aureo, grazie all'importanza delle manifestazioni e all'efficacia della scuola: il 7 gennaio del 1891 si aggrega alla Società dei Negozianti. La terza generazione di tiratori concittadini può anche vantare un campione : Carlo Gandini, che nell'aprile 1905 vince le finali per la partecipazione alle Olimpiadi di Atene e viene proclamato campione italiano. Ad Atene Gandini sarà secondo nel fioretto per maestri. Un altro riconoscimento di prestigio arriva nel giugno del 1910: Giuseppe Agnelli saluta la città  nel "nome di Andrea da Ferrara" "inventore della spada flessibile". Il Circolo ha sede in Castello, diventa un punto di ritrovo per la Ferrara bene. La prima guerra mondiale spezza l'incantesimo.

Il Circolo rinasce nel '24, presidente Goffredo Passigli. L'attività sportiva è fiorente fino al secondo conflitto mondiale. Dopo vicende lunghe e dolorose, nel 1947 i giovani comprendono che si deve ricostruire. Al più giovane dei combattenti caduti, Giancarlo Bernardi (nel '42, in Africa), viene intitolata l' accademia d'armi. La squadra si fa valere ovunque. Nel 1954 diviene presidente il Generale Pellegrino Marchetti: vi resterà fino al 1997. Nel lungo percorso c'è di tutto: vittorie, difficoltà, l'affiliazione al Coni il divenire Socio Fondatore della FIS - Federazione Italiana Scherma. La scherma sale alla ribalta solo durante olimpico.

La "Bernardi" vive momenti difficili, ma non molla e regala ancora, anche alle soglie del 2000, sotto l'attenta guida del maestro Luciano Bruno e di Anna Weber, grandi imprese. La sede della società si stabilisce in via Buonporto N°3.

Dal 1998 l'Ing. Giuseppe Dosi è presidente: dopo alcuni anni la sede viene trasferita al Palapalestre  "John Caneparo" di Viale Tumiati 5. Gli atleti si attestano ad oltre una sessantina e vengono praticate principalmente spada e fioretto. Sotto l'attenta guida del maestro Bruno e degli Istruttori Nazionali Roberto di Matteo (spada) e Massimo Iervolino (fioretto e sciabola) le squadre militano nella serie B1 e B2 nazionale. Il vivaio giovanile cresce e arrivano i risultati a livello nazionale. La società si classifica nel 2005 al sessantesimo posto in Italia su oltre 250. Anche la categoria master regala grandi soddisfazioni vincendo il titolo italiano di fioretto femminile a squadre.

Nel 2006 la squadra di spada maschile sale in serie A2. La squadra di fioretto maschile mantiene la sua posizione in B2 e quella di fioretto femminile in B1. Nel 2007 Roberto Di Matteo vince il titolo italiano di spada maschile individuale nella categoria master1. Nel 2008 il maestro Luciano Bruno dopo oltre quaranta anni di attività e la moglie Anna Webber, lasciano la guida della sala: Roberto Di Matteo assume la responsabilità tecnica dell'Accademia. Il vivaio giovanile si accresce notevolmente anche grazie agli ottimi risultati ottenuti nell'olimpiade di Pechino dagli azzurri. Il 3 novembre 2008 Riccardo Schiavina si laurea campione europeo di categoria under 20 di spada individuale, il 5 novembre vince anche l'oro a squadre: il miglior risultato mai ottenuto dall' Accademia.

Nel 2009 Benedetto Squeo ed i fratelli Marco e Riccardo Schiavina portano la squadra di fioretto in B1. La squadra di spada retrocede dalla A2 alla B1. Il 12 Aprile 2009, Riccardo Schiavina, con i compagni di squadra nazionale Italiana, E. Garozzo, A.Cipriani, L.Ferraris si laureano campioni del Mondo a squadre di spada maschile under 20.

Infine va riaffermato che il futuro della società è legato ai successi dei giovanissimi che, in campo nazionale e internazionale, stanno iniziando ad emergere.

Questi giovani animati anche dall'assegnazione, in giovanissima età, del premio Panathlon hanno tenuto grandi risultati che fanno ben sperare per il futuro della società ci riferiamo a:

Marco Malaguti, Diego Cutrì, Emilia Rossatti, Marta Lombardi, Gaia Milesi, Niccolò Graziani, Francesco Battaglini Marta Gavagna.

 

PROGETTO E NUOVI SPAZI del "PALASCHERMA FERRARA"

L'Accademia disponeva fino al 2014 di una piccola sala dotata di due pedane regolamentari e di due piccole pedane in grado di essere utilizzata solo beneficio i più giovani.

Lo spazio occupato presso il palapalestre  "John Caneparo" di Via Tumiati, 5,   in conseguenza dell'aumento degli iscritti, si è rivelato nettamente insufficiente.

Risultava quindi difficoltoso (se non quasi impossibile) ospitare corsi scolastici ed attività con altre società della regione. Per questo si è ricercato per lungo tempo una nuova sede ed infine, l'Accademia Bernardi, a fronte della concessione in diritto di uso della struttura sita in Via Trenti per un periodo di 25 anni, secondo la convenzione firmata con il Comune di Ferrara,  si è impegnata alla sua totale gestione, ivi compresa la ristrutturazione (come da progetto preliminare accluso), al mantenimento della stessa ed alla gestione delle utilities realizzando così la tanto agognata nuova sede.

Data l'alta affluenza e ed il continuo incremento del numero di atleti ed iscritti, la disponibilità di una nuova sede sarà una ottima occasione di rivitalizzazione della nostra società ed anche di questa zona cittadina. Di seguito è riportata una breve sintesi del progetto di utilizzo della struttura.

 

ATTIVITA' AGONISTICA

L'Accademia Bernardi svolge, sotto la guida tecnica di maestri diplomati all'Accademia Nazionale di Scherma di Napoli, un'attività agonistica diversificata in base alle varie fasce d'età: preagonismo, Under 10, Under 14, Under 17, Under 20, Assoluti e Master (over 30).

Nel corso degli anni, l'Accademia con i suoi atleti, ha raggiunto e continua a raggiungere eccellenti risultati in campo regionale, nazionale, internazionale e mondiale (l'atleta di punta, Riccardo Schiavina è divenuto Campione Europeo individuale di spada e del Mondo a squadre a Budapest anno 2009).

L'Accademia Bernardi svolge oggi la propria attività prevalentemente nell'arma della spada e del fioretto. Nel corso degli ultimi tre anni ha partecipato ad oltre 1000 competizioni di carattere regionale, nazionale ed internazionale.

La squadra milita in serie A2 nazionale da oltre quattro anni e la Bernardi  è fra le migliori 60 società italiane nella classifica generale nella spada, oltre che partecipare alla serie C di fioretto e sciabola 2014.

I tesserati alla Società sono una ottantina, in costante crescita: oltre la metà frequenta regolarmente e quotidianamente la sala scherma.

Annualmente  sono oltre sessanta gli articoli dei giornali locali e degli spazi web dedicati alla nostra Società, oltre a svariati servizi televisivi locali.

Le visite sul sito web (www.schermaferrara.org) ammontano, ad oggi, a quasi 13.000.

Alcuni dei nostri atleti sono molti attivi in ambito CONI provinciale ( testimonial dello sport): Riccardo Schiavina è stato inserito fra gli "Atleti azzurri" d'Italia ed è stato nominato "atleta dell'anno" 2009.

Nel settore under 20, Demetrio Villani, nel 2014 è al 10° posto italiano.

Molti dei nostri atleti hanno ricevuto il riconoscimento del "Panathlon International".

Nel settore under 14, specialità spada, alcune atlete ed atleti sono fra i primi 5 in Italia ( Rossatti Emilia e Marta Lombardi).

Nella categoria Giovanissimi, il team maschile ha vinto il titolo italiano a squadre 2013 e Marco Malaguti si è laureato campione italiano  di spada Maschile 2013.

Infine, nel 2014, ha continuato a mietere lusinghieri successi con la squadra composta dalle giovanissime Milesi, Gavagna, Lombardi e Rossatti che si è classificata seconda alla gara nazionale di Foligno, con Rossatti che è divenuta campionessa Inter regionale, col premio Kinder vinto per i migliori risultati nelle due gare nazionali e, in complesso di lusinghiero piazzamento di ognuno di questi giovani siano aventi in Cina alle numerose gare a cui hanno partecipato

L'Accademia Bernardi è stata insignita della stella d'oro al merito sportivo.

La nuova sala scherma permette, con l'installazione di un numero quasi doppio di pedane tutte regolamentari, la possibilità di organizzare gare regionali e/o nazionali di scherma con un notevole afflusso di atleti e accompagnatori che porterà certamente a uno sviluppo e incremento del turismo a Ferrara, a beneficio anche delle strutture alberghiere.

attività di carattere sociale

 

SCHERMA PARAOLIMPICA:

La scherma per atleti in carrozzina è considerato un ottimo mezzo di integrazione. Nel nostro progetto la pedana apposita sarà collocata nello stesso spazio ove sono site le pedane per gli atleti normodotati al fine di creare un unico ambiente dove sfumino le differenze tra normodotati e non, sfruttando al meglio il valore aggiunto dello sport che sta nel suo essere veicolo di socializzazione.

Da Gennaio la scherma paraolimpica è entrata a far parte della Federazione Italiana Scherma la quale sta lavorando per promuovere l'attività agonistica inerente a questa disciplina. Infatti è nostro obbiettivo formare atleti competitivi a tutti i livelli agonistici, dal locale al nazionale e internazionale.  A Ferrara sono già presenti atleti che svolgono attività paraolimpica che, allo stato attuale, sono costretti a "migrare" in altre realtà più ricettive.

E' già in atto un progetto di collaborazione con il CIP per la creazione di un centro paralimpico di scherma, ed una convenzione con il centro di riabilitazione funzionale S. Giorgio.

 

SCHERMA DOLCE (OVER 60)

Il progetto "Scherma Dolce" fa perno sui punti di forza della scherma ed è rivolto ad una utenza matura fino alla terza età.  Questa disciplina, che si pone a metà tra un'arte marziale e uno sport, produce in chi la pratica un benessere psicofisico e un aumento della manualità, della scelta di tempo, della discriminazione spaziale e temporale e delle capacità decisionali. L'apprendimento verrà inteso come acquisizione da parte del praticante di un'arte e una tecnica. Nella svolgersi della pratica si porrà l'accento sugli aspetti tattici e strategici piuttosto che sulle qualità fisiche. Questa nuova proposta, svolta principalmente in orari mattutini, permetterà una innovativa forma di aggregazione e di ritrovo per master, senior, pensionati ed over 60.

 

CONVENZIONE CON I SERVIZI SOCIALI

È nostra intenzione aprire poi un canale di comunicazione con i servizi sociali per offrire, a titolo gratuito, corsi di scherma per minorenni indicatici da tali servizi, nella convinzione che la scherma, come disciplina e sport, sia un ottimo mezzo di formazione della persona.

 

SCHERMA E SCUOLA

Da svariati anni, pur con le limitazioni imposte dalle attuali strutture, siamo presenti in diverse realtà scolastiche quali la "Scuola S. Vincenzo" ed il "Liceo Ariosto". Troppe sono le scuole alle quali non riusciamo oggi a dare supporto: con la nuova struttura sarà possibile offrire, anche all'interno dei singoli POF, una attività più costante e strutturata a beneficio della collettività e dei singoli plessi scolastici, aprendoci anche a realtà scolastiche non dotate di adeguate strutture e spazi sportivi.

Da alcuni anni poi, in orario mattutino, i nostri maestri svolgono attività gratuita di avviamento alla scherma presso svariati circoli didattici del comune di Ferrara che ha permesso una ampia divulgazione del nostro sport e che sta continuando ad incrementare il numero di giovanissimi che si affacciano all'attività agonistica.

 

CENTRI RICREATIVI ESTIVI

Da svariati anni supportiamo l'attività di svariati centri ricreativi estivi sia pubblici che privati. Con la nuova struttura, data la favorevole dislocazione, sarà possibile attivare direttamente tali centri per il periodo estivo, consorziandoci e collaborando con altre realtà territoriali.

Da alcuni anni l'Accademia Bernardi organizza  campus estivi in montagna specificatamente dedicati ai ragazzi. La preparazione dei nostri maestri, l'accordo con altre società schermistiche nazionali e la passione dei nostri atleti, ha permesso, ad oggi di raggiungere la partecipazione di oltre un centinaio di ragazzi

 

ATTIVITA' UNIVERSITARIA E MASTER

Nella nuova struttura sarà presente un'attività specifica per universitari e adulti. Molte sono, infatti, le richieste di convenzione per il nostro sport che annualmente si distingue, anche in campo universitario, a livello nazionale (sempre presente negli ultimi cinque anni sui podi delle gare universitarie italiane).  L'alto numero di universitari a Ferrara sarà, infatti, un'ottima occasione per contrastare l'abbandono dello sport in età giovanile e per offrire maggiori opportunità di socializzazione ai tanti studenti universitari provenienti a Ferrara da ogni parte del mondo.

 

Creazione di un centro federale

Uno degli obiettivi del progetto inerente l'acquisizione della struttura di via Trenti consiste nella creazione di un Centro Federale. Per realizzare centro federale, sono necessarie caratteristiche e spazi che la struttura di via Trenti soddisfa.

I risultati che si attendono dalla presenza di un centro federale, sonoi:

-          indirizzamento a Ferrara di manifestazioni sportive come gare e "feste" regionali/nazionali della scherma. Tali manifestazioni porteranno tra l'altro, un aumento del turismo nella nostra città

-          presenza in città di atleti d'interesse nazionale con conseguente interesse dei media locali e nazionali

-          convenzioni con squadre delle forze armate e militari che potrebbero trovare in Ferrara una buona struttura di allenamento e di incontro (da ricordare che Riccardo Schiavina è  stato atleta del Centro Sportivo Olimpico Esercito per oltre 4 anni)

-          assegnazione del Caf (Centro di Allenamento Federale) che porterebbe in maniera regolare e costante numerosi atleti e accompagnatori nella nostra città

-          un generale innalzamento della qualità sportiva cittadina con conseguente ritorno d'immagine 

 

Come è stato raggiunto questo traguardo

Ciò che ha determinato il raggiungimento di questi importanti obiettivi è dovuto al contributo di tante persone e di tante aziende ed Enti che si sono adoperate a favore dell'Accademia.

Per prima dobbiamo ringraziare il Comune di Ferrara che, credendo in noi ci ha concesso l'uso di questi ambienti ottenendo anche il grande risultato di essere fra i primi in Italia a realizzare un siffatto accordo pubblico privato.

Quindi i nostri sponsor che ci hanno consentito di superare tante piccole grandi difficoltà tra i quali vorrei citare: Computer Cash, MES impianti e ultimo ma non meno importante, Geotech, che grazie alla passione ed al traino di Gianmarco Rizzati, ci hanno consentito di fare questo grande passo.

Naturalmente un grandissimo contributo è stato fornito dai tanti genitori che hanno operato con impegno e con grande coesione al raggiungimento di questi obiettivi svolgendo tutte le attività in cui erano esperti; dai piccoli lavori di manutenzione a quelli necessari a traslocare, a ordinare, a catalogare, a gestire, e anche a tenere tutto il nostro materiale sempre in ordine. Questi protagonisti sono i nostri Soci ed i genitori dei piccoli atleti che ci hanno consentito, grazie al loro entusiasmo ed alla loro coesione di mostrarvi oggi come sia grande il frutto di tanti piccoli contributi.

 

 

Links:

Immagini scaricabili: