Comune di Ferrara

giovedì, 06 ottobre 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > A Pontelagoscuro "La primavera del teatro" nel 40° della fondazione del Teatro Nucleo

TEATRO JULIO CORTAZAR - Dal 22 maggio al 7 giugno workshop ed eventi con artisti internazionali e spettacoli di teatro, danza, musica

A Pontelagoscuro "La primavera del teatro" nel 40° della fondazione del Teatro Nucleo

19-05-2015 / Giorno per giorno

Per la presentazione dell'iniziativa del Teatro Nucleo "Primavera del Teatro", in programma dal 22 maggio al 7 giugno al Teatro Julio Cortàzar, si è svolta in mattinata (19 maggio) nella residenza municipale una conferenza stampa. All'incontro con i giornalisti erano presenti il vicesindaco Massimo Maisto, Horacio Czertok, Greta Marzano e Francesca Tamascelli del Teatro Nucleo insieme a Marino Pedroni direttore artistico della Fondazione Teatro Comunale Abbado. 

 

(Comunicato a cura di Ufficio stampa Teatro Nucleo)

La Cooperativa Teatro Nucleo, con il Patrocinio di Comune di Ferrara e del Dipartimento di Scienze dell'Educazione "Giovanni Maria Bertin" Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, il sostegno di Regione Emilia Romagna, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara e Assicoop Modena e Ferrara, promuove dal 22 maggio al 7 giugno al Teatro Julio Cortàzar, spazio di cui è gestore, La Primavera del Teatro, per celebrare i quarant'anni dalla sua fondazione e in omaggio alla memoria di Antonio Tassinari, attore, pedagogo, regista e storico membro del gruppo italo-argentino, scomparso un anno fa.
La Primavera del Teatro comprende due diversi eventi: L'Eredità Vivente (22-31 maggio), un progetto di formazione artistica e culturale con maestri di spicco della scena teatrale internazionale, e Totem Arti Festival (5-6-7 giugno), festival di teatro, danza, musica e arti performative giunto alla sua terza edizione.

L'EREDITÀ VIVENTE è una rara occasione di vedere riunite a Ferrara per 10 giorni, in un percorso intensivo di formazione teatrale, tre realtà che hanno segnato la storia del teatro contemporaneo, contribuendo ad affermare l'idea del Teatro come continua ricerca e trasformazione sociale: Ana Serralta e Ricardo Talento, esponenti della rete dei Teatri Comunitari argentini; Cathy Marchand, in rappresentanza del Living Theatre fondato nel 1947 da Judith Malina e Julian Beck; Teatr Osmego Dnia, gruppo polacco nato dall'influenza del Teatr Laboratorium di Jerzy Grotowski.
I tre gruppi proporranno 4 workshop tematici. Si parte il primo weekend, il 22-23-24 maggio, con il Laboratorio teorico-pratico sulla metodologia del Teatro Comunitario tenuto da Ricardo Talento del Circuito Cultural Barracas; il 25-26-27 maggio si prosegue con Teatr Osmego Dnia, che proporrà La Scrittura nello Spazio, workshop dedicato alla metodologia sviluppata dal gruppo polacco; il secondo weekend, il 29-30-31 maggio, si terrà il seminario proposto da Cathy Marchand, Nella Valigia di Julian Beck, ispirato all'esperienza professionale e personale con il Living Theatre. Il quarto workshop, condotto da Ana Serralta del Gruppo di Teatro Comunitario Catalinas Sur, è il Laboratorio di Costruzione Scenografica che si terrà dal 25 al 30 maggio e consentirà agli allievi di apprendere tecniche per realizzare maschere, marionette, pupazzi e scenografie. Al termine di ogni workshop, è prevista una dimostrazione di lavoro aperta al pubblico.
"Presupposto del progetto, da cui il titolo - dice Horacio Czertok, Presidente di Teatro Nucleo- è che l'eredità umana e artistica dei Maestri non possa essere sostituita dallo studio in differita sui libri di testo o altri materiali tramandati. L'unico vero spazio in cui si può ricevere un'eredità artistica, umana e spirituale come quella di cui sono portatori i gruppi invitati, è quello dell'esperienza condivisa, dell'incontro e della relazione tra allievi e Maestri".
Durante i 10 giorni di L'Eredità Vivente sono previste anche numerose attività collaterali, per lo più aperte al pubblico: il 21 maggio, presso il Teatro Ferrara Off, come anteprima dell'evento si terrà la presentazione di due libri sul Teatro Comunitario, con interventi di Ricardo Talento; il 26 maggio, presso il Cortazar, verrà presentato per la prima volta in Italia lo spettacolo I Dossier di Teatr Osmego Dnia, a ingresso libero; il 28 maggio si avrà l'occasione di conoscere gli artisti dell'Eredità Vivente in un incontro aperto al pubblico in cui interverrà Federica Zanetti dell'Università di Bologna, al termine del quale verrà proiettato lo slideshow fotografico Il Living Theatre nelle immagini di Marco Caselli Nirmal 1977-2013; il 29 maggio, sempre presso il Cortazar, Cathy Marchand dedicherà un tributo a Judith Malina del Living Theatre, recentemente scomparsa.

La Primavera del Teatro proseguirà nei giorni 5-6-7 giugno con TOTEM ARTI FESTIVAL, presso il Teatro Julio Cortàzar ed il vicino Parco Tito Salomoni. Totem Arti Festival, nato nel 2013 dalla volontà di riattivare l'area di Pontelagoscuro Vecchia, alla sua terza edizione si rinnova ma conserva intatta la volontà di creare uno spazio di condivisione e partecipazione, per coinvolgere la comunità e i giovani avvicinandoli alla fruizione di sperimentazioni artistiche e culturali. Un'occasione per incontrare esponenti del panorama artistico contemporaneo, gustandosi concerti immersi nel verde e spettacoli nell'intimità del teatro.
Per contribuire all'atmosfera di convivialità e condivisione sarà allestito, all'interno del Parco Tito Salomoni illuminato per l'occasione da Franco Campioni dell'Accademia Internazionale della Luce, un punto ristoro a cura di Centro Sociale La Resistenza e La Vegana.

Si inaugura venerdì 5 giugno con la performance "Segni particolari: un segno sul cuore", esito di un laboratorio condiviso sulla performance contemporanea condotto da Compagnia Iris in collaborazione con diversi soggetti, tra cui Natasha Czertok. A seguire, lo spettacolo di danza contemporanea Bird's eye view, che vede sulla scena Simona Bertozzi, una delle più apprezzate performer contemporanee del panorama nazionale, danzatrice per lungo tempo della Compagnia Virgilio Sieni. La serata si conclude con il concerto di Jessica Hyde, nuova formazione musicale, nata dall'esperienza del gruppo Empatee du Weiss, che sperimenta generi particolari, dalla liquid drum and bass al trip hop.
Sabato 6 giugno Fratelli Dalla Via presenteranno Mio figlio era come un padre per me, spettacolo con cui hanno vinto il Premio Scenario nel 2013. A seguire il concerto di Voodoo Sound Club, con la loro miscela esplosiva di generi, dal funky all'afrobeat, dal jazz alle canzoni di impegno sociale.
Domenica 7 giugno si parte nel pomeriggio con una lezione gratuita di acrobatica aerea su tessuto tenuta da Irene Guerrini; a seguire, lo sfizioso Twin Show delle Officine Duende, spettacolo teatrale per grandi e piccoli nel Parco Tito Salomoni. A chiusura del Festival, la nuova produzione di Teatro Nucleo e Sfumature in Atto, Memorie dal Reparto n°6, che affronta il tema dell'emarginazione cui costringe l'Istituzione manicomiale.
Ogni giorno dalle 19 alle 21, inoltre, Parco Tito Salomoni sarà animato dal programma radiofonico live di Radio Strike.

 

LA PRIMAVERA DEL TEATRO
L'EREDITÀ VIVENTE e TOTEM ARTI FESTIVAL - Dal 22 maggio al 7 giugno 

 

TEATRO NUCLEO

La Cooperativa Teatro Nucleo (inizialmente Comuna Nucleo) ha sempre vissuto il Teatro - arte sociale per antonomasia - come urgenza di trasformazione delle crisi individuali e collettive in valori positivi condivisibili per la comunità. Ai tanti allievi cresciuti in questa esperienza il Teatro Nucleo ha insegnato, sulle orme del grande Maestro Kostantin Stanislavskij, a "cercare l'Arte in se stessi, non se stessi nell'Arte". Con questa etica sono nati gli spettacoli per gli spazi aperti - per i quali il Teatro Nucleo è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo - e gli innumerevoli progetti di Teatro in carcere, nei quartieri, nelle scuole, nelle strutture terapeutiche e nelle istituzioni legate al lavoro sulla salute mentale e all'integrazione sociale.
Fondato nel 1974 da Cora Herrendorf e Horacio Czertok, in seguito al colpo di stato dei generali argentini, il Teatro Nucleo si stabilisce in Italia nel 1976. Arriva a Ferrara, chiamato dallo psichiatra basagliano Antonio Slavich, e qui collabora nel processo di chiusura dell'ex-ospedale psichiatrico della città che diviene anche la sua prima sede. Nel 1981 si costituisce in forma cooperativa, rappresentando tuttora una realtà di riferimento per quanto riguarda la produzione culturale, sia tra le associate di Legacoop Ferrara, sia nel panorama regionale.
Teatro Nucleo diventa Organismo Stabile riconosciuto dalla Regione Emilia-Romagna e, nel 2003, riceve dal Comune di Ferrara una nuova sede teatrale a Pontelagoscuro, due anni dopo intitolata allo scrittore Julio Cortázar, in omaggio alle radici argentine. Insieme all'inaugurazione del teatro e alla firma di un patto di gemellaggio nato nel 2004 tra le città di Ferrara e Buenos Aires - ideato e portato avanti da Cora Herrendorf con il sostegno e la collaborazione del Comune di Ferrara - si sono svolte, nel 2005, alla presenza dell'Ambasciatore argentino in Italia, una serie di iniziative denominate "Omaggio a Buenos Aires".
Il gemellaggio e la presenza del Teatro Nucleo a Pontelagoscuro danno in seguito origine a progetti di crescita e attiva partecipazione della comunità pontesana. Il primo passo delle azioni comunitarie nel quartiere avviene nello stesso 2005, quando dal Nucleo e dal Comune di Ferrara vengono commissionati ad Omar Gasparini e Ana Serralta - artisti argentini e membri del Gruppo di Teatro Comunitario Catalinas Sur - i due grandi murales che oggi ornano le facciate del Teatro. Rappresentano la storia del Nucleo su un lato e la storia pontesana sull'altro, ricostruita attraverso il coinvolgimento del quartiere-paese e della Scuola Primaria "Carmine della Sala" di Pontelagoscuro.
Dai rapporti con l'Argentina e con il Territorio, il Teatro Nucleo dà origine a due percorsi di teatro comunitario: il Gruppo di Teatro Comunitario di Pontelagoscuro, diretto e coordinato da Antonio Tassinari, e Donne Comunitarie, guidate da Cora Herrendorf.

Oggi, a quarant'anni dalla sua nascita, Teatro Nucleo chiama a Ferrara gruppi e artisti che non solo hanno intrecciato a più riprese il suo cammino, ma condividono questo senso profondo del Teatro come ricerca e trasformazione collettiva: il Living Theatre, in rappresentanza del quale sarà presente a Pontelagoscuro l'attrice Cathy Marchand, allieva dei maestri fondatori Judith Malina e Julian Beck; Teatr Osmego Dnia, gruppo nato nel 1964 a Poznan, in Polonia, nel pieno del regime totalitario e partecipe con il Teatro Nucleo del progetto internazionale Mir Caravan (1989); il regista Ricardo Talento e la scenografa e artista plastica Ana Serralta, promotori di importanti esperienze di Teatro Comunitario in Latinoamerica.


L'EREDITÀ VIVENTE - PROGRAMMA


TEATRO COMUNITARIO ARGENTINO
Dall'Argentina saranno a Ferrara Ricardo Talento e Ana Serralta, esponenti del Circuito Cultural Barracas e del Gruppo di Teatro Catalinas Sur, due realtà con sede a Buenos Aires legate all'impegno nel Teatro Comunitario, una forma teatrale della e per la comunità cui lo stesso Antonio Tassinari ha dedicato con passione gli ultimi anni della propria vita. Dal Teatro Comunitario di Buenos Aires verranno proposti due workshop:

22 23 24 maggio
Laboratorio teorico-pratico sulla metodologia del Teatro Comunitario
Con Ricardo Talento
Ricardo Talento illustrerà le tecniche del Teatro Comunitario, una metodologia artistica nata dalla convinzione che il Teatro sia un potente strumento di trasformazione sociale.
www.ccbarracas.com.ar

dal 25 al 30 maggio
Laboratorio di costruzione scenografica
Con Ana Serralta
Scenografa del Grupo de Teatro Catalinas Sur di Buenos Aires, Ana Serralta condurrà gli allievi all'ideazione e realizzazione di maschere e marionette, sculture, cabezudos, scenografie per interni e teatro di strada, utilizzando materiali quali: gesso, lattice, silicone, gommapiuma.
www.catalinasur.com.ar


TEATR OSMEGO DNIA - POLONIA
25 26 27 maggio
La scrittura nello Spazio
Teatr Osmego Dnia, ovvero Il Teatro dell'Ottavo giorno, fu fondato nel 1964 da un gruppo di studenti universitari della città di Poznan in Polonia, nel pieno del regime totalitario. Il gruppo capì fin da subito che la libertà va sempre legata all'impegno sociale e politico, ancora di più in un Paese controllato per gran parte della sua storia recente con la censura, la repressione e la sorveglianza costante. Con la proclamazione dello Stato di Assedio e la Legge Marziale, le loro attività furono pesantemente compromesse e una parte del gruppo nel 1985 dovette emigrare. Facendo tappa a Ferrara, fu accolto dal Teatro Nucleo. Subito dopo il 1989, con il ritorno della democrazia e invitati dal Primo Ministro Tadeusz Mazowiecki, Teatr Osmego Dnia fece ritorno a Poznan.
Inizialmente influenzato dal training fisico del Teatr Laboratorium di Jerzy Grotowski, Teatr Osmego Dnia nel tempo ha sviluppato una propria peculiare metodologia, la "scrittura nello spazio", che partendo da improvvisazioni collettive porta alla costruzione poetica delle immagini emerse.
www.osmegodnia.art.pll


CATHY MARCHAND - LIVING THEATRE
29 30 31 maggio
Nella Valigia di Julian Beck
Cathy Marchand, allieva di Jean Louis Barrault al Théâtre d'Orsay, comincia il suo percorso artistico molto giovane grazie all'incontro con l'attore Pierre Clemènti che la conduce a Roma all'incontro con Julian Beck e Judith Malina del Living Theatre. Con il Living la Marchand riesce a trovare la giusta chiave per unire il teatro e la politica. Lavora con Pier Paolo Pasolini, Sergio Citti, Gian Maria Volontè, Federico Fellini e Dino Risi. L'incontro cinematografico con il musicista Franco Battiato porta alla realizzazione di due film: MusiKanten con Alejandro Jodorowsky e Niente è come sembra. Alla morte di Julian Beck, la Marchand rientra in Europa e comincia a lavorare en solitaire cercando di trasmettere la propria esperienza del Living alle giovani generazioni.
Con questo workshop Cathy Marchand intende trasmettere alle nuove generazioni le tecniche sviluppate dal Living Theatre, partendo dagli oggetti-simbolo che hanno segnato la propria storia personale.
www.cathymarchand.com

 

EVENTI COLLATERALI

Oltre ai workshop, accessibili su prenotazione e con posti limitati, L'Eredità Vivente comprende una serie di eventi collaterali aperti al pubblico.

- Il 21 maggio alle ore 18:00 presso il Teatro Off di Ferrara, saranno presentati in anteprima per La Primavera del Teatro due volumi: Pasado y presente de un mundo posible. Adhemar Bianchi y Ricardo Talento: del teatro independiente al comunitario, a cura di Mónica Berman, Ana Durán e Sonia Jaroslavsky, edizioni Leviatan e Un'avventura utopica. Teatro e trasformazione nell'esperienza del Gruppo Teatro Comunitario di Pontelagoscuro, a cura di Greta Marzano ed Erica Guzzo, edito da Titivillus.
Alla presentazione interverrà anche il regista Ricardo Talento.
A seguire sarà offerto un aperitivo.

- Il 26 maggio, alle ore 20:30 presso il Teatro Julio Cortàzar, in anteprima nazionale, Teatr Osmego Dnia presenterà lo spettacolo I Dossier, nato dalla scoperta, da parte degli attori e delle attrici della compagnia, dei loro personali fascicoli di indagine redatti dalla polizia segreta tra il 1975 e il 1983, durante il regime totalitario in Polonia.
Ingresso a offerta libera.

- Il 28 maggio, a bordo del battello La Nena, si svolgerà un itinerario fluviale sul Po, con i maestri dell'Eredità Vivente. La partecipazione è aperta ai partecipanti dei laboratori.
Alle Ore 16:00 presso il Teatro Julio Cortàzar, si terrà un incontro aperto al pubblico con i Maestri de L'Eredità Vivente. Interverrà Federica Zanetti del Dipartimento di Scienze dell'Educazione "G. M. Bertin" Alma Mater Studiorum - Università di Bologna.
A seguire, la presentazione dello slideshow Living Theatre nelle immagini di Marco Caselli Nirmal 1977-2013.

- Il 29 maggio alle ore 21:00 presso il Teatro Julio Cortàzar, si terrà Tributo a Judith Malina, video e testimonianze della maestra Cathy Marchand (Living Theatre).
Ingresso libero.

- A conclusione dei workshop, infine, presso il Teatro Cortàzar sono previste dimostrazioni di lavoro aperte al pubblico: il 24 maggio alle ore 20:00 si terrà la dimostrazione di lavoro conclusiva del workshop di Metodologia del Teatro Comunitario tenuto da Ricardo Talento; il 30 maggio alle ore 18:30 sarà la volta del workshop di Costruzione di Ana Serralta, mentre il 31 maggio alle ore 20:00 sarà possibile assistere all'evento conclusivo del laboratorio condotto da Cathy Marchand, Nella valigia di Julian Beck.

 

TOTEM ARTI FESTIVAL - PROGRAMMA

VENERDÌ 5 GIUGNO

ore 18:30 - INAUGURAZIONE con aperitivo e performance nel parco
"Segni particolari: un segno sul cuore": Compagnia Iris presenta l'esito del laboratorio condiviso sulla performance contemporanea, condotto in collaborazione con Alice Bariselli e A/M Project, Natasha Czertok con Greta Marzano e fannybullock.

ore 21:00 - DANZA
COMPAGNIA SIMONA BERTOZZI/NEXUS - Bird's Eyes View
Un poema coreografico che, nutrendosi di suggestioni provenienti dal mimetismo animale, indaga il rapporto del corpo con lo spazio scenico attraverso la metafora del volo. La danzatrice, figura ibrida tra uccello e aviatore, dà vita ad una composizione fragile e solitaria, ma al contempo visionaria e maestosa.

ore 22:00 - CONCERTO NEL PARCO
JESSICA HYDE
Jessica Hyde è un progetto di sperimentazione che nasce a Berlino nel 2014 dall'esperienza di un altro gruppo musicale, gli Empatee Du Weiss. Mescola particolari generi musicali, dalla liquid drum and bass al trip hop, in un intreccio di sax, tastiera, chitarra e percussioni.


SABATO 6 GIUGNO

ore 21:00 - TEATRO
FRATELLI DALLA VIA - Mio figlio era come un padre per me
Vincitore del Premio Scenario 2013, la Giuria lo ha definito "una cupa parabola sul conflitto generazionale": due figli architettano l'omicidio dei propri genitori ma si trovano a dover fare i conti con il loro suicidio, decisione estrema compiuta a causa della crisi economica. Uno spettacolo che, con profonda ironia e cinica leggerezza, affronta il dramma del futuro negato.


ore 22:30 - CONCERTO NEL PARCO
VOODOO SOUND CLUB
Una miscela esplosiva di funky, afrobeat, jazz, gnawa music, afrocuban music, psichedelia e canzoni di lotta ed impegno sociale, che riporta il jazz vicino alle forme originarie di black music. Musica animista da ascoltare e ballare in un concerto dalla forte connotazioni sciamanico-rituali.


DOMENICA 7 GIUGNO

Ore 17:00 - LEZIONE GRATUITA
ACROBATICA AEREA SU TESSUTO con Irene Guerrini
Percorso rivolto ai bambini dai 10 anni in su e agli adulti curiosi di apprendere la disciplina circense del tessuto aereo. La lezione prevede: riscaldamento iniziale, potenziamento a terra e sugli attrezzi, approccio con il tessuto e insegnamento di figure (salite, figure statiche, dinamiche, equilibri).

Ore 18:30 - TEATRO NEL PARCO
OFFICINE DUENDE - Twin Show
Direttamente dal Freak's Puppet Circus delle Officine Duende, nel Parco Tito Salomoni verrà esibito, come nelle fiere d'altri tempi, il "fenomeno" delle sorelle siamesi: un unico corpo con due cuori separati o due corpi uniti da un amore unico e indissolubile?

ore 21:00 - TEATRO
TEATRO NUCLEO/SFUMATURE IN ATTO - Memorie dal reparto n°6
Liberamente tratto dal racconto di Anton Checov, uno spettacolo sulla poetica di un folle ed emarginato che, nel tentativo di trasformare in poesia il proprio buio, è risucchiato dal cinismo di una istituzione manicomiale che reclude ed esclude chi, per fiducia o costrizione, vi affida la propria vita.

INOLTRE...
Ogni giorno dalle 19 alle 21
RADIO STRIKE > Programma radiofonico live ed itinerante
Selezione musicale e interviste agli artisti nel Parco Tito Salomoni.

 

 

Per informazioni e prenotazioni su L'Eredità Vivente: info.ereditavivente@gmail.com; www.teatronucleo.org
Per informazioni e prenotazioni su Totem Arti Festival: totemartifestival@gmail.com; www.totemartifestival.it

TEATRO NUCLEO
c/o Teatro Julio Cortàzar
Via Ricostruzione, 40 - 44123
Pontelagoscuro - Ferrara (Italia)
phone (+39) 0532 464091 mobile (+39) 329 1876882
www.teatronucleo.org - teatronucleo@gmail.com

Ufficio Stampa Teatro Nucleo - Greta Marzano, Francesca Tamascelli
ufficiostampa.teatronucleo@gmail.com

 

Immagini scaricabili:

conf stampa locandina