Comune di Ferrara

mercoledì, 16 ottobre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "Tutori nel tempo. Rappresentare e sostenere i minori stranieri soli nella nostra città" - DIRETTA audio-video

SEMINARIO DI FORMAZIONE - Sabato 23 marzo 2019, nella sala del Consiglio comunale (piazza del Municipio, 2 - Ferrara) - Crediti per giornalisti e avvocati

"Tutori nel tempo. Rappresentare e sostenere i minori stranieri soli nella nostra città" - DIRETTA audio-video

01-03-2019 / Giorno per giorno

DIRETTA e ARCHIVIO audio-video >> http://youtu.be/olrZxenBrGM

Oltre cinquanta volontari formati, una nuova associazione, 15 tutele svolte o in corso per affiancare fino alla maggiore età, e rappresentare legalmente, adolescenti stranieri arrivati da soli sul nostro territorio e accolti nella comunità SPRAR Minori di Ferrara. Questo, in sintesi, il primo bilancio del progetto di formazione e sostegno ai tutori volontari promosso dal Comune di Ferrara insieme al Garante dell'Infanzia della Regione Emilia-Romagna e ad Agire Sociale-CSV. L'esperienza verrà presentata in occasione di un seminario formativo rivolto a giornalisti, avvocati e operatori sociali, ma aperto a tutti i cittadini interessati, sul tema "Tutori nel tempo. Rappresentare e sostenere i minori stranieri soli nella nostra città", in programma sabato 23 marzo 2019, dalle 9 alle 13,30 nella Sala del Consiglio Comunale (piazza Municipio 2 - FE), introdotto da Chiara Sapigni, assessore comunale ai Servizi alla Persona.

L'iniziativa è organizzata dal Comune di Ferrara in stretta collaborazione con l'Ordine Giornalisti e la Fondazione Giornalisti dell'Emilia-Romagna, Istituto Don Calabria, Associazione "Tutori nel tempo", Camera Minorile di Ferrara, Agire Sociale - CSV, Asp Ferrara, progetto "Minori e giovani stranieri non accompagnati. Azioni di inclusione e autonomia" finanziato sul bando "Never Alone".

L'idea di affidare la rappresentanza della persona minorenne ad un volontario preparato, e non ad una istituzione pubblica come è avvenuto negli ultimi anni, è diventata indicazione normativa con la l. n. 47/17 sull'accoglienza ai MSNA. La sua attuazione è stata promossa su tutto il territorio dal Garante nazionale dell'infanzia e dell'adolescenza attraverso la rete dei Garanti regionali. Con il suo intervento Clede Garavini, Garante dell'Emilia Romagna, tratteggerà lo stato dell'arte della tutela volontaria per i MSNA nella nostra regione.
L'esperienza ferrarese ha la particolarità di essere iniziata nel 2015, ancor prima della legge, e di essersi sviluppata attraverso due corsi di formazione che hanno stimolato la nascita della prima associazione di volontariato in Emilia Romagna. Ne parleranno Elena Buccoliero, dell'Ufficio Diritti dei Minori comunale, e Daniele Lugli, del Movimento Nonviolento, che hanno curato in questi anni l'itinerario formativo e il supporto dei volontari.
Una rappresentanza dell'associazione "Tutori nel tempo" presenterà "Le motivazioni, le scoperte, le sfide dei tutori volontari" riprendendo gli aspetti più salienti di questi anni di impegno accanto agli adolescenti stranieri. Seguirà un momento di confronto tra i soggetti che nel nostro territorio sono deputati all'accoglienza dei giovani migranti. Parteciperanno: Giordano Barioni, coordinatore della comunità SPRAR Minori "Fratel Matteo Ponteggia" attiva presso la Città del Ragazzo; Valentina Dei Cas, educatrice di Asp Ferrara; Marco Orsini di Coop. Cidas; Barbara Santagata, coordinatrice nazionale di un progetto dell'Ist. Don Calabria approvato sul bando Never Alone per favorire la continuità dei percorsi di integrazione tra minore e maggiore età.
L'ultima parte dell'incontro ha l'ambizione di ampliare lo sguardo e di toccare alcuni temi di fondo.
L'atteggiamento verso le persone straniere risente fortemente delle rappresentazioni veicolate dalla comunicazione di massa. Il giornalista Sergio Gessi porterà una riflessione critica sul ruolo dei media, su come si raccontano e potrebbero essere raccontate le storie dei giovanissimi migranti, anche alla luce delle carte deontologiche dei giornalisti (Testo Unico dei Doveri del Giornalista: Carta di Treviso e Carta di Roma).
Paola Scafidi, avvocato oltre che volontaria dei "Tutori nel tempo", parlerà di ciò che è cambiato per gli adolescenti migranti alla luce del Decreto Sicurezza, laddove i mutamenti sono limitati prima della maggiore età ma influiscono pesantemente sulle loro prospettive di integrazione.
Infine Giuseppe Spadaro, presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna che ha competenza per tutta l'Emilia Romagna ed è deputato alla tutela dei MSNA alla luce della citata l. n. 47/17, riporterà l'attenzione sul significato di un impegno coerente per l'accoglienza dei migranti più fragili.
Gli interventi del seminario saranno coordinati da Alessandro Zangara, giornalista, responsabile dell'Ufficio Stampa del Comune di Ferrara e di Croncacomune, e verranno intervallati con brevi video interviste a adolescenti stranieri accolti presso la comunità SPRAR Minori "Fratel Matteo Ponteggia" di Ferrara, a cura di Alejandro Ventura. 

Al seminario sono stati riconosciuti 6 crediti deontologici per la formazione giornalisti e 3 crediti per la formazione avvocati. 

Iscrizioni per i giornalisti su piattaforma Sigef, per tutti gli altri entro il 20 marzo 2019 tramite e-mail: e.buccoliero@comune.fe.it

Queste nel dettaglio le relazioni previste nella mattinata di lavori: 

- La tutela volontaria in Emilia Romagna: a che punto siamo - Clede Garavini, Garante dell'infanzia, Regione Emilia-Romagna

- L'esperienza di Ferrara dal 2015 ad oggi - Elena Buccoliero, Comune di Ferrara, e Daniele Lugli, Movimento Nonviolento

- Le motivazioni, le scoperte, le sfide dei tutori volontari - Intervento a cura dell'associazione "Tutori nel tempo", Ferrara

- L'accoglienza sul territorio, l'incognita di diventare adulti - Giordano Barioni, Istituto don Calabria, Valentina Dei Cas Asp Ferrara, Marco Orsini CIDAS, Barbara Santagata progetto Bando Never Alone

- Comunicare le migrazioni "minori". Il ruolo dei media e le carte deontologiche (Testo Unico dei Doveri del Giornalista: Carta di Treviso e Carta di Roma) - Sergio Gessi, giornalista

- Come cambia l'accoglienza dei minori dopo il "Decreto Sicurezza" - Paola Scafidi, avvocato, tutore volontario

- L'impegno dell'accoglienza verso i minori - Giuseppe Spadaro, magistrato, presidente del Tribunale per i Minorenni

L'obiettivo della giornata è quello di far conoscere dati e realtà delle migrazioni dei minorenni stranieri che arrivano in Italia privi di riferimenti adulti, divulgare l'esperienza dei tutori volontari per i MSNA e riflettere su di essa, riflettere sul ruolo dei media nel formare l'opinione pubblica sui temi della migrazione, e in particolare di quella dei minorenni, alla luce delle carte deontologiche (Testo Unico dei Doveri del Giornalista: Carta di Treviso e Carta di Roma); infine mettere a fuoco le forme di accoglienza per i MSNA anche alla luce del nuovo Decreto Sicurezza e le possibilità di integrazione esistenti nel passaggio alla maggiore età.

 

>> LE SCHEDE (CURRICULA VITAE BREVI)

Clede Garavini - psicologa, Garante dell'infanzia e dell'Adolescenza della Regione Emilia-Romagna. Sulla base di un protocollo siglato tra il Tribunale per i Minorenni di Bologna e la Garante dell'Infanzia regionale, è quest'ultima a promuovere la formazione dei tutori volontari per MSNA in Emilia Romagna e a coordinare l'elenco dei volontari formati e disponibili alla nomina utilizzato dal Tribunale per i Minorenni.

Elena Buccoliero, sociologa e giornalista, referente dell'Ufficio Diritti dei Minori del Comune di Ferrara oltre che giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna. Daniele Lugli, avvocato, presidente emerito del Movimento Nonviolento, già Difensore civico della Regione Emilia-Romagna negli anni 2008-13 con un impegno specifico per promuovere la tutela volontaria ancor prima della nomina del primo Garante regionale dell'infanzia e dell'adolescenza. Insieme, dal 2015, curano la formazione e il supporto ai tutori volontari della provincia di Ferrara.

L'Associazione "Tutori nel tempo" di Ferrara è la prima associazione di tutori volontari sorta in Emilia Romagna nel 2016 per consolidare le relazioni di aiuto reciproco tra i volontari formati per la tutela e diffondere una cultura dell'accoglienza e del rispetto dei diritti dei minori. Al seminario interverranno due dei tutori formati, anche a nome degli altri volontari con esperienze di tutela.

Giordano Barioni, pedagogista. Presso l'Istituto don Calabria di Ferrara coordina la comunità SPRAR Minori (oggi SIPROIMI) Fr. Matteo Ponteggia. È formatore per Fondazione Paideia nei progetti di affiancamento familiare e collabora con Fondazione Zancan. Per l'Istituto don Calabria è referente per l'Emilia Romagna nel progetto voluto dalla Garante nazionale dell'Infanzia e Adolescenza per il monitoraggio e il supporto alla tutela volontaria dei MSNA.

Sergio Gessi, giornalista e scrittore, direttore responsabile di Ferraraitalia.it, docente a contratto di Etica della comunicazione all'Università di Ferrara.

Barbara Santagata, Istituto don Calabria, è la referente del progetto "Minori e giovani Stranieri Non Accompagnati: azioni di inclusione e autonomia" sostenuto dal Bando nazionale Never Alone 2016 della Fondazione Cariplo. Il progetto comprende diverse azioni di supporto all'autonomia dei MSNA sulla soglia dlela maggiore età, tra cui la tutela volontaria.

Paola Scafidi, avvocato, con una formazione specifica sui temi dell'immigrazione. Nel 2017 ha seguito il corso di formazione per tutori volontari organizzato dal Comune di Ferrara in collaborazione con il Garante regionale dell'Infanzia e dell'Adolescenza, l'Associazione Tutori nel Tempo, Agire Sociale-CSV e la Camera Minorile di Ferrara.

Giuseppe Spadaro, magistrato, è il Presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna. La legge 47/17 sull'accoglienza ai MSNA attribuisce proprio ai tribunali per i minorenni la competenza per tutto ciò che riguarda la tutela e l'accoglienza dei MSNA.

DIRETTA audio-video >> http://youtu.be/olrZxenBrGM

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: