Comune di Ferrara

mercoledì, 16 ottobre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Bilancio Consuntivo 2018 del Comune di Ferrara: rispettate le previsioni iniziali e investimenti in crescita

ASSESSORATO AL BILANCIO - La presentazione alla città prima dei passaggi istituzionali fino al voto del Consiglio comunale

Bilancio Consuntivo 2018 del Comune di Ferrara: rispettate le previsioni iniziali e investimenti in crescita

26-03-2019 / Giorno per giorno

Concluse le fasi di elaborazione e di confronto preliminari, il "Bilancio consuntivo 2018 del Comune di Ferrara" si appresta ad affrontare l'esame da parte della 1.a Commissione consiliare  (mercoledì 27 marzo alle 15.30 in sala Zanotti) per essere poi presentato entro aprile in Consiglio comunale per il voto conclusivo. Il documento è stato illustrato in mattinata (martedì 26 marzo) nella residenza municipale nel corso di una conferenza stampa dal sindaco Tiziano Tagliani e dall'assessore Luca Vaccari.

"Se questo fosse un bilancio di un'azienda privata - ha esordito in apertura l'assessore Luca Vaccari - sarei sicuramente orgoglioso di quanto abbiamo ottenuto, ma anche in un'ottica pubblica i risultati che portiamo con questo documento, così come quelli degli anni precedenti, è assolutamente apprezzabile. Un Consuntivo che ci fa chiudere con 40 milioni di euro di avanzo, un pò in riduzione rispetto al precedente, ma questo è positivo poiché significa che siamo riusciti ad applicare in buona misura l'avanzo che ci veniva dagli anni precedenti. Inoltre, - ha poi aggiunto - alla fine dei dieci anni di consiliatura abbiamo dimezzato il debito. E questo è un altro grande segnale positivo, nel senso che il carico su ogni cittadino è nettamente più basso. Siamo riusciti poi a mantenere quantità e qualità dei servizi nella misura che immaginavamo già in fase di previsione. Lo scarto fra previsione e consuntivo è infatti minimo, segno dunque di una buona capacità di programmazione che, unita alla recente stabilità normativa, ci ha consentito di spendere al meglio le risorse ricavate dai cittadini, dalle tasse e dalle varie entrate."

"Penso che non sia del tutto scorretto ricordare - ha poi affermato il Sindaco - che consegniamo all'Amministrazione entrante un avanzo libero di oltre 4 milioni di euro, un accantonamento per fondi rischi diversi di oltre 25 milioni di euro, 21 milioni di euro già finanziati per opere pubbliche ormai solamente da completare e inoltre una capitalizzazione delle nostre partecipazioni che sfiora gli 80 milioni di euro. Sono cifre importanti all'interno di un bilancio che ormai non cambia più grazie anche al fatto che si è finalmente stabilizzata la normativa sulla finanza locale. Questo fa anche evidenziare in modo chiaro che il bilancio del nostro Comune è stabilmente in attivo, un attivo che ci consente di non fare mutui e che ci ha permesso di ridurre il debito di più della metà nell'arco dei dieci anni trascorsi. Ma se questi risultati - ha poi aggiunto - fossero avvenuti con un blocco degli investimenti ci sarebbe da ridire. Invece negli ultimi tre anni gli investimenti sono andati sempre crescendo. C'è ovviamente da considerare l'effetto scisma, ma sicuramente anche quello di essere stati capaci - dal Verdi a Porta Paola, da piazza Ariostea a San Paolo, dal Massari ai Diamanti e non solo - di capitalizzare sia contributi di provenienza europea o regionale sia altri di carattere straordinario, che sono venuti dal progetto del Ducato Estense per fare un esempio. In questi anni, insomma, abbiamo dimostrato una capacità di progettazione e di utilizzo di risorse finanziarie che ha comportato sicuramente un salto in avanti enorme rispetto al passato".

 

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: