Comune di Ferrara

lunedì, 14 ottobre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "I percorsi della memoria", una ricerca sulle motivazioni dell'intitolazione delle strade con le scuole di Ferrara

ASSESSORATO ALL'ISTRUZIONE - Giovedì 11 aprile 2019 alle 10 iniziativa di presentazione dei lavori alla sala Estense

"I percorsi della memoria", una ricerca sulle motivazioni dell'intitolazione delle strade con le scuole di Ferrara

08-04-2019 / Giorno per giorno

Si è svolta lunedì 8 aprile 2019 nella sala degli Arazzi della residenza municipale la conferenza stampa di presentazione del progetto regionale "Con-Cittadini" dedicato a "I percorsi della memoria. Ricerca sulle motivazioni dell'intitolazione delle strade con le scuole della città di Ferrara", che sarà al centro dell'incontro pubblico in programma per giovedì 11 aprile in sala Estense.

All'incontro con i giornalisti interverranno l'assessora comunale alla Pubblica Istruzione, il vice presidente di Anpi Ferrara Daniele Civolani, la responsabile dell'ufficio comunale Anagrafe immobiliare e Toponomastica Rosa FogliGiuliano Fiorini dell'Istituzione Servizi scolastici del Comune, Francesco Borciani (dirigente), Paola Di Stasio, Renato Bertelli, docenti dell'Istituto per Geometri Aleotti in rappresentanza delle scuole coinvolte al progetto (primarie Giacomo Matteotti e Villaggio Ina, della scuola secondaria di 1° grado Filippo De Pisis e degli istituti di istruzione superiore Giovanni Battista Aleotti- Istituto tecnico CAT Costruzioni, Ambiente e Territorio e Vergani-Navarra).

LE SCHEDE (a cura dell'Ufficio Diritto allo Studio Istituzione Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie)

Progetto Regionale "Con-Cittadini" - I PERCORSI DELLA MEMORIA

Giovedì 11 Aprile 2019 alle 10 in Sala Estense di Piazza Municipale, verrà presentato il progetto "I PERCORSI DELLA MEMORIA" con proiezione dei risultati dei lavori da parte dei docenti e degli allievi di alcune scuole del comune di Ferrara. Capofila del progetto che è inserito nel circuito regionale "Con- Cittadini" è l'Associazione Nazionale Partigiani (A.N.P.I.).

Partecipano al progetto le scuole: Scuola Primaria "G. Matteotti", Scuola Secondaria di 1° grado "F. De Pisis", Scuola Primaria "Villaggio INA", I.I.S. "G.B. Aleotti" - I.T. CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio), Istituto di Istruzione Superiore "Vergani - Navarra in collaborazione con l'Istituzione dei servizi educativi, scolastici e per le famiglie, l' ufficio Anagrafe Immobiliare e Toponomastica del Comune di Ferrara, ISTAT Archivio Nazionale dei Numeri Civici delle Strade Urbane e il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara;

Al convegno bambini, ragazzi e docenti delle scuole presenteranno il frutto delle loro considerazioni relative al significato storico e geografico dei nomi che indicano le VIE della loro città. Il tutto sarà commentato dal Vice Sindaco e Assessore alla Cultura e dall'Assessora alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara.

Perché dare un nome alle strade e alle piazze?

Potremmo fare come in molte città statunitensi e numerarle (terza strada, quarta strada, quinta ...), il risultato sarebbe, dal punto di vista delle coordinate identificative, lo stesso. Invece la storia ci ha fatto intraprendere un percorso diverso, dapprima i loro nomi ci hanno indicato delle caratteristiche fisiche (via Boccacanale di Santo Stefano, via Camposabbionario o via Ripagrande), poi delle attività produttive (via Spadari, via Correggiari) e infine personaggi o famiglie noti (vicolo del Chiozzino, via Ghisiglieri, via Brasavola). Quest'ultima scelta ha sempre di più voluto, in seguito, indicare alla comunità personaggi famosi come esempio di eroismo, di rettitudine, di ingegno, di senso civico. Con il tempo molti di questi nomi, compresi quelli geografici o di mestiere, hanno perso il loro senso, dimenticati dai più. È questo il motivo della nostra ricerca insieme ai bambini e ai giovani delle scuole ferraresi, recuperare il significato e la storia di quei nomi per consentire loro di accrescere il senso di appartenenza alla comunità e di muoversi in un ambiente cittadino culturalmente proprio e storicamente definito.

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI:

INTRODUCONO: Vice Sindaco e Assessore alla Cultura, Daniele Civolani Vice presidente ANPI Ferrara, Rosa Fogli Responsabile Ufficio Anagrafe Immobiliare e Toponomastica del Comune di Ferrara, Francesco Di Pede ISTAT Archivio Nazionale dei Numeri Civici delle Strade Urbane;

PROIEZIONE DEI RISULTATI E PRESENTAZIONE DEI LAVORI DA PARTE DEI DOCENTI E DEGLI ALLIEVI DELLE SCUOLE: Scuola Primaria "G. Matteotti", Scuola Secondaria di 1° grado "F. De Pisis", Scuola Primaria "Villaggio INA", I.I.S. "G.B. Aleotti" - I.T. CAT (Costruzioni, Ambiente e Territorio), Istituto di Istruzione Superiore "Vergani - Navarra";

COMMENTO AI LAVORI PRESENTATI: Antonella Guarnieri Responsabile del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara, Rosa Maria Manari Responsabile progetto "con-Cittadini" - Regione Emilia Romagna;

DIBATTITO

CONCLUSIONI: Assessora alla Pubblica Istruzione del Comune di Ferrara.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - 

>> Il circuito regionale "Con-Cittadini nel quale è inserito il progetto "I percorsi della memoria

L'Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, promuove un'inedita esperienza di vicinanza ai propri ragazzi attraverso il progetto "Con-Cittadini", nato dall'idea di condividere con il territorio un percorso che fa dell'agire, la pratica attraverso la quale si chiede ai ragazzi di scoprire il senso della cittadinanza e della responsabilità civica.  

Una modalità che si alimenta della continua contaminazione fra i vari soggetti al lavoro e che trova la sua forza nel grande protagonismo dei ragazzi. "Con-Cittadini", prima ancora che un progetto, è una filosofia, è una comunità che è cresciuta ed è andata consolidandosi nella miriade di progettualità espresse dalle scuole della Regione. Fin dall'inizio si è immaginato che l'Assemblea legislativa potesse diventare una "casa"  della cittadinanza, all'interno della quale lavorano e interagiscono scuole di ogni ordine e grado, gruppi giovanili formali e informali, comuni, associazioni e realtà del mondo no-profit, accomunate dall'impegno rivolto ai giovani cittadini. 

Un luogo riconosciuto dove sostenere, unificare, dare valore e coerenza alla quantità illimitata di progettualità, altrimenti disperse e misconosciute ai più. Una caratteristica questa che ha reso "Con-Cittadini" un'esperienza inedita, in grado di coniugare e far convivere all'interno della stessa rete i differenti orizzonti e approcci che connotano l'impegno sulla cittadinanza. 

Oggi, all'interno di questa comunità di pratica, sono coinvolti all'incirca 30.000 ragazzi, 5.000 tra docenti e formatori, più di 200 tra Associazioni, Fondazioni ed espressioni della società civile, più di 200 scuole di ogni ordine e grado e un centinaio tra Enti locali, Consulte e Centri giovanili. 

I soggetti che fanno capo a questa rete lavorano fianco a fianco con altre realtà, integrandosi, contaminandosi e contribuendo a far crescere una cultura della cittadinanza, approfondendo i propri percorsi all'interno di tre macroaree riconoscibili: Memoria, Diritti, Legalità. 

Attraverso queste relazioni, dunque, la comunità di "Con-Cittadini" entra in contatto con soggetti e istituzioni altrimenti difficilmente raggiungibili, offrendo occasioni di scambio per quanti vogliano sviluppare e intraprendere specifiche iniziative. 

"Con-cittadini" ha una storia, ormai di una quindicina d'anni; una storia che ha rappresentato, prima di tutto, un viaggio lungo il sentiero dell'impegno civico praticato, agito e che fa crescere. 

Un insieme che sorprende per la ricchezza di contenuti (pagina internet regionale): 

www.assemblea.emr.it/cittadinanza/archivio-progetti/2017/concittadini-2017-18/concittadini-2017-2018 

 

Links:

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: