Comune di Ferrara

mercoledì, 16 ottobre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "Cracking", Gianfranco Bettin al Grattacielo per parlare della sua Marghera

BIBLIOTECA POPOLARE GIARDINO - Martedì 18 giugno alle 21 nella sala polivalente

"Cracking", Gianfranco Bettin al Grattacielo per parlare della sua Marghera

17-06-2019 / Giorno per giorno

La Biblioteca Popolare Giardino (viale Cavour 183, Ferrara) - la nuova biblioteca aperta da poche settimane al piano terra del Grattacielo e gestita da un folto gruppo di bibliotecari volontari - prosegue la sua attività di promozione culturale.

Martedì 18 giugno 2019, alle 21, nella sala polivalente (viale Cavour 189, Ferrara) adiacente alla Biblioteca Popolare Giardino, Gianfranco Bettin presenterà "Cracking", il suo nuovo romanzo uscito per i tipi di Mondadori. Introduce e modera la serata il giornalista Riccardo Bottazzo. Dialogano con l'autore Fausto Chiarioni, segretario provinciale Filctem-Cgil Ferrara e Luca Fiorini, rsu Lyondell-Basell.

Con "Cracking" (letteralmente: screpolatura) Gianfranco Bettin torna a raccontarci la sua Marghera. Ed è proprio il fabbricone, il Petrolchimico di Porto Marghera il centro attorno a cui si dipana tutto il romanzo. Un romanzo "sociale" che dipana una lunga storia di lotte sociali e personali attraverso il vissuto del protagonista, l'operaio Celeste Vanni, entrato in fabbrica appena a vent'anni.

"Celeste Vanni ha lavorato per una vita, quasi una vita, al Petrolchimico di Porto Marghera. Cosa può fare un uomo solo? Mentre l'alba si avvicina, lungo la parabola della notte, torna la vita vissuta, tornano le promesse fatte, e, tornito nel buio, prende forma un gesto di rivolta".

Gianfranco Bettin (Marghera, Venezia, 1955) - ricercatore, scrittore, saggista e politico ecologista. Ha insegnato e lavorato a lungo nel campo della ricerca sociale. Collabora a diversi quotidiani e riviste, tra cui il manifesto e Micromega.

Ha esordito nel 1989 con Qualcosa che brucia, romanzo autobiografico ambientato nel degrado di Marghera. Si è specializzato nel romanzo-reportage (Eredi: da Pietro Maso a Erika e Omar, 1992; Sarajevo Maybe, 1994; Petrolkimiko, 1998; La strage. Piazza Fontana, verità e memoria, 1999, con M. Dianese) in cui l'attualità diventa materia della narrazione. In Nemmeno il destino (Feltrinelli 1997), Nebulosa del Boomerang (Feltrinelli 2004) e Le avventure di Numero Primo (Einaudi 2017), pur non rinunciando alla sua vena «civile», si è allontanato dalla cronaca per tornare all'invenzione di trame e personaggi.

All'attività di scrittore è andato affiancando negli anni quella politica, sempre più consistente: dagli interventi giornalistici su temi politico-sociali e ambientali, sui quali ha pubblicato anche numerosi saggi, all'attività nella Federazione dei Verdi. Gianfranco Bettin è stato deputato e prosindaco di Venezia.

Per informazioni sulla biblioteca: sito web www.bibliopopgiardino.it.
(Comunicato a cura degli organizzatori)

Immagini scaricabili:

Gianfranco Bettin - autore romanzo "Cracking", Mondadori