Comune di Ferrara

sabato, 24 agosto 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Cantieri estivi: proseguono i lavori per riqualificare i beni monumentali, per migliorare la viabilità e di ammodernamento dell'illuminazione pubblica

LAVORI PUBBLICI E VIABILITA' - Aggiornamenti su interventi in corso e modifiche alla viabilità in città dal 12 al 25 agosto 2019

Cantieri estivi: proseguono i lavori per riqualificare i beni monumentali, per migliorare la viabilità e di ammodernamento dell'illuminazione pubblica

09-08-2019 / Giorno per giorno

Di seguito alcuni aggiornamenti relativi a lavori pubblici e provvedimenti di viabilità previsti dal 12 al 25 agosto 2019 nel territorio comunale di Ferrara, condotti sotto la supervisione dei tecnici e degli operatori del Settore Opere pubbliche e Mobilità del Comune di Ferrara.

[Nella foto a fianco: i lavori ultimati in via Chiesa a San Martino] 

BENI CULTURALI-MONUMENTALI

> Lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma CAPPELLA REVEDIN Via Bologna - Ferrara

AGGIORNAMENTI AGOSTO 2019 - Dopo aver terminato la fase di accantieramento e disinfestazione dell'immobile sono in corso le opere di consolidamento strutturale post sisma

(I lavori sono iniziati il giorno 8 Maggio 2018).

Obiettivi dell'intervento - Nell'ambito del programma di recupero delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, l'Amministrazione Comunale della Città di Ferrara - in coordinamento con la Regione Emilia Romagna - ha individuato, tra gli interventi, la riparazione e il miglioramento strutturale della Cappella Revedin. La Cappella, in occasione del sisma del 2012, è stata oggetto di danni, tra cui il crollo di parte della cornice in cotto, della massa muraria retrostante e di parte dell'architrave della finestra semicircolare a nord e pertanto, il presente progetto prevede, la riparazione delle lesioni provocate dal terremoto ed il miglioramento strutturale compatibile con la tutela del bene storico vincolato al fine di garantire una piena agibilità .

Descrizione dell'intervento - Gli interventi esterni prendono il via dagli interventi di cuci scuci relativi alle fessurazioni presenti e continuano con la ricostruzione della parte di muratura parzialmente crollata per oggetto del sisma. L'intervento più complesso sarà la ricostruzione integrale del tamburo di muratura che attualmente pare completamente sfaldato nella sua consistenza strutturale. Si procederà con interventi di incatenamento alto in corrispondenza del tamburo rifatto con profilo metallico UPN calandrato a cinturare internamente il nuovo tamburo. A questo sistema saranno collegate nuove scarpe in acciaio a contenere le teste delle centine radiali vecchie e nuove e, attraverso barre filettate, un profilo in piatto metallico esterno a completare l'intervento di contrasto e rafforzamento al coperto spingente.

Altro intervento d'incatenamento del corpo cilindrico avverrà tra la cornice marcapiano e le finestre a lunetta e sarà realizzato con piatto continuo interno e profili UPN calandrati esterni. A livello delle aperture tra l'aula circolare ed i corpi bassi verranno poste in essere architravi in profili di acciaio e cerchiature. A livello pavimentale, a risolvere la frattura strutturale del pavimento a causa dell'affondamento dell'anello di muratura, sarà praticata una demolizione di corona circolare di 70 cm di larghezza per ricostruire il pavimento con una inclinazione di raccordo tra la parte alta e quella ormai ribassata. I successivi interventi saranno interventi di "pulizia" rispetto a precedenti incongrui interventi di intonacatura cementizia a parziale supporto strutturale alla muratura ammalorata e successivo recupero della stessa. All'esterno si proseguirà con la raschiatura dei vecchi tinteggi ormai completamente assenti a liberare la muratura, si continuerà con interventi di pulizia a spazzola, scarnitura dei giunti, stuccatura e si propone una nuova tinteggiatura.

All'interno, oltre ad interventi di cuci scuci in corrispondenza principalmente dell'asse nord - sud, e sono da effettuare alcuni interventi d'integrazione d'intonaco per danneggiamenti subiti al profilo marcapiano ad m 1,00 di altezza, gli altri interventi sono a carico del soffitto emisferico con la ricostruzione dello stesso con lastre in cartongesso curvate in opera e collegate alla restaurata copertura lignea curva.

Particolare attenzione sarà destinata quindi alla raschiatura delle vecchie tinte ed alla stesura di nuova tinta a calce a doppia velatura. Completano i lavori il restauro del portale est, la rimessa in pristino della scala marmorea di accesso mediante l'integrazione dei gradini mancanti parte dei quali sono posizionati entro la cripta

Stato dei lavori - Inizio 8 Maggio 2019

Finanziamento - Importo dei lavori a base di contratto inclusi oneri della sicurezza:

€ 243.887,42 + IVA - Importo complessivo dell'opera: € 422.086,87

Tipologia di finanziamento - Contributi Regionali assegnati con finanziamento concesso dal Commissario Delegato: € 278.809,67. Importo finanziato con fondi comunali: € 143.277,20

Referenti:

Progetto architettonico Arch. Gian Paolo Rubin
Direzione Lavori Arch. Gian Paolo Rubin
Direzione Lavori Strutturale Arch. Gian Paolo Rubin
Progetto strutturale Ing. Paolo Marzola
Progetto e D.O impianti Ing. Paolo Marzola
Coordinatore sicurezza progettazione ed esecuzione Ing. Paolo Marzola

> Lavori di Riparazione e Miglioramento strutturale post sisma - Torre dell'Orologio Via Porta Reno, 11

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 -  Sono concluse le opere di demolizione riguardanti intonaci, pavimenti e bagni. Sono in fase di realizzazione le opere strutturali di consolidamento, ed il tracciamento degli impianti. I lavori presso Torre dell'Orologio sono stati consegnati il 25.03.2019.

Obiettivi dell'intervento - Nell'ambito del programma di recupero delle Opere Pubbliche e dei Beni Culturali danneggiati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, l'Amministrazione Comunale della Città di Ferrara - in coordinamento con la Regione Emilia Romagna - ha individuato, tra gli interventi urgenti, la riparazione con interventi locali della Torre dell'Orologio.

La Torre dell'Orologio è un edificio posto nel nucleo originario del centro storico della Città di Ferrara ed affaccia direttamente sulla Piazza Trento Trieste come il Palazzo Municipale e la Cattedrale. Dell'esistenza se ne hanno prove certe già dal 1598 in quanto in seguito al terremoto disastroso del 1570 la torre era stata puntellata e con atto del 1600 viene dato l'incarico a G.B. Aleotti di riprogettarla e dandone la forma attuale arrivata ai giorni nostri. Certo è che fino alla demolizione post bellica del Palazzo della Ragione, la torre era di fatto inglobata nell'edificio come angolo destro della facciata; infatti l'unica strada era quella detta di San Paolo (oggi via Porta Reno) che passava sotto il volto che congiungeva il Palazzo della Ragione alla residenza del Podestà ducale. Nel corso dei secoli si sono succedute trasformazioni ed alienazioni, la configurazione attuale è avvenuta in seguito allo sventramento di Porta Reno, successiva alla demolizione del palazzo della Ragione distrutto da un devastante incendio.

Data la sua collocazione centralissima, le destinazioni dei suoi locali, sono sempre state orientate al commercio per il piano terreno, mentre ad uso uffici i restanti ammezzato, primo e secondo piano, connotando da sempre la funzione di Torre Civica essendo dotata di campana rifusa nel 1573 e di un settecentesco grande orologio, sostituito con uno notturno nel 1844.

La conoscenza e la descrizione del fabbricato comprensivo delle carenze e delle lesioni è stata una procedura di particolare importanza, propedeutica alla definizione della strategia di intervento nel dopo sisma: il quadro fessurativo insieme alla conformazione dell'edificato (materiali, forme, connessioni etcc...), risultano essere una sorta di carta di riconoscimento del comportamento strutturale del complesso; le lesioni sono infatti la rappresentazione tangibile della risposta della struttura sotto sollecitazione sismica e focalizzano in maniera precisa le vulnerabilità presenti.

L'intervento proposto è pertanto un intervento di riparazione locale volto ad aumentare la sicurezza del complesso senza apportare in alcun modo cambiamenti significativi al comportamento globale della struttura: tutto ciò è possibile inoltre in quanto non vi sarà alcuna variazione di destinazione d'uso dei locali, che resta quella di attività commerciale al piano terra e di uffici aperti al pubblico ai piani successivi.

Descrizione dell'intervento - Data la tipologia di fabbricato, ossia storico e tutelato ai sensi del D. Lgs. n. 42/2004 e s.m.i., si procede secondo gli atti di indirizzo specifici per tale classificazione di edificato con interventi principalmente di riparazione e di rafforzamento sismico locale che non sconvolgano tuttavia la natura comportamentale della struttura nei confronti delle azioni telluriche attese. L'aumento del grado di sicurezza consisterà fondamentalmente in opere volte alla riduzione delle vulnerabilà: in particolare si porrà molta attenzione a non intervenire drasticamente così come richiesto dalle normative specifiche per i beni tutelati. L'analisi delle planimetrie ed il quadro fessurativo hanno evidenziato debolezze ovvero carenze soprattutto nei collegamenti: si tratta infatti di tre corpi aggregati che formano un'unica unità strutturale. I muri perimetrali e maestri mostrano deboli connessioni tra loro, evidenziati soprattutto nel corpo meno rigido, quello centrale, che presenta una forma meno compatta e meno regolare in pianta ed in elevazione rispetto ai due blocchi posti alle estremità (torri). Le indicazioni portano sempre e comunque alla realizzazione di opere che fanno arrivare la struttura ad un comportamento d'insieme di tipo scatolare.

A tal proposito si opta, per la creazione di collegamenti a livello del piano di solaio, da realizzarsi attraverso l'inserimento di catene poste sia longitudinalmente che trasversalmente, accompagnate da un aumento della rigidezza della muratura agli ultimi due piani del corpo denominato "B", nel quale la stessa ha uno spessore nettamente inferiore alle altre murature di piano nonché di quelle dei piani sottostanti. In tal modo oltre a garantire una buona resistenza del paramento murario per l'ancoraggio dei tiranti, si potrà aumentare la rigidezza del corpo centrale portandola ad un valore che sia equiparabile ai due blocchi di testa, così da avere pareti sufficientemente resistenti che non siano intaccabili da fenomeni di ribaltamento fuori dal piano. In tale maniera è possibile eseguire collegamenti puntuali locali con elementi metallici tra questi paramenti ed i corpi adiacenti. Verranno, inoltre, realizzati i nuovi impianti tecnologici (adduzione gas-metano - termoidraulico di riscaldamento e di condizionamento - idrico sanitario - scarico) connessi con le opere di riparazione e miglioramento strutturale di edifico denominato "Torre dell'Orologio". Attualmente l'impianto di riscaldamento a servizio dei tre piani dell'edificio è costituito da tre sistemi di riscaldamento indipendenti asserviti ciascuno da distinte caldaie murali di tipo standard ormai obsolete. Relativamente alle modalità costruttive ed alle scelte tipologiche degli impianti suddetti si farà riferimento ad una configurazione impiantistica, in grado di limitare al massimo il dispendio energetico e di conseguire una ottima funzionalità dei sistemi tecnologici; ciò anche in un'ottica futura di semplificazione delle operazioni di normale manutenzione.

Ditta - RTI di tipo verticale fra la Ditta "CAMARSOCIETA' COOPERATIVA" (capogruppo mandataria) con sede in Castelnovo Ne' Monti (RE) e la Ditta "ALBIERI S.R.L." (mandante) con sede in Ferrara (FE).

Consegna dei Lavori prevista per il 25/03/2019 o per il 1/04/2019, previo accordo con le associazioni di categorie interessate, considerato che l'occupazione dell'area pertinente al cantiere, avrà delle ricadute su una parte dell'area mercatale del venerdi. (durata 180 gg)

Importo dei lavori € 276.867,57 (ribasso d'asta 16,30%)

Importo complessivo dell'opera € 414.822,04

> TEATRO COMUNALE, CASA BORSARI

lavori di completamento degli spazi del secondo piano per ospitare attività tecnico - amministrative.

AGGIORNAMENTO DEL 24/05/2019 I lavori sono iniziati formalmente mercoledì 13 marzo 2019 ed essendo il tempo stabilito in 100 giorni, anche in considerazione che la realizzazione degli interventi dovrà garantire il regolare svolgimento delle attività relativa alla stagione teatrale in corso, la loro conclusione avverrà entro il 20 giugno 2019.

In sintesi i lavori consistono nell'esecuzione di pareti divisorie in laterizio e cartongesso, pavimenti, rivestimenti, infissi, controsoffitti, tinteggiature; e nel completamento degli impianti termici e di raffrescamento, elettrici e speciali.

Eseguite le distribuzioni impiantistiche e le opere in muratura, attualmente sono in corso lavori in cartongesso e controsoffitti; seguiranno a breve pavimenti e rivestimenti, tinteggiature, posa degli infissi, e la conclusione degli impianti elettrici e speciali compreso la posa dei corpi illuminanti.

Si tratta di circa 110 mq. suddivisi su tre ambienti con ingresso garantito da una scala a cui si accede dal civico 38 di Corso Giovecca, che serve anche il piano primo (collegato da una porta con il complesso teatrale).

Questi spazi sono stati interessati da lavori di adeguamento sismico nell'ambito dell'intervento post-sisma del complesso teatrale, ma per essere utilizzabili e funzionali necessitano di lavorazioni edili e di finitura, oltre che di una opportuna dotazione impiantistica.

I lavori pertanto consistono nell'esecuzione di pareti divisorie in laterizio e cartongesso, pavimenti, rivestimenti, infissi, controsoffitti, tinteggiature; e nel completamento degli impianti termici e di raffrescamento, elettrici e speciali.

Metratura, accesso libero da allarmi e dalle attività, ottima disposizione rispetto agli uffici del Teatro, giocano un ruolo fondamentale nell'individuare in questo piano il perfetto luogo per la residenza dell'orchestra giovanile europea - EUYO - per i prossimi anni.

Al termine della collaborazione con l'EUYO questi ambienti potranno essere utilizzati come uffici della Direzione Tecnica, Manutenzione Sicurezza e Informatica della Fondazione, sfruttando la posizione strategica rispetto al palcoscenico, scarico/carico, camerini e alla vicinanza con i luoghi in cui sono presenti tutti gli impianti del Teatro.

Per l'esecuzione dell'appalto sono previsti 100 giorni, anche in considerazione che la realizzazione degli interventi e più in generale tutto l'ambito del cantiere dovranno garantire il regolare svolgimento delle attività relativa alla stagione teatrale in corso.

I lavori edili sono stati appaltati al Consorzio C.P.F. di Ferrara, il quale ha designato come esecutrice l'impresa Arte Casa immobiliare s.r.l.

I lavori impiantistici sono stati affidati all'impresa AL.TA S.a.s. di Ferrara

Importo complessivo euro 90.000,00.

L'ufficio di direzione lavori è così composto:

Direttore dei Lavori appalto opere edili ed affini: arch. Clara Coppini (Comune di Ferrara)

Direttore dei Lavori appalto opere impiantistiche: ing. Giovanni Paolazzi (Ferrara)

Responsabile per la sicurezza: arch. Luca Farinelli (Ferrara)

> Lavori di riparazione con rafforzamento locale post sisma dell'immobile "Chiesa di S. Maria della Visitazione detta della Madonnina e Canonica" - Ferrara -

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019

Il complesso è composto da Chiesa, Canonica, Convento. I lavori di riparazione con rafforzamento locale post - sisma sono iniziati il 18/03/2019. Attualmente sono stati realizzati ponteggi esterni, è stata eseguita la messa in sicurezza delle volte della Chiesa, sono stati eseguiti interventi di demolizione della pavimentazione della Canonica e delle tramezze del Convento.

Attualmente sono in corso gli allestimenti dei ponteggi per il sostegno delle volte all'interno della Chiesa e stanno procedendo i consolidamenti alle strutture del coperto.

Obiettivi dell'intervento - La chiesa, di proprietà del Comune di Ferrara, si trova all'intersezione tra le vie Formignana, Carlo Mayr e Alfonso I d'Este. Conosciuta come "la Madonnina", sorge in uno dei contesti maggiormente storicizzati di Ferrara, all'estremità orientale di quell'area meglio nota come Borgo di Sotto. La sua costruzione iniziò nel 1526 per finire dieci anni dopo, nel 1536. Tra il novembre 1570 e la fine del 1574 Ferrara si trovò nell'area epicentrale di una lunga e forte sequenza sismica. Anche la chiesa della Madonna della Porta di Sotto fu gravemente lesionata e la facciata venne ricostruita su disegno dell'architetto ferrarese Alberto Schiatti a partire dal 1570.

L'ex convento, edificio realizzato a ridosso della chiesa, esternamente si presenta come un edificio unitario, caratterizzato da un paramento in mattoni e da una serie di aperture poste a distanza pressoché regolare, alcune delle quali tamponate. Tale porzione di edificato, corrispondente all'ex convento dei Camilliani che abbandonarono definitivamente lo stabile nel 1920, risulta invece, da un punto di vista dell'organizzazione funzionale, molto frammentata. Tale frammentazione, esito di interventi edilizi degli anni Sessanta e Settanta volti alla realizzazione di alloggi da affittare, ha portato ad un completo stravolgimento dell'impianto originario del convento.

Descrizione dell'intervento - Il progetto prevede interventi fondamentalmente di tipo strutturale, prevalentemente sul fabbricato Chiesa quindi sulla Canonica, l'Ex Convento e il piccolo fabbricato adibito a Teatro, danneggiati dagli eventi sismici del maggio 2012. Gli interventi di finitura sono limitati ai ripristini conseguenti alle opere eseguite, così come quelli sugli impianti.

Gli interventi di tipo strutturale previsti sul fabbricato della Chiesa sono così suddivisi:

  • realizzazione di un cordolo di coronamento in sommità al perimetro delle pareti;

  • per la facciata che spicca dalle adiacenti falde di copertura della navata principale, si prevede un consolidamento della stessa a mezzo di profili metallici disposti verticalmente e collegati fra loro, da posizionare nella zona posteriore al frontone;

  • il consolidamento del piano di copertura e della relativa struttura portante attraverso inserimento di tiranti;

  • il consolidamento delle volte in laterizio. Per le volte in muratura presenti in aderenza alla facciata, che hanno risentito maggiormente dell'effetto del sisma sul frontone, si prevede un intervento di consolidamento delle sole due volte a vela sulle navate laterali e della volta a botte sulla navata centrale con l'applicazione all'estradosso di nastri in fibre di acciaio galvanizzato, vincolate alle murature d'ambito mediante connettori;

  • riparazione delle strutture murarie. Si sono previste riparazioni e consolidamenti mediante iniezioni di malte leganti, ristilature dei giunti e dove prettamente necessario in quanto la fessura risulta interessare l'intero spessore del paramento murario attraverso la tecnica dello "scuci e cuci".

Per quanto riguarda la canonica l'ex convento e l'ex teatro, sono state previste

riparazioni delle strutture murarie, a seconda del quadro fessurativo, e il consolidamento del solaio del primo piano dell'ex Convento.

Per le opere di finitura, il progetto esecutivo prevede il completo smontaggio con successivo rimaneggiamento di tutti i manti di copertura, della Chiesa, canonica ed ex convento.

Nella Chiesa il ripristino e la ripresa degli intonaci lesionati o distaccati, previo approfondimento dei saggi stratigrafici, e a finire, la completa tinteggiatura interna E' opera di finitura esterna la verniciatura, in tono mimetico rispetto agli apparati murari adiacenti, delle strutture metalliche di consolidamento del frontone e della vela campanaria.

Nella Canonica come opera di finitura si prevede la tinteggiatura dei locali della canonica, di servizio alle funzioni religiose, previo ripristino e ripresa degli intonaci lesionati e/o distaccati conseguentemente all'esecuzione delle opere di riparazione e rafforzamento strutturale.

Nell'ex convento in relazione al rafforzamento del solaio interpiano ed alla realizzazione di un massetto strutturale di ripartizione del pavimento del P.T. per permettere di uniformare le diverse quote esistenti alla quota originale riferita alla chiesa e canonica, si prevede la demolizione di tutte le murature incongrue non strutturali, dei pavimenti con relativi sottofondi con smontaggio ed accatastamento per un loro successivo riutilizzo di pavimenti di pregio in cotto.

La demolizione delle murature incongrue permette inoltre di liberare al P.T. le colonne di quello che probabilmente doveva essere l'originale atrio di ingresso del convento.

Per quanto riguarda gli impianti tecnologici gli interventi sono minimali: per la chiesa e la canonica lo smontaggio/rimontaggio e parziale sostituzione dell'impiantistica esistente; per l'ex convento tutti gli impianti, termoidraulici ed elettrici, verranno rimossi.

Poiché è previsto che a seguito dell'intervento strutturale ed architettonico i locali rimangano al "grezzo", per dare sicurezza all'area a disposizione dell'Amministrazione è prevista l'istallazione di un impianto elettrico che garantisca un'illuminazione di base e alcune prese di F.M.

IMPRESA VERSAB RESTAURI S.r.l.

Inizio Lavori: 18/03/2019

Fine Lavori: 16/03/2020

Importo complessivo dell'opera: € 1.088.798,76

> Lavori di Recupero Strutturale e Restauro del Baluardo dell'Amore

II Lotto - II Stralcio - Parco Archeologico"

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 - I lavori presso il Baluardo dell'Amore hanno avuto inizio il 22.10.2018. Sono state completate le integrazioni murarie ed il consolidamento delle murature. Per quanto riguarda la passerella di collegamento del percorso sopramura, si sta predisponendo e realizzando le basi in calcestruzzo armato della struttura metallica ed il getto delle platee in corrispondenza degli sbarchi della summenzionata passerella. Per la pavimentazione della piazza bassa, si è già realizzato, secondo le quote, il sottofondo in misto stabilizzato.

> Lavori di riparazione e rafforzamento locale post sisma Monastero di S. Antonio in Polesine: Chiesa - Campanile - Convento - Ferrara

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 - I lavori di consolidamento all'interno del complesso conventuale sono suddivisi e identificabili in due zone ben distinte: zona del coro-campanile e zona del noviziato. Nella zona del coro, a livello dell'estradosso delle tre volte affrescate, dell'adiacente cappella del Rosario e del campanile i lavori di consolidamento di solai e murature, con cerchiature metalliche e scuci-cuci murari si sono conclusi. Si sono conclusi anche i lavori di consolidamento della struttura della copertura del noviziato e il rifacimento del manto di copertura. All'interno del fabbricato del noviziato sono in fase di conclusione le lavorazioni di consolidamento delle murature. Si sono conclusi i lavori di ricostruzione e restauro della cuspide del campanile e dei pinnacoli. Attualmente sono in corso i lavori sulle coperture dei fabbricati situati nel chiostro interno.

Totale lavori: € 1.260.112,59

Importo complessivo dell'opera: € 1.605.543,73

> CHIESA DEL CORPUS DOMINI E CONVENTO DELLE CLARISSE RIPARAZIONE E MIGLIORAMENTO POST SISMA

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 - I lavori di consolidamento dei solai e la risarcitura delle lesioni delle murature, che riguardano una piccola porzione al piano primo costituita da alcuni locali di servizio all'attività conventuale, sono terminati. Si sono concluse anche le lavorazioni di consolidamento riguardanti la torre campanaria. Si sta procedendo alla posa dei pavimenti e la tinteggiatura delle pareti interne.

Aggiudicazione alla Ditta "Cooperativa edile artigiana soc. coop." Con sede in Parma.

Inizio lavori: 17 Settembre 2018.

Totale lavori: € 247.626,53

Importo complessivo dell'opera: € 400.000,00

> Lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma dell'immobile "Ex Monastero di S. Paolo - ex Carceri di S. Paolo" (n° Ordine R.E.R. 2800)

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019

Il 2 aprile 2018 sono stati consegnati i lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma dell'Ex Monastero di San Paolo all'impresa aggiudicataria composta dall' Ati Costruzione Orizzonte S.r.l. (RO) e MEI S.r.l. (BO. Nella prima fase del cantiere i lavori saranno concentrati nel chiostro grande (Piazzetta Schiatti), nel cortile dei carri e nell'Ex Refettorio.

Ad oggi tutti i lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma del primo chiostro sono terminati e sono in corso le opere di finitura. Il primo chiostro verrà terminato e consegnato per fine settembre.

Al piano terra, terminata la fase di scavo e di rilievo archeologico, è stata realizzata la nuova fondazione in cemento armato, la nuova scala metallica e l struttura metilica del nuovo ascensore.

Per quanto riguarda il cortile dei carri, è terminata la fase di scavi e di rilievi archeologici e sono state posate le tubazioni per l'allacciamento al teleriscaldamento da parte di Hera. Sono inoltre in corso gli interventi previsti nel progetto nel locale ex refettorio.

Importo del finanziamento € 2.341.098,09 Impresa esecutrice

ATI. Costruzioni Orizzonte srl. (Mandataria) Rovigo
Mei Tecnologie e Costruzioni srl. (Mandante) Bologna tempo di esecuzione mesi 18

> Restauro e riqualificazione della sede museale di Palazzo Schifanoia

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 - Sono iniziati in aprile i lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma di Palazzo Schifanoia. Gli interventi previsti nell'ala trecentesca, meno imponenti di quelli previsti nell'ala quattrocentesca sono conclusi.

Sono in corso le lavorazioni sull'ala quattrocentesca: sono terminati il consolidamento sismico del solaio di sottotetto mediante la realizzazione di doppio tavolato ligneo e dei solaio del piano nobile.

È terminato il consolidamento della cornice in cotto su entrambe le facciate dell'edificio. Sono stati eseguiti massetti al piano terra ed è terminata la realizzazione dei nuovi impianti meccanici.

La posa delle nuove pavimentazioni in cotto è prevista per la fine del mese di agosto.

Lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma: aggiudicazione all' ATI " consorzio AR.CO LAVORI +Consorzio CIRO MENOTTI di di Ravenna "

Inizio lavori edili: 16 Aprile 2018

Importo dei lavori contrattuale inclusi oneri della sicurezza: 1.833.676,14 € + IVA
Importo complessivo dell'opera: € 2.907.476,91

> Lavori per la realizzazione di un "laboratorio aperto nell' ex Teatro Verdi di Ferrara, nell'ambito della programmazione Asse 6 Por Fers: Città Attrattive e Partecipate in attuazione dell'Agenda Urbana" Progetto MoVe.rdi- Riding, Development, Innovation

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 - I lavori sono terminati in data 26/07/2019. Nel mese di agosto termineranno le lavorazioni di piccola entità, marginali e non incidenti sull'uso e sulla funzionalità dei lavori eseguiti.

> Lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma TEATRO COMUNALE di Ferrara

AGGIORNAMENTO AGOSTO 2019 - I lavori di riparazione e miglioramento strutturale post sisma sono conclusi. Nelle prossime settimane verrà eseguito l'intervento di tinteggiatura del portico che insiste su Corso Martiri della Libertà.

EDILIZIA SOCIALE E SCOLASTICA

INTERVENTI STRUTTURALI DI ADEGUAMENTO SISMICO, RIFACIMENTO DELLA COPERTURA E COMPLETAMENTO LAVORI DI ADEGUAMENTO ALLA PREVENZIONE INCENDI - SCUOLA SECONDARIA S. BARTOLOMEO

Scuola Secondaria di I Grado San Bartolomeo - Via Masi, 114 - San Bartolomeo in Bosco (FE)

Proseguono i lavori alla Scuola di I grado di San Bartolomeo riguardanti interventi strutturali di adeguamento sismico, rifacimento della copertura e completamento lavori di adeguamento alla prevenzione incendi

DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO - Opere strutturali atte ad ottenere un consolidamento della copertura esistente ed un miglioramento energetico del fabbricato.

Ditta esecutrice dei lavori: Rete Costruttori di Bologna

Importo complessivo dell'opera € 650.000,00

Interventi strutturali di adeguamento sismico e completamento dei lavori di adeguamento alla prevenzione incendi (scuola e palestra) Primaria Govoni -

Sono iniziati i lavori per interventi strutturali di adeguamento sismico.

Descrizione dell'intervento:

OPERE EDILI DI PREVENZIONI INCENDI NELL'EDIFICIO SCOLASTICO

Realizzazione di locale filtro a prova di fumo fra palestra e spazi didattici.

OPERE STRUTTURALI DI MIGLIORAMENTO SISMICO

A) Realizzazione di placcaggi con fibre di carbonio per rinforzo dei travetti del solaio

interventi di scuci-cuci

B) Chiusura di alcune finestre del blocco bagni

C) Interventi sul vano scale principale: scuci-cuci, tamponamento della piccola finestra orizzontale.

D) Chiusura di alcune finestre del blocco refettorio

E) Realizzazione di cerchiature su aperture per restituire rigidezza al paramento murario

F) Placcaggi delle pareti nord-ovest e sud-est tramite intonaco armato con fibra di vetro.

OPERE DI COMPLETAMENTO DELLA RISTRUTTURAZIONE DELLA PALESTRA

A) Realizzazione di locale infermeria a servizio della palestra. Il nuovo edificio si posizionerà all'interno del cortile della scuola e sarà realizzato su una fondazione a platea con blocchi di calcestruzzo internamente isolati e successivamente intonacati.

B) All'interno di questo nuovo volume sarà ubicato il locale ad uso infermeria a completamento e a supporto delle attività sportive che si svolgeranno nella palestra, con annesso bagno e antibagno.

C) Realizzazione di uscita di sicurezza per il pubblico dalla tribuna della palestra, mediante scala esterna, realizzata interamente in metallo.

D) Realizzazione di locale filtro a prova di fumo compartimentato tra la scuola e la palestra.

E) Sulle pareti della palestra saranno realizzate due nuove aperture: una permetterà di collegare direttamente il nuovo locale infermeria con il campo da gioco, l'altra svolgerà la funzione di uscita di sicurezza

Sostituzione dell'attuale pavimentazione vinilica esistente mediante fornitura e posa di pavimentazione sportiva in PVC

F) Sostituzione dell'attuale pavimentazione vinilica esistente mediante fornitura e posa di pavimentazione sportiva in PVC

Il pavimento sarà dotato di omologazione delle Federazioni Sportive internazionali per i giochi del Basket, Pallamano e Pallavolo o di dichiarazione equivalente, di tracciature di gioco per la pratica delle citate discipline

G) Installazione di piattaforma elevatrice

H) Fornitura di coppia di tribunette metalliche prefabbricate, modulari e componibili dotate di sedute e complete di parapetti, corrimani e scalette di accesso ai gradoni

I) Ripristini di impermeabilizzazioni e coibentazioni di parti di coperto, pulizia di canali di gronda, rifacimenti di intonaci ammalorati, esecuzione di tinteggiature nelle zone d'intervento. Realizzazione di marciapiedi e di camminamenti lungo le nuove vie d'esodo con posa di nuove recinzioni e cancelli.

I lavori sono stati consegnati in data 31/05/2019. I tempi previsti per l'esecuzione sono di gg.75 ed il termine contrattuale è fissato per il 13/08/2019.

Importo dei lavori € 380.000

Importo complessivo dell'opera € 500.000

> Interventi per messa in sicurezza ed eliminazione pericolo da sfondellamento solai.

Sono iniziati i lavori i lavori in oggetto nelle Scuole :

Scuola primaria Bombonati - Via Boschetto, 8 - Ferrara

Scuola secondaria Tasso - Viale Cavour, 75 - Ferrara

Le lavorazioni riguardano l'esecuzione di interventi antisfondellamento consistenti in fornitura e posa in opera di controsoffitti, certificati antisfondellamento, in aderenza ai solai esistenti

Consegna del lavori 27/06/2018 (durata complessiva 180 gg).

Intervento scuole Bombonati e Tasso dal 29/07/2019 al 09/09/2019

Importo dei lavori € 54.000,00+ IVA 22%

Importo complessivo dell'opera € 71.240,40

STRADALI

PROGARMMA SPERIMENTALE NAZIONALE DI MOBILITA' SOSTENIBILE CASA-SCUOLA E CASA-LAVORO: interventi di mobilità sostenibile relativi a spostamenti casa-scuola e casa-lavoro: adeguamento infrastrutturale dei percorsi piedibus e bicibus.

Si comunica che a partire da lunedì 29 luglio 2019, salvo condizioni meteo avverse, sono iniziati i lavori in oggetto.

I primi interventi previsti avranno il seguente ordine:

1) Pedibus Bombonati: Via Capodistria: istituzione di attraversamento pedonale, mediante apertura delle aiuole verdi (che separano la sede carrabile dalla pista ciclabile) ed abbassamento della quota dei marciapiedi; fresatura e rifacimento del tappeto di usura delle aree di intervento

1A) Pedibus Bombonati: Via Palme Olof e Via Imre Nagy: istituzione di nuovi attraversamenti pedonali

1B) Pedibus Bombonati: Via G. De Chirico fronte cv n°4: abbattimento barriere architettoniche (abbassamento quote marciapiedi)

1C) Pedibus Bombonati: Via Valle Rillo: istituzione di nuovo attraversamento ciclo-pedonale

Durante questi interventi sulle strade interessate saranno possibili rallentamenti, ma sarà comunque garantito il transito veicolare e non ci saranno nè deviazioni e nè chiusure.

La ditta appaltatrice dei lavori in oggetto è la "VIS MOBILITY S.r.l." di Santa Sofia (FC)

Tale ditta lavorerà sulla strada in esecuzione dell'ordinanza:

O.S. Temporanea Lavori di questa Amministrazione n° 324/2013 P.G. 49772/13

 

LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CONGLOMERATO BITUMINOSO NELLE SEGUENTI VIE DEL CENTRO CITTA': CARLO MAYR, CAVOUR, GIOVECCA, IV NOVEMBRE, CANAPA, XXV APRILE -

Si comunica che da LUNEDI' 29 LUGLIO 2019 sono iniziati i lavori di rifacimento del manto stradale in conglomerato bituminoso di CORSO DELLA GIOVECCA, nel tratto da via Sogari a via Ugo Bassi / Mortara. Durante i lavori, della durata presunta di 8 gg. lavorativi (salvo avverse condizioni meteo), sarà istituito il senso unico di marcia da via Sogari con direzione verso la Prospettiva, ai sensi dell'ordinanza temporanea n. 328/2019.

Il transito veicolare che si immette dalle vie intersecanti in Corso della Giovecca sarà indirizzato obbligatoriamente nella sola direzione verso della Prospettiva.

I veicoli circolanti all'interno deL Piazzale delle Medaglie d'Oro non potranno accedere in Corso della Giovecca. Per entrare in città, il transito veicolare dovrà quindi utilizzare le alternative vie Porta Mare/Biagio Rossetti e vie Porta Romana/XX Settembre.

Le aree disabili in concessione saranno temporaneamente riposizionate nelle immediate vicinanze previo avviso ai titolari.

Il Doppio Senso di circolazione sarà ripristinato in modo progressivo con l'avanzamento del cantiere lungo il tratto interessato.

Appaltatore: BERGAMIN COSTRUZIONI GENERALI S.R.L. - Montebelluna (TV)

LAVORI ULTIMATI

INTERVENTO DI RESTAURO E RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA ARIOSTEA A FERRARA

Lunedì 22/07, è iniziata la seconda fase dei lavori che prevede la messe in opera delle nuove cordonate in cemento variando leggermente le quote altimetriche e la pendenza dei terrazzamenti al fine di rendere le operazioni di scavo meno invasive per le numerosi radici esistenti. La sezione delle cordonate sarà più ampia dell'attuale per contrastare più efficacemente il fenomeno di scivolamento del terreno; sulle cordonate verrà sovrapposto in alcuni tratti dell'anello un secondo elemento orizzontale con funzione di bassa seduta.  L'ultimo anello alla base delle gradonate, ora in terra battuta, verrà risagomato e riempito con terreno inerbito come gli altri terrazzamenti.

Verranno rifatte le scalinate esistenti sui due lati lunghi della piazza e realizzato un nuovo accesso a gradini al centro della curva che si sviluppa lungo la via Palestro; questo infatti è il punto d'ingresso alla piazza più utilizzato vista la presenza di frequentate attività commerciali sotto i portici di palazzo Mazzucchi. All'inizio di questa nuova gradinata d'accesso all'anello, sarà riposizionata la fontanella ora collocata tra gli alberi dove provoca un grave dilavamento del terreno circostante.

Si effettuerà la sostituzione dei muri perimetrali di contenimento del terreno nei quattro percorsi di accesso all'anello; i nuovi muri avranno un profilo modificato rispetto a quelli esistenti in modo da assecondare la prevista risagomatura delle gradonate; saranno realizzati in calcestruzzo con una particolare finitura superficiale ottenuta con l'impiego matrici grafiche. Nuovi muretti di contenimento, dell'altezza prevalente di 30 cm fuori terra, saranno realizzati lungo il perimetro esterno della piazza; questi avranno la duplice funzione di definire con chiarezza il perimetro esterno della piazza e di contenere più efficacemente il terreno attorno alle radici degli alberi. Nuovi percorsi perdonali di delimitazione della piazza,  pavimentati in calcestruzzo architettonico al pari delle pedate dei gradini di accesso all'anello, saranno realizzati su Corso Porta Mare e sul fronte occidentale della piazza, nell'ottica di una ridefinizione globale dell'accesso allo spazio pubblico dalle strade limitrofe. Saranno anche riorganizzate le aree di parcheggio col fine di valorizzare le architetture circostanti e garantire accessi in sicurezza all'invaso.

La pista centrale sarà ripavimentata in conglomerato bituminoso in modo da consentire la prosecuzione delle iniziative soprattutto sportive che vi hanno luogo.

Tutto l'impianto a verde della piazza sarà oggetto di importanti opere di manutenzione. Per effettuare la risagomatura delle gradonate perimetrali dovrà essere riportato terreno di coltivo successivamente trattato con idrosemina; altro terreno di coltivo sarà utilizzato per il riempimento del volume che si creerà all'interno del nuovo muretto di contenimento perimetrale.

Per realizzare le opere descritte, si rende necessario chiudere al transito e all'uso buona parte della piazza affinchè i lavori possano procedere rapidamente e in sicurezza. Per non togliere completamente alla città l'uso di questo luogo pregiato, verrà mantenuta fruibile il più a lungo possibile una porzione di gradonate e di anello pavimentato come descritto nella tavola allegata

Impresa esecutrice: Consorzio Edili Artigiani Ravenna Soc. Coop Cons.

REALIZZAZIONE DELLE NUOVE PAVIMENTAZIONI STRADALI IN MATERIALE LAPIDEO DI VIA CROCE BIANCA (da via Garibaldi a via Capo Delle Volte) E DI VIA DELLA CONCIA (da via Croce Bianca a via Vegri), a Ferrara

AGGIORNAMENTO GIUGNO 2019

Dal 10 Giugno 2019, il tratto di via CROCE BIANCA da Piazzetta Croce Bianca a via Garibaldi ed il tratto di VIA DELLA CONCIA da via Croce Bianca a via Vegri, sono passati ad HERA Spa per il rifacimento dei sottoservizi di competenza.

- Prolungamento del percorso ciclabile in via Chiesa a San Martino, fino alla via Frascona

AGGIORNAMENTO

Procedono regolarmente i lavori per il prolungamento del percorso ciclabile in via Chiesa a San Martino fino alla via Frascona.

In questi giorni sono in corso le lavorazioni di "finitura" sui cordoli perimetrali del nuovo percorso ed il completamento della nuova linea di pubblica illuminazione mentre già da giovedì 2 agosto la ditta appaltatrice, CoGeFri Infrastrutture S.r.l. di Badia Polesine (RO) inizierà la stesa del conglomerato bituminoso.

I Lavori si concluderanno in data odierna 09/08/2019.

 

Obiettivi dell'intervento - Proseguono gli investimenti dell'Amministrazione Comunale per migliorare e potenziare la mobilità sostenibile all'interno del proprio territorio;

con questo intervento si provvederà al prolungamento del percorso ciclabile protetto di via Chiesa in direzione est fino ai margini del centro abitato di San Martino, ovvero fino all'intersezione con via Frascona, per uno sviluppo di circa 300 ml.

Descrizione dell'intervento - Il nuovo percorso ciclo pedonale sarà in sede propria con larghezza pari a 2,50 m. con pavimentazione in conglomerato bituminoso e separato dalla sede stradale da un bauletto di larghezza pari a 50 cm. costituito da cordoli in cls. e mattonelle autobloccanti;

saranno realizzate le reti di scarico necessarie per lo smaltimento delle acque meteoriche e si provvederà al rifacimento della pubblica illuminazione nel tratto interessato che attualmente versa in pessimo stato di manutenzione con linee elettriche aeree da interrare.

Ditta : COGEFRI INFRASTRUTTURE - Badia Polesine (RO)

Tempo utile per eseguire i lavori: gg. 120

Consegna/Inizio prevista il giorno 25/03/2019

Importo totale opera 200.000 Euro

Importo lavori di contratto 130.459,75 Euro + IVA

Lavori di realizzazione di un Ponte Bailey sul Canale Po di Volano in Via Golena nella frazione di Cocomaro di Cona (Ferrara)

Da lunedì 10 giugno sono ripresi i lavori al Ponte Bailey di Via Golena, con la realizzazione delle fondazioni del Ponte.

In merito ai lavori al ponte Bailey di via Golena a Cocomaro di Cona, si informano i Cittadini che è stata completata la realizzazione dei pali di fondazione propedeutici all'installazione del nuovo ponte e, pertanto, la Ditta incaricata dei lavori ha proceduto allo smontaggio e sgombero delle macchine operatrici.

I pali di fondazione sono stati realizzati in calcestruzzo pertanto, a decorrere dal 27/06/2019, è necessario attendere ventotto giorni affinchè le reazioni di presa e indurimento si completino, così da ottenere la resistenza prevista da progetto.

Al termine della maturazione del calcestruzzo saranno svolte le prove di carico sui pali, su entrambi i lati del canale, al fine di verificare la reale capacità portante delle strutture di fondazione.

I lavori in cantiere proseguiranno, tra la fine di agosto e il mese di settembre, con il completamento delle spalle di fondazione e in particolare con la realizzazione di travi in calcestruzzo, una per ogni spalla, che avranno la funzione di collegare la parte sommitale dei pali sui quali appoggerà il nuovo ponte.

Si informa, inoltre, che è stata riaperta al transito ciclopedonale la passerella che era stata chiusa temporaneamente per motivi di sicurezza.

La ditta Barri Marino di Barri Silvano - Dubino (SO) è incaricata dei lavori.

- Realizzazione di un percorso ciclopedonale in via Conca

AGGIORNAMENTO DEL MAGGIO 2019

Lavori primo stralcio terminati

Nel primo tratto di questo secondo stralcio, adiacente al campo sportivo, si provvederà alla demolizione delle 3 aiuole esistenti, a tergo di ciascuna delle quali, previa demolizione della pavimentazione in conglomerato bituminoso, verranno realizzati 3 bauletti della larghezza di 50 cm, a protezione del nuovo percorso ciclopedonale, che si svilupperà a ridosso dei passi carrai di accesso alle proprietà private. Verranno inoltre creati dei parcheggi in linea in aderenza alla carreggiata stradale.

Anche nel secondo tratto, previa realizzazione di un muretto di sostegno finalizzato a colmare la differenza di quota esistente tra gli orti/giardini esistenti ed il piano stradale, la nuova pista ciclabile, della larghezza di 2,5 m, sarà protetta rispetto alla carreggiata stradale mediante un bauletto rialzato della larghezza di 50 cm, come nei tratti precedenti.

Verrà inoltre realizzata una nuova rete fognaria per la raccolta delle acque di pioggia, da recapitare nella rete esistente nel primo tratto.

Sull'intero tracciato si provvederà inoltre a completare il nuovo impianto di pubblica illuminazione, già funzionante nella porzione di via Conca oggetto dei lavori del primo stralcio.

IMPORTO COMPLESSIVO DELL'OPERA: 93.748,89 €
[in parte finanziato con il contributo della Regione Emilia Romagna stanziato nell'ambito del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale - PNSS ]

Impresa appaltatrice : 
S.I. S.R.L. - Voghiera Fraz. Gualdo (FE)

Consegna dei Lavori : 21/05/2019

Durata del cantiere : 60 gg.

L'intervento prevede la realizzazione di un percorso ciclopedonale in via Conca, a

Malborghetto di Boara, nel tratto compreso tra via Calzolai e via S.Margherita, fino a raggiungere, proseguendo, attraverso la piazza della chiesa, lungo via S. Margherita, via Fratelli Navarra e piazza Chiappini.
Con la costruzione di questo nuovo percorso, sarà possibile creare un collegamento tra i due nuclei abitati della frazione di Malborghetto e le esistenti piste ciclabili di via Calzolai e di via Santa Margherita.
Il tracciato previsto in via Conca costituisce un importante percorso sicuro a servizio dei principali attrattori di traffico dell'area: le scuole elementari, l'Istituto Professionale di Agraria "Fratelli Navarra", la chiesa parrocchiale, il campo sportivo, le attività commerciali locali e le aree residenziali.
L'opera si inserisce nell'ambito del percorso denominato "la grande U ciclabile": un sistema di percorsi in grado di collegare le principali aree periurbane, la città antica e i più significativi luoghi di interesse ambientale e paesaggistico, creando, di fatto una cucitura della rete ciclabile a nord est del Comune di Ferrara, i cui percorsi ciclabili, negli ultimi anni, sono stati incrementati di circa 11 Km.
La pista ciclabile in oggetto, della lunghezza complessiva di circa 830 m, si svilupperà per un tratto di circa 93 m, su aree private, sulle quali è stato apposto un vincolo preordinato all'esproprio e che verranno acquisite dal Comune di Ferrara per l'edificazione della pista ciclabile stessa.
Poiché la procedura di acquisizione delle aree da parte dell'Amministrazione Comunale potrebbe concludersi a lavori già appaltati, si è proceduto a suddividere l'intervento in due stralci: il primo, riguarderà le lavorazioni da eseguire sulle aree già nella disponibilità dell'Amministrazione; il secondo, riguarderà le aree che l'Amministrazione prevede di acquisire entro 12 mesi dalla consegna dei lavori del primo stralcio.

Importo complessivo dell'opera: 500.000 euro
Impresa esecutrice: S.I. srl - Gualdo (FE) 

 

ALTRA EDILIZIA PUBBLICA

PROGRAMMA REGIONALE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO DEI BENI CULTURALI EX ART. 11 L.R. 16/12 E ART. 4 D.L. 74/12 .

LAVORI DI RIPARAZIONE CON MIGLIORAMENTO SISMICO RELATIVO ALL'EDIFICIO A - EX LINIFICIO E CANAPIFICIO NAZIONALE - EX TOSELLI - COMUNE DI FERRARA - UFFICIO TECNICO COMUNALE - PROTEZIONE CIVILE - SEDE LL.PP. EDIFICIO INDUSTRIALE- UFFICI TECNICI (N. ORDINE R.E.R. 2807)

Lunedì 15 luglio 2019 è iniziato l'intervento di miglioramento sismico mediante realizzazione di 3 tipologie di nuovi telai di irrigidimento trasversale in carpenteria metallica, con ancoraggio di shocktransmitter, dispositivi di vincolo dinamico in corrispondenza dei giunti tecnici. Tali dispositivi costituiscono un vincolo molto rigido a fronte di un'azione dinamica,mentre consentono i movimenti lenti delle strutture (quali, ad esempio, quelli prodotti dalle variazioni termiche) senza offrire un'apprezzabile resistenza.

La realizzazione dei nuovi telai irrigidenti consente di ottenere un duplice

miglioramento: a) fornisce resistenza alle azioni sismiche in direzione trasversale, b) permette di ricentrare i baricentri delle rigidezze dei vari blocchi, diminuendo l'eccentricità del centro di massa.

I lavori richiedono lo svuotamento parziale degli edifici a blocchi e la ricco locazione degli impiegati in altri uffici all'interno del comparto.

La durata complessiva dell'intervento è prevista in 162 gg. Lavorativi

L'impresa esecutrice degli stessi è la Ditta Rete Costruttori di Bologna

L'importo complessivo dell'interventi è di € 483.250,10

GIUDIZIARIO E PENITENZIARIO

PROGRAMMA REGIONALE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO DEI BENI CULTURALI EX ART. 11 L.R. 16/12 E ART. 4 D.L. 74/12 .

LAVORI DI "RIPRISTINO CON MIGLIORAMENTO SISMICO DEL COMPLESSO SEDE DEL TRIBUNALE DI FERRARA - 2° STRALCIO" (N. ORDINE R.E.R. 689)

Sono iniziati i lavori di miglioramento sismico mediante l'inserimento di reticolari

metalliche di stabilizzazione nel piano orizzontale del solaio di sottotetto tra le capriate lignee delle ali nord e sud del Tribunale. Inserimento di due strutture reticolari in acciaio a nodi saldati: la prima in corrispondenza della grande vetrata verso via Borgo dei Leoni, la seconda in corrispondenza della passerella centrale. Abbattimento del corpo bagni esterno, posto tra l'ala Nord e palazzo Balbo, in quanto estremamente vulnerabile e privo di pregio.

La durata complessiva dell'intervento è prevista in 437 gg. Lavorativi

L'impresa esecutrice degli stessi è la Ditta ATI BASCHIERI Srl Sassuolo e OCAM Srl Formigine

L'importo complessivo dell'intervento è di € 1.077.207.75

SPORT E SPETTACOLO

Opere di messa in sicurezza del Palapalestre di porta Catena

Sono iniziati Martedì 09/07/2019 i lavori al Palapalestre di Porta Catena, relativi a interventi di messa in sicurezza di una parete con fasciatura in fibra di Carbonio.

Tempo di esecuzione: 60 giorni

Importo lavori: € 63.037,00

Ditta: Saggese srl

Sede del Cus canottaggio

Proseguono i lavori alla sede del Cus Canottaggio 

LA SCHEDA:
Il fabbricato sarà composto da tre volumi che interagiscono tra loro mantenendo una loro logica compositiva e costruttiva.
Il volume a due livelli, accessibile dalla via Darsena e dal lungofiume, è stato progettato per ospitare a piano terra: spogliatoio donne con relativi servizi; ufficio con relativi servizi; piccola sala muscolazione/riscaldamento atleti.
Per quanto riguarda la funzione posta al piano primo, in accordo con la committenza, si è scelto di ubicarvi la ristorazione, che di fatto nasce come esigenza per l'apertura di un bar e poi, per non precludersi possibilità future, si trasforma in un piccolo bar‐ristorante, con una superficie dedicata agli ospiti di ca 80 mq.
L'estremo destro del fabbricato (visto dal fiume) ospita la rimessa barche, un volume puro a doppia altezza, all'interno del quale sono stati collocati gli spazi tecnici, come la centrale elettro‐meccanica, il magazzino minuterie per le piccole riparazioni delle imbarcazioni e l'ascensore
La parte centrale, che funge da cerniera tra i due estremi, ospita al piano terra l'ingresso da via Darsena , lo spogliatoio uomini e un locale di primo soccorso ciascuno con relativi servizi.
Al piano primo dello spazio centrale è situata una terrazza che potrà dare valore aggiunto al ristorante nel periodo estivo, oltre ad essere un meraviglioso vista point sul campo di gara durante le manifestazioni di canottaggio. Tale spazio sarà raggiungibile sia dalle due scale poste rispettivamente su Via Darsena e sul lungofiume, sia dall'ascensore collocato anch'esso sulla Via Darsena.
L'intervento prevede la realizzazione di fondazioni dirette in cemento armato del tipo a T rovescia, strutture di elevazione realizzate con pareti in Xlam ed orizzontamenti in travi di legno lamellare.
Le pareti perimetrali sono realizzate con la tecnologia a secco mediante stratificazione di materiali con funzioni diverse: una controparete in cartongesso con montanti in acciaio ed interposto isolamento acustico in lana di roccia con funzione di alloggiamento degli impianti per lasciare integra e non compromettere la successiva parete portante in Xlam, cappotto termico in XPS, nella prima porzione a ridosso del terreno, in EPS per il restante sviluppo.
La copertura è realizzata con assiti in legno ed isolante in lana di roccia con manto in alluminio.
La domanda di energia sarà minimizzata con l'implementazione di strategie di tipo passivo e sarà soddisfatta mediante il ricorso a sistemi integrati ad elevata prestazione. Per quanto possibile, questi sistemi saranno alimentati con energia derivante da fonti rinnovabili
Il progetto prevede una spesa complessiva di 900.000 euro, di cui 330.000 euro a carico del Comune di Ferrara, 150.000 euro di contributo del gestore (CUS) e 420.000 di contributo regionale assegnato nell'ambito del bando regionale per progetti volti alla qualificazione e al miglioramento del patrimonio impiantistico sportivo regionale.

PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

Aggiornamento AGOSTO 2019 dei lavori in corso sulla pubblica illuminazione.

I lavori di ammodernamento della pubblica illuminazione della zona Via Allende, che hanno interessato le Vie Agni, P.ta dell'Ossola, Via Allende, Via Picelli, Via Nenni, Via Panetti, Via Medini e della zona Via Pitteri, che hanno interessato le Vie della Rivana, Via Mosconi, Via Pasolini, Via Silone, Via del Campo (tratto), Via Pitteri, Via Cavallari, Via Carri, Via Roveroni), sono ultimati.

L'intervento ha portato alla sostituzione di complessivi 270 punti luce, ora dotati di moderni apparecchi a Led ad altissima efficienza luminosa, in grado di garantire sia un deciso miglioramento dell'illuminazione delle strade, sia un ottimo risparmio energetico con una riduzione della potenza assorbita, rispetto al vecchio impianto, maggiore del 50%. Gli apparecchi illuminanti di nuova installazione sono rispondenti a quanto prescritto dal nuovo DGR 1732 del 12/11/2015 e dai nuovi CAM sulla pubblica illuminazione; le sorgenti luminose hanno temperatura di colore bianco-calda a 3000°K. I nuovi impianti garantiranno, grazie all'adeguato livello di illuminamento, all'elevata resa cromatica delle sorgenti a Led, un ottima illuminazione della figura, migliorando la percezione di sicurezza della zona. Tutti gli apparecchi sono dotati di auto-dimmerazione per la riduzione notturna del flusso luminoso, al fine di ottimizzare il risparmio energetico. Oltre alla sostituzione degli apparecchi illuminanti, gli interventi hanno previsto la sostituzione dei pali corrosi, il rifacimento dei tratti di linea con isolamento non conforme, nonchè tutte le lavorazioni necessarie per dare gli impianti funzionanti a regola d'arte.

Aggiornamento dei lavori sulla pubblica illuminazione.

La prossima settimana proseguiranno i lavori relativi agli interventi di sostituzione di 1610 apparecchi di illuminazione, mirati all'efficientamento energetico e all'ammodernamento degli impianti di pubblica illuminazione esistenti.

La prossima settimana, le zone interessate dagli interventi saranno:

- POROTTO, n.244 P.L. (Via Talassi, Via Manfredini, Massarenti, Via Smeraldina, Via Carboni, Via Spagnara, Via Bini, Via Ladino, Via Todeschi).

- SAN MARTINO n.77 P.L. (Via Chiesa (tratto), Via Pontonara, Via Polina.  

Si fa presente che l'impianto di pubblica illuminazione di Via Chiesa è stato recentemente interessato dal rifacimento di n.21  P.L. nell'ambito dei lavori di realizzazione della nuova pista ciclabile fino alla Via Frascona.

OPERE DI PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

SICUREZZA URBANA

In programma l'installazione di nuove telecamere per potenziare il sistema di videosorveglianza locale

Sono in programma in queste settimane i lavori per la realizzazione di impianti di videosorveglianza in diverse aree del territorio comunale di Ferrara. L'intervento, che rientra nel progetto 'Ancora Insieme e Sicuri' al centro di un Accordo di programma tra il Comune di Ferrara e la Regione Emilia Romagna, prevede il potenziamento del sistema locale di videosorveglianza, in rete con le Forze di Polizia, mediante l'attivazione di nuove telecamere.
Saranno in particolare installate 6 telecamere dome full hd con applicativo cloud posizionate nelle vie di accesso alla città e 30 telecamere con registrazione immagininei territori del Quartiere Giardino, del Centro Storico e di alcune frazioni del forese.
La spesa complessivamente prevista è di 141.110 euro (Iva compresa), di cui 51.000 finanziati con contributo regionale.
L'impresa esecutrice è Chiarati srl - Telecom Italia spa.

VIABILITA'

INTERVENTI STRADALI

- CORSO GIOVECCA: in conclusione la ripavimentazione tra la Prospettiva e piazzale Medaglie d'Oro; dal 29 luglio riasfaltatura del tratto da via Sogari a via Ugo Bassi con modifiche alla viabilità

Da lunedì 29 luglio 2019, per un periodo di circa 10 giorni, i lavori di rifacimento del manto stradale interesseranno invece il tratto di corso della Giovecca da via Sogari a via Ugo Bassi/via Mortara con modifiche alla viabilità.
In corso della Giovecca, nel tratto compreso tra via Sogari e la Prospettiva sarà in vigore il SENSO UNICO di marcia da via Sogari in direzione della Prospettiva.

Il transito veicolare che si immette dalle vie intersecanti in corso della Giovecca sarà indirizzato obbligatoriamente nella sola direzione della Prospettiva.
I veicoli circolanti all'interno del piazzale delle Medaglie d'Oro NON potranno accedere in corso della Giovecca. Per entrare in città, il transito veicolare dovrà quindi utilizzare le alternative vie Porta Mare/Biagio Rossetti e vie Porta Romana/XX Settembre.
Nel tratto di corso della Giovecca tra via Sogari e la Prospettiva sarà in vigore anche il divieto di sosta su entrambi i lati. Le aree disabili in concessione saranno temporaneamente riposizionate nelle immediate vicinanze previo avviso ai titolari.
Il doppio senso di circolazione sarà ripristinato in modo progressivo con l'avanzamento del cantiere lungo il tratto interessato.
Le modifiche alla viabilità saranno indicate da segnaletica di preavviso e deviazione, in prossimità dei tratti interessati.

 

COMUNICATO VIALE PO

AGGIORNAMENTO - In merito ai lavori al sottopasso ferroviario di viale Po, relativi alle opere di riqualificazione e manutenzione ordinaria della struttura del passante ferroviario, causa motivi di organizzazione del cantiere a cura di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), è stata spostata la data di inizio lavori (che era stata programmata a partire dal 22/07/2019) e modificata la viabilità diversamente da come prevista.

Mentre inizialmente era stato pianificato che il transito veicolare veniva deviato sui sottopassi laterali ora, a seguito della richiesta pervenuta da RFI, sarà istituito un senso unico alternato a mezzo semafori in viale Po in ingresso e uscita dalla città, al di sotto del sottopasso ferroviario.

I lavori saranno eseguiti tutti i giorni a partire da mercoledì 24 luglio p.v. e sino al termine dei lavori sempre, come comunicato in precedenza, dalle ore 20.30 alle ore 6.00 del giorno successivo.

Il percorso ciclopedonale è garantito in sicurezza utilizzando i sottopassi laterali.

I lavori previsti avranno una durata di circa 40 notti, con sospensione di tutte le operazioni durante la settimana di Ferragosto e nei giorni di svolgimento del "Buskers Festival".

All'approssimarsi in corrispondenza dell'area oggetto di modifica alla viabilità, sarà presente la necessaria segnaletica stradale verticale e complementare temporanea.

VIA AEROPORTO

Si comunica che la VIA DELL'AEROPORTO, tratto compreso tra via Bologna e via Jolanda Bonfieni, sarà interessata da lavori per la realizzazione di una vasca interrata, relativamente all'appalto per la "Disconnessione fisica del collettore fognario e ripristino dello scolo Mambro per conto di HERAtech S.r.l., con inevitabili modifiche alla viabilità. 

Detti lavori, sono necessari a seguito dell'inizio del cantiere relativo alla "metropolitana di superficie" il quale prevede il tunnel che in via Bologna consentirà l'eliminazione del passaggio a livello.

La via dell'Aeroporto sarà accessibile dalla via Giuseppe Stefani con provenienza dalla rotatoria tra le vie Bologna/Wagner/Beethoven.

I veicoli invece che fuoriescono dal comparto dovranno necessariamente utilizzare la via dell'Aeroporto con immissione sulla via Wagner con svolta obbligatoria verso la rotatoria via Bologna via Beethoven oppure il percorso via Giuseppe Stefani - via Don Pietro Rizzo - via Eugenio Curiel con svolta obbligatoria verso il centro cittadino.

I cittadini residenti nel tratto interessato dal cantiere potranno accedere ai propri carrai utilizzando i controviali; il transito ciclabile e pedonale è sempre garantito in condizioni di massima sicurezza per tutta la durata dei lavori sui percorsi esistenti.

La durata dei lavori è di 60 giorni a partire da lunedì 8 luglio 2019 salvo avverse condizioni meteo o eventuali criticità non prevedibili che si potrebbero verificare durante l'esecuzione dei lavori.

COMUNICATO CORSO PORTA RENO

Per lavori di allaccio al teleriscaldamento all'ex Monastero S.Paolo, sarà istituita un'area di cantiere in CORSO PORTA RENO con conseguente chiusura al transito veicolare nel tratto compreso tra via Carlo Mayr-via Ripagrande e via Vaspergolo.

 

  • Corsa Porta Reno: tratto compreso tra via Vaspergolo e via Carlo Mayr/Ripagrande, divieto di transito, eccetto gli autorizzati - divieto di fermata;

 

  • Via delle Volte: divieto di transito, eccetto gli autorizzati, nel tratto compreso tra Corso Porta Reno e via San Romano.

 

I veicoli provenienti da via San Romano, all'intersezione con via delle Volte, direzione consentite diritto e a sinistra.

I lavori proseguono per almeno altre due settimane. salvo avverse condizioni meteo o eventuali criticità non prevedibili che si potrebbero verificare durante l'esecuzione dei lavori.

Le modifiche alla viabilità saranno segnalate da apposita segnaletica di preavviso e deviazione, in prossimità dei tratti interessati.

COMUNICATO VIA DIAMANTINA

Per lavori di manutenzione e messa in sicurezza da parte della Società Autostrade per l'Italia S.p.A. sarà chiuso al normale transito la via DIAMANTINA in corrispondenza del sovrappasso sull'Autostrada A13, nel tratto compreso tra l'intersezione a rotatoria con via Erasmo da Rotterdam e via Cristoforo Colombo con conseguenti modifiche temporanee alla viabilità:

via Diamantina: tratto tra via Erasmo da Rotterdam e via Cristoforo Colombo, divieto di transito "eccetto autorizzati" - "accesso consentito ai residenti e attività sino al civico 17-23" - divieto di fermata su ambo i lati - ripristino del doppio senso di marcia nel tratto compreso tra il civico n. 17-23 e via Cristoforo Colombo;

via Cristoforo Colombo: per i veicoli provenienti da via Cesare Diana direzione obbligatoria a sinistra, eccetto mezzi di cantiere all'intersezione con via Diamantina.

Le modifiche alla viabilità saranno segnalate da apposita segnaletica di preavviso e deviazione, in prossimità dei tratti interessati.

LAVORI ULTIMATI

COMUNICATO VIA DE' ROMITI E VIA DEI CHIODAIUOLI

Proseguono i lavori di realizzazione di nuove tratte di teleriscaldamento dal 16/07/2018 sarà istituita un'area di cantiere in via De'Romiti con conseguenti modifiche temporanee alla viabilità.

In particolare :

 

  • IN VIA DE'ROMITI, nel tratto compreso tra via delle Scienze e via del Paradiso, verrà istituito il divieto di transito, eccetto autorizzati, nei tratti non interessati dai lavori, compatibilmente con le esigenze di cantiere;

 

  • IN VIA DEI CHIODAIUOLI nel tratto compreso tra via delle Volte e via de'Romiti, verrà istituito il divieto di transito, eccetto autorizzati, compatibilmente con le esigenze di cantiere.

Le modifiche alla viabilità saranno comunicate da apposita segnaletica di preavviso e di deviazione nei tratti interessati.

Sul posto e nei tratti interessati sarà posizionata tutta la cartellonistica temporanea di avviso.

CANTIERI RELATIVI A CONSISTENTI LAVORI DI SCAVO PER POSA IMPIANTI SOTTOSERVIZI HERALAVORI DI ASFALTATURA ESEGUITI DA HERA

Ripristino dei manti stradali precedentemente interessati da interventi agli impianti sottoservizi di Hera S.p.A. Ferrara

LAVORI ALLE RETI GAS, IDRICA E FOGNARIA E TELERISCALDAMENTO

Aggiornamento dei cantieri relativi a consistenti lavori di scavo per

sostituzione di condotte e dei relativi allacciamenti e di impianti sottoservizi:

Aggiornamento dei cantieri relativi a consistenti lavori di scavo per posa di impianti sotto servizi HERA S.p.A.:

Le vie interessate dai lavori di Hera S.p.A. sono:

Via Allende - zona Barco - sede stradale e area verde - posa condotte del teleriscaldamento - in corso

Via Capo delle Volte angolo Porta Reno - posa condotte del teleriscaldamento per nuovo allacciamento - in corso

Via Del Guercino -zona Barco - posa condotte del teleriscaldamento per nuovo allacciamento - in corso

Via Bentivoglio - zona Barco - tratto da Via Guercino Via F.lli Rosselli - posa condotte del teleriscaldamento - in corso -

Via Vivaldi - posa di un nuovo tratto di condotta fognaria - in corso

Via Tarocchi - posa di un nuovo tratto di condotta fognaria - in corso

Via Aeroporto angolo Via Bologna - posa nuovo impianto fognario - in corso

Aggiornamento dei cantieri relativi a lavori per posa di impianti telefonici della Società TIM - Telecom Italia SpA.

Esecuzione di opere civili e interventi di scavo con tecniche innovative (sonde che eseguono la trivellazione orizzontale sotterranea teleguidata) e/o con scavo tradizionale in varie strade del Comune di Ferrara (centro storico e forese), per permettere la posa di impianti a Fibra Ottica.

Preme evidenziare che tutti i succitati cantieri sono costantemente diretti dai tecnici responsabili della Società suddetta, dietro sorveglianza di questo Ufficio Scavi.

Sarà nostra premura aggiornare lo stato dei cantieri in parola fino all'ultimazione dei lavori.

Aggiornamento dei cantieri relativi a consistenti lavori di scavo per posa di impianti sotto servizi E-Distribuzione (ENEL S.p.A).:

Le vie interessate dai lavori di ENEL S.p.A. sono:

Elenco delle vie interessat​e dai ripristino del manto stradale bituminoso a seguito degli interventi di manomissione del suolo stradale (scavi) per permettere la posa di impianti in fibra ottica da parte di "Open Fiber S.p.A"

In relazione a quanto forma l'oggetto, si trasmette l'elenco delle strade, precedentemente manomesse, che saranno interessate dagli interventi di rifacimento del manto stradale bituminoso.

Elenco delle strade:

V.le Krasnodar e laterali - in corso

Via Fogazzaro - in corso

Via Mambro - in corso

Via Capuana - in corso

Via Passega - in corso

Via Ungarelli e laterali - in corso

Via Cattaneo e laterali - in corso

Via Bologna e laterali - in corso

Via Svizzera e laterali (zona Quacchio) in corso

Via E. Mari e laterali lavori ultimati

Aggiornamento dei cantieri relativi a lavori per posa di impianti in fibra ottica della Società Open Fiber S.p.a.

 Esecuzione di opere civili  interventi di scavo con tecniche innovative (sonde che eseguono la trivellazione orizzontale sotterranea teleguidata, scavo con tecnica "minitrincea") e/o con scavo tradizionale in varie strade del Comune di Ferrara, per permettere la realizzazione di un importante progetto per la posa di impianti a Fibra Ottica.
Preme evidenziare che tutti i succitati cantieri sono costantemente diretti  dai tecnici responsabili della Società suddetta, dietro sorveglianza di questo Ufficio Scavi.

Elenco delle vie interessate dai lavori da parte di Open Fiber S.p.A. per la posa di nuovo impianto in Fibra Ottica

 

Via Darsena

 

Via San Giacomo

 

Via Ripagrande

 

Via Parini

 

Via Leopardi

 

Via Bagaro

 

Via Del Pavone

 

Via Lionello d'Este

 

Via Guarini

 

Via Mentessi

 

Via Beata Lucia Da Narni

 

Via Azzo Novello

 

Via Previati

 

Viale Cavour

 

Via Borgo dei Leoni

 

Via Grillenzoni

 

Via Boldrini

 

Via C.Mayr

 

C.so Giovecca

 

Via Mortara 

 

Via Saffi

 

Via Morari

 

Via Papa Giovanni XXIII

 

C.so Portamare

 

Via Girolamo da Carpi

 

Via R.di Francia

 

Via Bartolino da Novara

 

Via Borsari

 

Via Montebello

 

Via Mons.Bovelli

 

Via Bellaria

 

Via Resistenza

 

Via Cortile

 

Via Fossato di Mortara

 

Via Aleotti

 

V.lo S.Spirito

 

V.lo S.Matteo

 

Via Mentana

 

Via Zanatta

 

Via Belletti 

 

Via Piazzi

 

Via Campo

 

Via Argine Ducale

 

Via Bologna

 

 

 

 

Immagini scaricabili: