Comune di Ferrara

sabato, 19 ottobre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "Il parco delle Mura sud tra antichi miti e nuove scoperte", a passeggio con Scafuri e Piccoli tra fortificazioni e botanica

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI - Sabato 21 settembre alle 10.30 con ritrovo a Porta Paola nell'ambito di VivilVerde 2019. A Palazzo Costabili fine settimana con visita guidata, esposizione e paint on estemporaneo

"Il parco delle Mura sud tra antichi miti e nuove scoperte", a passeggio con Scafuri e Piccoli tra fortificazioni e botanica

16-09-2019 / Giorno per giorno

Sabato 21 settembre alle 10.30, con ritrovo davanti a Porta Paola, si terrà un'iniziativa pubblica e gratuita dal titolo "Il parco delle mura sud tra antichi miti e nuove scoperte" che prevede un'escursione culturale (a piedi o con bicicletta a mano) nella vicina pista ciclabile del sottomura tra il baluardo di San Lorenzo e quello dell'Amore, in compagnia dello storico Francesco Scafuri e del botanico Filippo Piccoli. L'iniziativa è promossa dall'Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna nell'ambito della rassegna "Vivi il Verde", in collaborazione con Comune di Ferrara e Garden Club Ferrara, con il patrocinio dell'associazione De Humanitate Sanctae Annae. Il coordinamento è affidato come sempre all'ufficio comunale Ricerche Storiche

Le modalità della visita di sabato, insieme alle caratteristiche dell'iniziativa programmata nel fine settimana al Museo Archeologico Nazionale, sono state illustrate in mattinata nella residenza municipale di Ferrara. Erano presenti l'assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica Andrea Maggi, il responsabile dell'Ufficio Ricerche Storiche del Comune Francesco Scafuri, la presidente del Garden Club Ferrara Gianna Foschini Borghesani, il docente di Botanica Filippo Piccoli, la direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara Paola Desantis e Carlo Magri dell'associazione De Humanitate Snctae Annae.

La visita di sabato 21 settembre sarà introdotta da Gianna Foschini Borghesani (presidente del Garden Club di Ferrara) e dagli assessori del Comune di Ferrara Andrea Maggi e Marco Gulinelli. Sono previsti, inoltre, interventi dei tecnici del Servizio Beni Monumentali del Comune, che illustreranno le opere più significative intraprese nel settore meridionale delle Mura e le caratteristiche costruttive dei bastioni cinquecenteschi. In caso di pioggia l'evento si terrà nella Porta Paola.

Nel corso della conferenza stampa è stato inoltre illustrato il fine settimana de "Il Giardino degli Dei" in programma al Museo Archeologico Nazionale (via XX Settembre 122): domenica 22 settembre dalle 10 alle 13 visita guidata dagli studenti della classe 5N del Liceo Scientifico A. Roiti, all'interno del progetto Muse Inquietanti e dell'Alternanza Scuola-Lavoro; sabato 21 e domenica 22 settembre dalle 9.30 alle 17 nella sala del Tesoro e lungo il porticato del Museo, gli artisti del Club Amici dell'Arte diretto da Michele Govoni esporranno le loro opere pittoriche, grafiche e fotografiche (è possibile partecipare attivamente all'evento attraverso un paint on estemporaneo).

 

LA SCHEDA (a cura dello storico Francesco Scafuri) - "Il parco delle mura sud tra antichi miti e nuove scoperte"

Anche quest'anno il Comune di Ferrara e l'associazione Garden Club Ferrara organizzano nella nostra città un'importante iniziativa nell'ambito del programma di "Vivi il Verde", la rassegna regionale promossa dall'Istituto per i Beni Culturali" che fin dalla sua prima edizione, nel 2014, ha visto l'adesione dell'Amministrazione. Il Garden Club poi collabora ad un'altra interessante iniziativa in programma sabato 21 e domenica 22 settembre a palazzo Costabili (Museo Archeiologico Nazionale) dal titolo "Il giardino degli Dei". Sono complessivamente 150 gli appuntamenti in tanti luoghi diversi (oltre 70) sparsi su tutto il territorio regionale.

La rassegna, quindi, è giunta ormai alla sua sesta edizione e da quest'anno affronta un tema generale ("Intelligenza della natura e progetto umano"), quanto mai appropriato, visto che la prima delle iniziative che presentiamo, prevista per sabato 21 settembre alle ore 10,30 con appuntamento a Porta Paola (in piazza Travaglio), si svolgerà in gran parte nel parco del sottomura tra il baluardo di San Lorenzo e quello dell'Amore, dove la cura del verde dovuta all'opera dell'uomo e lo sviluppo naturale di certe essenze arboree si sposano perfettamente con uno dei tratti più suggestivi della nostra cinta muraria.

Come è noto, questo tratto è caratterizzato dagli imponenti baluardi realizzati tra il 1578 e il 1585 per volere di Alfonso II d'Este, di cui lo storico Francesco Scafuri e i tecnici del Servizio Beni monumentali coordinati dall'arch. Natascia Frasson illustreranno al pubblico gli aspetti storici ma anche le novità che hanno riservato i lavori intrapresi negli ultimi tempi, soprattutto in relazione al baluardo di San Lorenzo e al baluardo dell'Amore.

Nell'ambito dell'iniziativa di sabato il pubblico avrà la possibilità di visitare, in via eccezionale, il parco archeologico all'interno del baluardo dell'Amore, aperto per l'occasione. Un'ulteriore motivo per partecipare all'iniziativa. Durante la passeggiata, dal titolo "Il parco delle mura sud tra antichi miti e nuove scoperte", l'alternarsi degli interventi dei relatori più di carattere storico con quelli più segnatamente botanici curati dal prof. Filippo Piccoli, complessivamente offriranno al pubblico un'opportunità unica per conoscere a fondo il parco delle Mura sud e i bastioni del ‘500.

Ma non si parlerà solo dei baluardi ma si cercherà di immaginare come poteva essere quella parte della città in precedenza: quando, per esempio, era ancora presente il Castel Nuovo che si ergeva imponente dove ora si trova il teatro Verdi, fino a quando, a seguito del terremoto del 1570, il fortilizio sarà poi distrutto; oppure quando il Po di Ferrara lambiva ancora la città a meridione, scorrendo parallelamente alle mura di Borso, caratterizzate da alte torri merlate, ma anche da porte fortificate dove avveniva il controllo di uomini e merci, e da tratti rettilinei, alcuni dei quali possiamo ancora ammirare tra un baluardo e l'altro.
Insomma, si accennerà al periodo medievale e a quello rinascimentale, quando il fiume rappresentava una barriera difensiva per la città e nel contempo un notevole vantaggio economico per Ferrara e per le attività portuali che si svolgevano sulle sue rive.

Sarà occasione poi per capire finalmente perché i nostri anziani (e non solo loro) individuino ancora il baluardo di San Lorenzo e il parcheggio sovrastante come l'ex "mercato cavalli" (dal 1904 fino al secondo dopoguerra).

Forse alla fine dell'escursione culturale di sabato prossimo, in tutta tranquillità, si potrà scoprire come l'alleanza tra l'uomo e la natura trovi qui una delle sue espressioni più autentiche, soprattutto perchè il parco delle mura sud rappresenti una risorsa ambientale per Ferrara, oltre che un museo all'aperto. Un ambiente caratterizzato da siti storici e fortificazioni (frutto dell'ingegno di grandi architetti militari), fortificazioni che si esaltano grazie al verde della vegetazione, la cui esuberanza viene mitigata dagli interventi manutentivi, offrendoci suggestioni sempre nuove e coinvolgenti. 
Appuntamento dunque sia per questa iniziativa sia per quella in programma sabato e domenica al Museo Archeologico Nazionale di Ferrara "Il giardino degli Dei", perché il connubio tra natura e storia divenga sempre più un fattore identitario per Ferrara e un volano per valorizzare ulteriormente la nostra città, rendendola sempre più attraente anche per i turisti.(...)

 ----------------------------------------------------------------------

LA SCHEDA (a cura della direzione del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara) - "Il giardino degli Dei" 

In occasione di VivilVerde 2019, domenica 22 settembre dalle 10 alle 13, visita guidata dagli studenti della classe 5N del Liceo Scientifico A. Roiti coordinati dalle docenti Francesca Bianchini e Elena Cavalieri D'Oro, all'interno del progetto Muse Inquietanti (vincitore del Concorso Io amo i Beni culturali, promosso dall'IBC dell'Emilia Romagna) e dell'Alternanza Scuola-Lavoro.
Gli studenti guideranno i visitatori nel Giardino neorinascimentale del Museo Archeologico, sottolineando gli aspetti botanici, fitoterapici e storico-mitologici legati alle piante che caratterizzano la vasta area. Sarà l'occasione per apprezzare il nuovo percorso attrezzato con pannelli illustrativi, che permettono la fruizione chiara, stimolante e autonoma delle numerose essenze presenti in giardino. L'iniziativa si svolge in collaborazione con l'Associazione Garden Club Ferrara (ingresso € 1).

Sabato 21 e domenica 22 settembre dalle 9.30 alle 17, all'interno della Sala del Tesoro e lungo il porticato del Museo, gli artisti del Club Amici dell'Arte diretto dal Dott. Michele Govoni esporranno le loro opere pittoriche, grafiche e fotografiche. E' possibile partecipare attivamente all'evento attraverso un paint on estemporaneo, per ritrarre angoli del giardino segreto di Spina, purché provvisti di proprio cavalletto.
Esporranno gli artisti: Amaroli Gianluca, Barillari Nicola, Paola Braglia Scarpa, Capozzi Lisetta, Carrieri Cesare, Cavallari Nadia, Feligiotti Costanza, Filippini Alfredo, Fortini Grazia, Furioli Lina, Gentili Renzo, Lanzoni Francesca, Longhi Gianni, Nava Marco, Regnani Pietro, Reggiani Cinzia, Ruggeri Mauro, Ventarola Antonio. Ingresso € 1

www.archeoferrara.beniculturali.it

 

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: