Comune di Ferrara

martedì, 29 settembre 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Con i 'Creativity days' gli studenti imparano a formulare soluzioni innovative e vincenti

POLITICHE GIOVANILI - Da Phoenix Factory un nuovo format per aiutare i giovani a farsi strada nel mercato del lavoro

Con i 'Creativity days' gli studenti imparano a formulare soluzioni innovative e vincenti

30-10-2019 / Giorno per giorno

Punta a cavalcare le nuove sfide del mondo del lavoro lo strumento innovativo studiato dall'associazione universitaria Phoenix Factory che ha già visto il coinvolgimento, per le prime sperimentazioni, di 90 studenti di diverse facoltà dell'ateneo cittadino. Partner del progetto sono il Consorzio Factory Grisù e la stessa Università di Ferrara, che mettono a disposizione competenze e mezzi per la realizzazione di un percorso in tre fasi: Academy,  Creativity Days e Project Work, in cui i giovani partecipanti sono impegnati nella progettazione di soluzioni innovative a problemi posti da specifiche aziende o associazioni coinvolte nel percorso.

I dettagli del format sono stati illustrati oggi in conferenza stampa nella residenza municipale di Ferrara, alla presenza dell'assessore alle Politiche giovanili del Comune di Ferrara Micol Guerrini, da Jacopo Naidi di Phoenix Factory, Massimo Marchetto di Factory Grisù, Giovanni Masino docente UniFe, Nicolò Bertolini di Fondazione Brodolini - delegato Laboratorio Aperto Ferrara e Emiliano Bon di XENA.

"A Phoenix Factory e ai partner del progetto - ha dichiarato l'assessore Guerrini - va il ringraziamento dell'Amministrazione comunale per l'importante opportunità che stanno offrendo ai giovani del territorio in vista del loro ingresso nel mondo del lavoro. La linea che il mio Assessorato intende seguire punta proprio a favorire l'occupazione e l'imprenditoria giovanile e questo progetto si inserisce perfettamente su questo tracciato. Oggi per conquistarsi un proprio spazio nel mercato del lavoro occorre metterci creatività e ingegno personali per potersi rendere insostituibili e in questo senso la formazione deve essere a 360° e fornire strumenti concreti e spendibili".   

 

LA SCHEDA a cura degli organizzatori

Cooperare, Creare, Innovare: gli studenti offrono la loro soluzione

L'associazione universitaria Phoenix Factory in collaborazione con il Consorzio Factory Grisù e l'Università di Ferrara presenta oggi un nuovo strumento a servizio di Associazioni e Imprese: un format capace di generare nuovi progetti e quindi nuovo valore, culturale o economico, in risposta alle sfide che queste stanno affrontando.

Attraverso la progettazione interdisciplinare guidata da giovani appositamente formati, gli studenti riescono a determinare nuovi eventi e soluzioni digitali, destinati ad essere strutturati e realizzati attraverso il "Project Work", un'innovativa formula ideata da UniFe per permettere la collaborazione in corso di studi tra i gruppi di giovani impegnati nella progettazione e le realtà produttive destinatarie degli interventi. Tre sono quindi le fasi operative del format: Academy, Creativity Day e Project Work.

Progettare chiaramente non è una cosa semplice, e nemmeno avere buone idee.
Per questo le ragazze e i ragazzi di Phoenix Factory imparano a gestire i processi creativi attraverso il percorso di formazione pratica "Academy" realizzato in collaborazione con Factory Grisù: grazie al contributo delle imprese del Consorzio, i giovani apprendono alcuni tool che consentono di arrivare a soluzioni puntuali in risposta alle sfide proposte dalle Associazioni e Imprese coinvolte ad ora nell'organizzazione, e di comunicarle al pubblico attraverso il digitale. Pratica è la parola chiave; per questo motivo i giovani così formati esercitano le competenze maturate subito, durante i "Creativity Day", gli appuntamenti di progettazione tra i giovani di tutte le facoltà dell'Ateneo, cuore delle attività di Phoenix Factory.

La partecipazione ai Creativity Day(s) - segnala Phoenix Factory - è via via maggiore: dalla prima alla quarta edizione, la partecipazione degli studenti è aumentata del 400% raggiungendo la vetta degli oltre 90 partecipanti complessivi. Segno che agli studenti condividere esperienze ed idee piace, e che da questo scambio effettivamente si portano a casa qualcosa di bello, oltre alle nuove amicizie.
Dopo ARCI Ferrara e JazzClub Ferrara, a sfidare gli studenti a progettare una soluzione è stata Fondazione Brodolini che ha invitato i giovani a creare un progetto che consentisse di rendere l'ex Teatro Verdi - pronto all'inaugurazione imminente - il luogo di contaminazione europea per eccellenza in città. Durante le due giornate di Creativity Day #4 gli studenti hanno guardato ai fondi Erasmus+, formulando un progetto di scambio europeo che consentisse ai giovani di tutto il Continente di venire a Ferrara e lasciare qui un pezzo della loro cultura. Grazie all'accompagnamento dei giovani dell'Academy, durante il Creativity Day #4 i partecipanti sono arrivati a definire le loro soluzioni: la scelta finale dell'ex Teatro Verdi è ricaduta sul progetto che vuol consentire ai giovani di imparare a generare contenuti immersivi e di riprodurre digitalmente le proprie città negli spazi del Teatro.

Ora si arriva alla fase interessante: ai giovani che chiederanno di poter aderire al "Project Work" -le iscrizioni apriranno domani-, saranno messe a disposizione 5 settimane per strutturare il progetto e offrirlo alla candidatura del bando Erasmus+ in scadenza a Febbraio. Ad accompagnare i ragazzi nel percorso di progettazione c'è XENA - centro scambi e dinamiche interculturali (di Padova) e l'Eurodesk Ferrara, coinvolte da Phoenix Factory per offrire ai giovani le competenze e il know-how necessari a formulare un progetto vincente.

Di ambizioni questa organizzazione ne ha molte: in Primavera sarà organizzato un nuovo percorso Academy e nuove soluzioni alle #sfide del territorio saranno formulati durante i prossimi Creativity Days. Che l'innovazione sia trainata dai giovani - giovani donne a dir la verità, considerato che il 63% dei partecipanti è femmina! - e che questi imparino a collaborare tra loro, mettendo in pratica gli studi universitari, è necessario: il mondo del lavoro si sta evolvendo. I lavoratori del futuro dovranno essere capaci di ragionare criticamente sui problemi e dovranno saper strutturare soluzioni per arricchire le organizzazioni di appartenenza.

La palla sta ora a quest'ultime: Associazioni e Imprese sapranno sfruttare questo nuovo format e arricchire la propria organizzazione culturale o imprenditoriale?
I giovani sono pronti a rispondere e hanno voglia di riscatto; fare la differenza nel mondo del lavoro è il loro obiettivo, la fenice il simbolo della loro organizzazione.

Info e contatti:
Jacopo Naidi - presidente Phoenix Factory:+39 3409087813
team@phoenixfactory.it

www.phoenixfactory.it

Immagini scaricabili:

Phoenix factory_30ott2019.jpg Phoenix Factory - logo.jpg creativity_day_4_Moment 11 - Copia.jpg