Comune di Ferrara

giovedì, 12 dicembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ubriaco in zona GAD: la Polizia Locale sequestra patente, SUV e coltelli a serramanico

POLIZIA LOCALE- Agenti in azione tra via Cassoli e via Ticchioni. Il vicesindaco Lodi "La musica è cambiata". Azioni mirate per combattere l'illegalità

Ubriaco in zona GAD: la Polizia Locale sequestra patente, SUV e coltelli a serramanico

18-11-2019 / Giorno per giorno

E' stato segnalato perché bivaccava ubriaco insieme ad amici in piena zona Gad, ma gli agenti della Polizia Locale hanno trovato nella sua auto tre coltelli a serramanico e un cutter e poichè l'uomo risultava anche pesantemente ubriaco gi è stata ritirata la patente,, sequestrata l'auto ed è partita una denuncia per porto d'armi e oggetti atti ad offendere.

E' questo il risultato di una azione messa in campo dalla polizia locale, in applicazione delle linee guida impostate dal nuovo comandante che prevedono controlli approfonditi sulle situazioni ritenute più a rischio.

"E' questo l'atteggiamento giusto che serve per mettere finalmente mano al problema più grave della città e siamo felici di constatare che il nuovo comandante si è subito calato nella realtà locale comprendendo bene quali sono le necessità dei cittadini - ha commentato il vicesindaco Nicola Lodi, assessore alla Sicurezza. "Il primo bisogno è certamente quello di sentirsi tutelati e di vedere che le loro richieste e segnalazioni, che sono un importante elemento di presidio per il territorio non cadono nel vuoto ma si trasformano in azioni serie e concrete".

E il vicesindaco conclude: "E' ormai comprovato che molto spesso, dietro quello che sembra un degrado considerato a torto di poco conto come un bivacco tra ubriachi, si nascondono situazioni più gravi, illegali o potenzialmente criminose ed è queste che vogliamo perseguire, per far capire a chi vive nell'illegalità che la musica a Ferrara è cambiata. Questa amministrazione non nasconderà più la testa sotto la sabbia e quello di oggi è un primo importante segnale di cui ringraziamo il comandante della municipale Rimondi e tutti gli agenti della Polizia Locale di Ferrara, che ogni giorno si spendono per la sicurezza di tutti".

Nella serata di sabato scorso (16 novembre) il personale della Polizia Locale Terre Estensi è intervenuto in zona GAD a seguito della segnalazione di un cittadino esasperato dal bivacco di un gruppo di stranieri dell'Est Europa (quattro uomini e tre donne) intento a consumare birra e superalcolici sotto i portici all'angolo tra via Cassoli e via Ticchioni, ballando, urlando e utilizzando uno stereo ad alto volume.

Mentre la pattuglia operante era impegnata a contestare varie violazioni amministrative relative al Regolamento di Polizia Urbana e all'ubriachezza in luogo pubblico ai membri del gruppo, uno di questi, un cinquantenne extracomunitario di nazionalità moldava, con l'evidente intento di evitare i controlli di polizia, è salito repentinamente a bordo del proprio automezzo, un suv parcheggiato nelle immediate vicinanze, ponendosi al posto di guida.

L'azione è stata subito interrotta dalla Polizia Locale, che fortunatamente ha impedito all'uomo di andare oltre le manovre di uscita dal parcheggio. Date le circostanze, è stato sottoposto ad alcoltest, risultando positivo con un valore pari a 2.80 g/l, ovvero quasi sei volte il limite legale (0.5 g/l di alcol nel sangue).

Appreso della positività all'alcoltest, per non effettuare la seconda prova e nell'estremo e inutile tentativo di sottrarsi alla Polizia Locale, il soggetto fermato si è dato alla fuga, allontanandosi a piedi e minacciando gli Agenti - che tentavano di ricondurlo alla ragione - commettendo ulteriori reati.

Ne è seguita la perquisizione del suv, dove, oltre ad un ingente quantitativo di bottiglie vuote di alcolici, sono spuntati tre coltelli a serramanico e un cutter, detenuti in auto senza giustificato motivo, e pertanto immediatamente sequestrati e messi a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

A conclusione dell'intervento il cinquantenne moldavo è stato denunciato per i reati di guida in stato di ebbrezza, oltraggio a pubblico ufficiale, minaccia a pubblico ufficiale e porto di armi e oggetti atti ad offendere.

Infine gli è stata ritirata la patente di guida ai fini della revoca e sequestrato il suv ai fini della confisca, veicolo di cui la Polizia Locale potrebbe valutare di chiedere l'assegnazione al termine dell'iter burocratico.

 

 

 

 

 

Nella foto: armi e oggetti atti a offendere posti sotto sequestro

 

Immagini scaricabili: