Comune di Ferrara

lunedì, 16 dicembre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > L'Autunno Rosa lancia Ferrara come città della prevenzione: le atlete del calcio femminile Spal testimonial per la Lilt

SALUTE E PREVENZIONE - Presentato in Comune video promozionale e consegnato assegno alla Lilt Ferrara

L'Autunno Rosa lancia Ferrara come città della prevenzione: le atlete del calcio femminile Spal testimonial per la Lilt

02-12-2019 / Giorno per giorno

Si è svolta lunedì 2 dicembre 2019, nella sala degli Arazzi della residenza municipale di Ferrara, la conferenza stampa per presentare l'iniziativa "L'Autunno Rosa lancia Ferrara come città della prevenzione e del calcio femminile testimonial per Lilt" che comprendono la produzione e la diffusione di un video promozionale in collaborazione con la squadra di calcio femminile della Spal e la raccolta di fondi donati alla Lilt di Ferrara per le attività di prevenzione. 

All'incontro con i giornalisti sono intervenuti, tra gli altri, l'assessore comunale alle Politiche Sociali Cristina Coletti insieme a Edgardo Canducci e Paola Di Paolo presidente e coordinatrice settore femminile della Lilt Ferrara, Vincenzo Papes AD del Centro di Medicina Ferrara, Massimo Crivellaro ed Enrico Pavan direttore tecnico e team manager del Settore Femminale Asd Accademia Spal Ferrara. Ha coordinato l'incontro Marco Ceotto (Ufficio comunicazione Centro di Medicina). 

"Ringrazio a nome dell'Amministrazione comunale - ha affermato l'ass. Coletti in apertura di incontro - tutti coloro che hanno aderito a questa iniziativa e l'hanno resa possibile. Il tema della prevenzione è molto importante e noi saremo sempre al fianco di quelle realtà professinali e di volontariato che a questa buona causa daranno impulsi e contributi fondamentali".

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori) - Ferrara, l'Accademia Spal in campo per la prevenzione e per la Lilt Ferrara

Partecipando al video virale #giocadanticipo #scendincampoconlaprevenzione e a due sfide di campionato con le sfidanti venete ha concorso a promuovere la Lilt (Lega Italiana per la Lotta ai Tumori) - (VIDEO SCARICABILE IN FONDO ALLA PAGINA)

Un convengo organizzato all'Università ha rilanciato Ferrara città della prevenzione

Alla campagna si è legata anche una raccolta fondi pro Lilt Ferrara da parte del Centro di medicina Ferrara che dona parte del ricavato delle mammografie fatte nel mese di ottobre alla Lilt Ferrara

Combattere il tumore al seno con la partecipazione. Facendo in modo che siano sempre più persone a parlarne, spingendo le dirette interessate a fare la diagnosi precoce, superando paure e pigrizia, perché stare ferme non vale, bisogna agire.

è nata da queste considerazioni il progetto di sensibilizzazione del Gruppo Centro di medicina e Casa di cura Villa Maria, rete di strutture sanitarie private e convenzionate da oltre 35 anni, subito sposato dalle Lilt provinciali di Ferrara, Padova, Treviso, Venezia, Vicenza, culminato con la produzione del video "Gioca d'anticipo! scendi in campo con la prevenzione" dove oltre 70 giocatrici di 6 squadre di diverse categorie di Veneto ed Emilia Romagna ci hanno messo la faccia.

Al pubblico è chiesto di vedere il video e condividerlo, oltre a farsi il selfie della prevenzione per ribadire #giocadanticipo #scendincampoconlaprevenzione hashtag della campagna.

La campagna ha fatto leva anche su tre pilastri: eventi informativi come quello che si è tenuto in Università a Ferrara dal titolo Ferrara città della prevenzione dove esperti si sono confrontati su stili di vita e buone prassi per una maggiore consapevolezza sull'importanza della salute in una popolazione sempre più longeva, eventi divulgativi come le partite di calcio che hanno coinvolto più campionati femminili e una raccolta fondi avviata direttamente dalle sedi Centro di medicina che dona parte del ricavato delle mammografie fatte nel mese di ottobre alla Lilt Ferrara

Grazie alla collaborazione, siglata in un preciso protocollo, della lega Nazionale Dilettanti, alcune delle partite di serie C del campionato femminile si sono giocate in questo campionato proprio nel nome della prevenzione e della Lilt. Tra queste quelle che l' Asd Accademia Spal Ferrara ha disputato a Vicenza e Venezia.

Ogni incontro di calcio è stato aperto dai volontari Lilt presenti per la divulgazione delle buone prassi della diagnosi precoce - che in questo caso significa per la donna in età a rischio sottoporsi all'esame strumentale della mammella, ovvero mammografia, ecografia e visita. 

Dalla raccolta fondi presso le sedi del Centro di medicina della rete della senologia diagnostica è arrivata una raccolta che vede per la Lilt di Ferrara la consegna di un assegno di 1000 euro.

Il progetto "Gioca d'anticipo scendi in campo con la prevenzione" è stato realizzato e sostenuto da Gruppo Centro di medicina e Casa di cura Villa Maria, in collaborazione e in favore della Lilt, delegazioni provinciali di Ferrara, Padova, Treviso, Venezia, Vicenza

Con la partecipazione delle squadre di calcio femminile Asd Accademia Spal Ferrara (Serie C), Permac Vittorio Veneto (Serie B), Calcio Padova Femminile (Serie C), Venezia Calcio Femminile (Serie C), Vicenza Calcio Femminile (Serie C), Villorba Calcio Femminile (Serie D).

In collaborazione e con il patrocinio di Comune di Ferrara, Comune di Marcon, Comune di Venezia, Comune di Villorba, Comune di Vittorio Veneto, Comune di Vicenza, Comune di PadovaRegione del Veneto, Coni Veneto, Consiglio regionale del Veneto, Lega Nazionale Dilettanti LND, Federazione Italiana Gioco Calcio FIGC.

La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) è un Ente Pubblico su base associativa che opera sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sotto la vigilanza del Ministero della Sanità e si articola in Unioni Regionali delle Sezioni Provinciali. Opera senza fini di lucro e ha come compito istituzionale primario la prevenzione oncologica. 

L'impegno della LILT nella lotta contro i tumori si dispiega principalmente su tre fronti: la prevenzione primaria (stili e abitudini di vita), quella secondaria (promozione di una cultura della diagnosi precoce) e l'attenzione verso il malato, la sua famiglia, la riabilitazione e il reinserimento sociale. 

L'obiettivo della LILT è quello di costruire attorno al malato oncologico una rete di solidarietà, di sicurezza e di informazione. 

In questo senso i punti di forza della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori sono rappresentati dai 397 ambulatori dislocati su tutto il territorio nazionale e dai numerosi volontari al servizio della comunità. Attraverso le 106 Sezioni Provinciali la LILT persegue le proprie finalità sul territorio nazionale. 

Le Sezioni sono organismi associativi autonomi (in molti casi riconosciute come ONLUS) che operano nel quadro delle direttive e sotto il coordinamento della Sede Centrale di Roma e dei rispettivi Comitati Regionali di Coordinamento. 

 

Links:

Immagini scaricabili: