Comune di Ferrara

domenica, 05 aprile 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nota dell'Amministrazione comunale sulla riorganizzazione della macchina amminisitrativa

Nota dell'Amministrazione comunale sulla riorganizzazione della macchina amminisitrativa

20-12-2019 / Punti di vista

RIORGANIZZAZIONE DELLA MACCHINA AMMINISTRATIVA: MENO DIRIGENTI E UN RISPARMIO DA OLTRE MEZZO MILIONE DI EURO ALL'ANNO

IL SINDACO FABBRI: "UNA STRUTTURA PIU' SNELLA PER DARE RISPOSTE CONCRETE AI CITTADINI E ALLE IMPRESE"

 

Da 33 a 24 dirigenti comunali, un risparmio annuo di 549.963 euro che dal 2020 aumenterà ulteriormente (per stabilizzarsi a 650.000 euro l'anno) e che, calcolato sull'intera durata del mandato, supera i 2,5 milioni di euro, comportando così un'importante semplificazione della struttura che facilita l'operatività e l'efficacia dei procedimenti amministrativi. Questa la novità apportata alla macchina amministrativa dal decreto di conferimento delle funzioni dirigenziali ai dirigenti di ruolo del Comune, firmato dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, con il quale si completa la prima fase del progetto di riorganizzazione.

Subito dopo l'insediamento, il sindaco aveva dato ufficialmente avvio alla riorganizzazione degli uffici del Comune partendo dal vertice dirigenziale e affidando al Direttore Generale, Sandro Mazzatorta, il compito di elaborare un nuovo assetto dirigenziale in coerenza con gli obiettivi di mandato.
Dal 1° gennaio la struttura sarà composta da due livelli organizzativi (Settori e Servizi) guidati complessivamente da 24 dirigenti. In particolare i 10 dirigenti di Settore costituiranno i componenti del gruppo che, insieme al Direttore Generale, lavoreranno sui principali obiettivi di mandato.

"L'obiettivo della riorganizzazione è ottenere una struttura, più semplice e trasparente e di conseguenza più agile e veloce nelle risposte ai cittadini e alle imprese - sottolinea il sindaco - valorizzando al meglio le competenze di ognuno e puntando sul lavoro di squadra".
Il sindaco sottolinea anche il fatto che "grazie a questa riorganizzazione siamo riusciti ad ottenere una importante riduzione delle risorse a disposizione del fondo per le retribuzioni di posizione dei dirigenti stanziate in bilancio e.a gennaio - aggiunge - proseguiremo la riorganizzazione, rivedendo l'area delle numerose posizioni organizzative e riprogettando la micro-organizzazione ossia, valutando caso per caso, l'utilità dei tanti uffici presenti oggi nel Comune. Il cambiamento in atto non stravolge l'assetto del Comune ma lo rende meno autoreferenziale e più a servizio del cittadino e dell'imprenditore".

L'amministrazione comunale, in data 1° ottobre 2019, in ottemperanza all'aggiornamento degli indirizzi e dei criteri generali approvati dal Consiglio Comunale nel mese di settembre ed a seguito della revisione complessiva del Regolamento sull'Ordinamento degli Uffici e dei Servizi dell'ente, ha approvato la nuova macrostruttura organizzativa comunale, articolandola in Settori e Servizi per funzioni omogenee, a cui dare attuazione dal prossimo 1° gennaio 2020.

All'inizio del mandato i dirigenti di Servizio e Settore erano complessivamente 30 (tempo indeterminato + tempo determinato) + 3 Alte professionalità inquadrate in categoria D. Con la nuova revisione saranno 24 i dirigenti di Servizio e Settore (tempo indeterminato + tempo determinato) attivi in amministrazione.
In particolare, nel conto complessivo delle minori spese del 2019, è compresa la rideterminazione della retribuzione di posizione, in relazione alle nuove funzioni e responsabilità, per la quale si stima una minor spesa per 76.371 euro, rispetto all'anno precedente.
L'iter complesso di riorganizzazione dirigenziale è iniziato con l'emanazione da parte del Direttore Generale dell'interpello in data 15.10.2019. Il Sindaco, dopo aver valutato l'esperienza acquisita e le capacità professionali, ha individuato i dirigenti a cui conferire gli incarichi dei Servizi e Settori sulla base dell'ordine di preferenza espresso dagli stessi, coerentemente con i programmi e progetti riportati nelle linee programmatiche di mandato 2019-2024.
La durata degli incarichi è stata determinata in 2 anni per i Dirigenti di Servizio ed in 1 anno per i Dirigenti di Settore. A seguito degli incarichi conferiti, i Dirigenti avranno 4 mesi di tempo per formulare le proposte per la ridefinizione della organizzazione interna dei singoli servizi e delle Posizioni organizzative, le quali verranno verificate da parte del Direttore Generale circa la coerenza con gli obiettivi dell'Amministrazione.

Allegati scaricabili: