Comune di Ferrara

sabato, 25 gennaio 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "Giovani talenti per Ferrara" in mostra

CULTURA - Da venerdì 10 fino a lunedì 20 gennaio l'esposizione visitabile nella sala dell'Albo Pretorio (piazza Municipio 2)

"Giovani talenti per Ferrara" in mostra

10-01-2020 / Giorno per giorno

È dedicata ai vincitori del concorso "Giovani talenti per Ferrara" la mostra visitabile nella sala dell'Albo Pretorio del Municipio da venerdì 10 fino a lunedì 20 gennaio 2020 negli orari di apertura al pubblico del palazzo.
Tra le opere esposte ci sono le tele istoriate del vincitore del concorso Enrico Porro (35 anni di Alba), che alterna il tratto naturalistico della figura femminile ritratta con la matericità delle decorazioni; le opere di impianto classico a olio della seconda classificata Clarissa Lionello (38 anni di Abano Terme); le incisioni a forte contrasto chiaroscurale di Samuel Moretti (38 anni di Mesola). Tra i finalisti presenti all'inaugurazione erano Simone Farnocchia (di Lecco) e Federica Rota (di Bergamo), le cui opere sono esposte assieme a quelle di Simone Galimberti, Federico Lodo e Lavinia Longhetto.

L'iniziativa è stata presentata oggi, venerdì 10 gennaio 2020, nella residenza municipale. All'incontro con i giornalisti sono intervenuti l'assessore comunale alla Cultura insieme con la presidente dell'associazione Olimpia Morata Francesca Mariotti, la presidente dell'associazione Michelangelo Antonioni Elisabetta Antonioni, l'artista Vito Tumiati che sono anche membri della Giuria che ha selezionato i vincitori.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori - Il concorso, dedicato a Michelangelo Antonioni, è ideato e organizzato dal 2011 dall'associazione culturale Olimpia Morata con il patrocinio del Comune di Ferrara, con lo scopo di promuovere la pittura, la fotografia e l'arte digitale, ritenute strumento di comunicazione e di espressione dell'animo umano delle nuove generazioni di artisti e valorizzare gli aspetti artistici dei partecipanti e farli conoscere al pubblico, dando l'opportunità di esporre i propri lavori in una città d'arte come Ferrara, in spazi istituzionali o pubblici di libero accesso. La Giuria, composta dalla presidente dell'Associazione, da Elisabetta Antonioni e dal maestro Vito Tumiati, esprime un giudizio che tiene conto della sola valenza espressiva e tecnica delle opere presentate , senza riferimenti ad eventuali curricula presentati, prima del giudizio. L'esposizione darà modo di avere un confronto diretto anche con il pubblico ferrarese che partecipa sempre con interesse.
Anche in questa edizione i finalisti sono un piccolo gruppo di giovani, alcuni già conosciuti in altre edizioni, artisti che in modi e tecniche diverse, ci sanno proporre opere di buon livello, alcuni più legati alla tradizione, tra pittura ed incisione, altri più innovativi, tra materia e tecniche miste, ma tutti con idee elaborate e personali. Ognuno di loro esprime una ricerca ed una emozionalità che lo contraddistingue, dandoci la possibilità di capire che l'Arte contemporanea continua un suo cammino, traendo profitto dal passato, ma sapendo elaborare e cogliere "il respiro" del presente. Non a caso il concorso è dedicato a un grande maestro del cinema, Michelangelo Antonioni, che ha segnato la storia con le sue opere, in cui l'azione e la scena erano in stretta simbiosi, innovative e fortemente incisive sulla capacità di coinvolgere lo spettatore, in modo "visivamente pittorico".
La scelta di un regista/artista come lui, fiore all'occhiello di una città Metafisica come Ferrara, vuole dare risalto e spinta a Giovani Talentuosi e promettenti che meritano un palcoscenico esemplare e riconosciuto come la nostra città.
L'associazione Olimpia Morata spera di essere madrina di nuovi grandi artisti del prossimo futuro. Anche in un periodo di crisi socio-economica come questo, l'Arte ci può aiutare, mostrandoci tutta la Bellezza del Mondo.

Immagini scaricabili:

Presentazione mostra "Giovani talenti per Ferrara" - 10 gennaio 2020 L'opera di Clarissa Lionello in primo piano nell'allestimento della mostra