Comune di Ferrara

giovedì, 09 aprile 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Prorogato l'affidamento in gestione ad Acer del patrimonio erp; prosecuzione e avvio di progetti socio-sanitari; attrezzature in dono al Canile municipale; ancora valide le esenzioni sugli oneri post sisma

GIUNTA COMUNALE - Le principali delibere approvate nella seduta del 14 gennaio 2020

Prorogato l'affidamento in gestione ad Acer del patrimonio erp; prosecuzione e avvio di progetti socio-sanitari; attrezzature in dono al Canile municipale; ancora valide le esenzioni sugli oneri post sisma

14-01-2020 / Giorno per giorno

Queste le principali delibere approvate nella riunione della Giunta comunale di martedì 14 gennaio 2020:

 

Assessorato Politiche Sociali, Politiche Abitative, Servizi Demografici e Stato Civile:

Rinnovato il contratto di servizio per gli interventi sociali e sociosanitari
Sarà rinnovato per un altro anno, fino al 31 dicembre 2020, il Contratto di Servizio tra l'Associazione dei Comuni di Ferrara, Voghiera e Masi Torello, l'Asp Centro Servizi alla Persona di Ferrara e l'Azienda Usl di Ferrara, approvato dal Consiglio comunale di Ferrara nel 2017, per la realizzazione di interventi e servizi sociali e sociosanitari.
Il contributo ordinario di funzionamento che il Comune di Ferrara si è impegnato, annualmente, ad erogare all'Asp, in base al contratto, è di 7.500.000 euro.

Prorogata fino al 2024 la concessione ad Acer della gestione del patrimonio erp
La Giunta municipale ha autorizzato la prosecuzione per il quinquennio 2020-2024 della concessione (approvata dal Consiglio comunale nel 2014) da parte del Comune di Ferrara ad Acer Ferrara della gestione del patrimonio erp di proprietà comunale.
Autorizzata, inoltre, la prosecuzione, sempre fino al 31 dicembre 2024, delle convenzioni gestionali aggiuntive, attivate dal Comune e relative a: riscatto aree peep; gestione fondo morosità incolpevole; programmi straordinari di manutenzione del patrimonio erp da effettuare con finanziamenti statali (DGR 873/215 linea A e B); regionali (DGR 1252/2018 tipologia A e B) e comunali (fondi derivanti dal riscatto delle aree peep e da altri proventi legati alla contrattazione del POC); gestione patrimonio ers di via Gustavo Bianchi; e gestione del patrimonio ad uso non abitativo (alloggi per studenti ed immobili ad uso commerciale).

Reinserimento sociale: all'Asp un contributo per il progetto 'Accoglienza Dimittendi'
E' di 20mila euro l'erogazione destinata dal Comune di Ferrara all'Asp Centro Servizi alla Persona per il progetto 'Accoglienza Dimittendi', anno 2019, nell'ambito degli interventi per la 'Promozione della salute in carcere, umanizzazione della pena e reinserimento delle persone in esecuzione penale'. L'attuazione del progetto era stata affidata dall'Asp all'Associazione Viale K, che da lungo tempo lavora sul territorio ferrarese con interventi di contrasto alle forme di povertà, in rete con i servizi e le istituzioni che a vario titolo sono coinvolti nella relazione di aiuto alla persona in vista di un percorso di inserimento sociale e di autonomia.
L'erogazione sarà finanziata con una quota delle risorse regionali assegnate per l'anno 2019 al Fondo sociale locale del distretto Centro nord con capofila Ferrara.

Ferrara partner di due progetti assegnatari di finanziamenti Fami per la qualificazione di servizi socio-sanitari
Sono due i progetti aggiudicatari di finanziamenti europei del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (Fami) 2014-2020 che vedono l'adesione di Ferrara come partner senza budget. Si tratta del progetto 'Intarsi' - azioni in rete per una comunità accogliente', con capofila l'Unione dei Comuni Valle del Savio, e del progetto 'Be.Com-ER Benessere di Comunità in Emilia Romagna - azioni in rete per una comunità accogliente', con capofila il Comune di Ravenna, entrambi sostenuti da reti di diversi Comuni dell'Emilia Romagna ed entrambi assegnatari di risorse messe a disposizione con un avviso pubblico del Ministero dell'Interno del gennaio 2019 rivolto agli enti locali.
Nello specifico, il progetto 'Intarsi' è stato ammesso al finanziamento per un budget totale di  1.488.114 euro e si svilupperà sulle annualità 2019/2021, per una durata di 26 mesi. Ha come obiettivo generale quello di qualificare il sistema regionale dei servizi socio-assistenziali dei Comuni per la presa in carico, l'autonomia e l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi appartenenti a nuclei familiari e monoparentali con minori a carico, coinvolgendo in maniera sinergica servizi pubblici, terzo settore e volontariato sociale, e puntando alla progressiva responsabilizzazione dei cittadini stranieri destinatari, per svilupparne l'iniziativa autonoma, le capacità genitoriali e di interazione, nonché il corretto accesso e fruizione dei servizi territoriali.
Il progetto 'Be.Com-ER' invece è stato ammesso al finanziamento per un budget totale di 774.209 euro e si svilupperà sulle annualità 2019/2021. Le azioni progettuali previste puntano in particolare al potenziamento delle professionalità delle aziende sanitarie locali e alla pianificazione di interventi di presa in carico psico-socio-sanitaria integrata, per migliorare i servizi di prevenzione, diagnosi e cura del disagio mentale e patologie da dipendenza, favorendo tra gli altri l'inserimento dei pazienti nei centri diurni e nelle strutture residenziali dei dipartimenti di salute mentale, rafforzando le competenze e le risorse di questi ultimi.
Ad entrambi i progetti il Comune di Ferrara aderisce in qualità di partner senza budget, svolgendo in particolare funzioni di coordinamento locale e raccordo dei diversi soggetti pubblici e privati attuatori.

Sostegno alle attività del Centro Donna Giustizia
E' di 3mila euro il contributo comunale destinato all'Associazione Centro Donna Giustizia di Ferrara per la prosecuzione nel 2019 del progetto 'Tuina 2.0: donne cinesi che si prostituiscono'. L'erogazione sarà finanziata con una quota delle risorse regionali assegnate per l'anno 2019 al Fondo sociale locale del distretto Centro nord con capofila Ferrara.

 

Assessorato Rapporti Unife, Ambiente, Tutela degli animali, Progetti Europei:

Dall'associazione Avedev attrezzature in dono al Canile municipale
Resteranno ad uso del Canile municipale di Ferrara i beni e le attrezzature che l'associazione Avedev ha deciso di donare al Comune di Ferrara al termine del periodo di gestione della struttura, lo scorso 31 dicembre. La donazione, accettata ufficialmente oggi dalla Giunta, comprende la strumentazione dell'ambulatorio veterinario, l'equipaggiamento per la cucina, il bagno e la toelettatura dei cani, attrezzatura da ufficio e strumenti per il recupero e il ricovero dei cani.
"Beni - come si legge nella delibera di accettazione - indispensabili per il quotidiano funzionamento del Canile municipale" e per il cui lascito la Giunta esprime "apprezzamento e gratitudine nei confronti dell'Associazione donante".

 

Assessorato Sport, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia, Rigenerazione Urbana - Assessore Andrea Maggi:

Interventi post sisma su immobili privati: prorogata al 31 dicembre 2021 la validità delle semplificazioni procedurali e delle esenzioni dagli oneri sugli atti
Resteranno valide ancora fino al 31 dicembre 2021 le semplificazioni procedurali e le esenzioni dal pagamento degli oneri sugli atti previste dal Comune di Ferrara per l'esecuzione degli interventi di ristrutturazione degli immobili privati danneggiati dal sisma del maggio 2012. Per agevolare e accelerare le opere di ricostruzione e miglioramento sismico programmate dai ferraresi, la Giunta municipale ha infatti deciso di prorogare ulteriormente i propri provvedimenti, adottati all'indomani del terremoto, in materia di semplificazioni procedurali, esenzione dal pagamento dei diritti di segreteria, esonero dal contributo di costruzione, dal Cosap e dalle "spese per l'atto". Queste in dettaglio le misure che resteranno in vigore, per il Comune di Ferrara, fino al 31 dicembre 2021 (estratto dalla delibera di Giunta comunale):
1) DIRITTI DI SEGRETERIA:

Esenzione dal versamento dei diritti di segreteria per tutti i titoli, comprese le comunicazioni e le eventuali autorizzazioni preventive di competenza di questa Amministrazione, relativi all'esecuzione di lavori conseguenti ai danni provocati dal sisma.
Esenzione dal versamento dei diritti di segreteria per le relative pratiche di "chiusura lavori", quali le comunicazioni di fine lavori e le conformità edilizia e agibilità.
Esenzione dal versamento dei diritti di segreteria per le domande di accesso agli atti di pratiche edilizie, finalizzate alla presentazione dei titoli per opere conseguenti ai danni causati dal sisma.
2) ONERI:

Esenzione totale dal versamento del contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e costo di costruzione), contributi aggiuntivi per attività produttive (D+S) relativamente a lavori di ristrutturazione e ricostruzione a seguito dei danni causati dal sisma.
3) COSAP:

Totale esenzione dal canone di occupazione di suolo pubblico per installazione di aree di cantiere, impalcature e transennamenti. Per ottenere tale esenzione, l'utente si avvale della medesima documentazione prodotta per le "deroghe per le attività produttive di cui al punto 4), da prodursi in allegato all'istanza relativa all'occupazione di suolo. Qualora i lavori richiedessero proroghe del titolo, le stesse dovranno essere indipendenti dalla volontà del soggetto attuatore, adeguatamente motivate e documentate, al fine di poter mantenere l'esenzione COSAP che diversamente potrà essere revocata.
4) DEROGA PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE:
Parimenti possono beneficiare delle agevolazioni sopra descritte gli opifici industriali e/o gli edifici che non sono danneggiati ma che possono ospitare momentaneamente edifici e attività produttive, anche situate in altri comuni della Provincia rispetto a quelli della produzione originaria che sono stati danneggiati. Si potrà presentare una SCIA edilizia, anziché il normale Permesso di Costruire, per adeguare l'edificio ad ospitare l'attività produttiva, accompagnata da idonea asseverazione che dimostri l'idoneità dell'edificio ad ospitare provvisoriamente l'attività colpita dal sisma.
L'autorizzazione potrà essere rilasciata anche in deroga alla destinazione urbanistica di zona, ad esclusione delle zone agricole e per un periodo limitato nel tempo, al massimo per 12 mesi, prorogabile solamente per casi di particolare necessità da documentare. Anche per questi casi sarà applicato l'esonero di qualsiasi onere.
Le esatte procedure per l'adattamento e la successiva gestione dell'immobile saranno in seguito definite anche con gli altri uffici pubblici competenti per le autorizzazioni ambientali, sanitarie e di sicurezza.
A prova della ricorrenza delle condizioni per usufruire delle agevolazioni di cui sopra, è richiesta una integrazione, vistata anche dal proprietario, dell'asseverazione prevista dalle norme, con cui il tecnico incaricato descrive i danni causati dal terremoto, completa di idonea documentazione fotografica.
In considerazione della straordinarietà dell'evento, come peraltro previsto dalla L.122/12, si dispone che i lavori conseguenti ai danni provocati dal terremoto possano essere eseguiti immediatamente, salvo la obbligatorietà di presentare, nei sessanta giorni successivi, il titolo o la comunicazione prescritta dalla normativa vigente, nel rispetto del dettato del comma 6 dell'art.3 della L.122/2012, anche nei casi in cui non ricorrano condizioni di pericolo per l'incolumità delle persone derivanti da motivi statici.

 

Le delibere approvate nel corso delle sedute della Giunta comunale vengono pubblicate nei giorni successivi, con le modalità e nei termini di legge, sulle pagine internet dell'Albo Pretorio on line del Comune di Ferrara all'indirizzo http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=1818