Comune di Ferrara

venerdì, 03 aprile 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Alla biblioteca Ariostea incontri di lettura per gli anziani ospiti della casa residenza dell'Asp

GIUNTA COMUNALE 2/3 - Gulinelli: "via libera al progetto 'Ritrovarsi tra le pagine' per promuovere attività culturali rivolte alla terza età"

Alla biblioteca Ariostea incontri di lettura per gli anziani ospiti della casa residenza dell'Asp

18-02-2020 / Giorno per giorno

Incontri di lettura periodici per alcuni degli anziani ospiti della casa residenza dell'Asp 'Centro Servizi alla Persona'. E' questo l'intento del progetto 'Ritrovarsi tra le pagine' che vedrà la collaborazione, senza costi, tra la Biblioteca comunale Ariostea e l'Asp, per la messa in pratica del concetto di educazione permanente (lifelong learning), secondo cui l'apprendimento è un processo continuo in ogni contesto e fase della vita e favorisce la coesione e l'inclusione sociale.

In base alla convenzione, che è stata approvata oggi dalla Giunta e che sarà sottoscritta da Comune e Asp, la Biblioteca Ariostea accoglierà periodicamente all'interno dei propri spazi un gruppo di ospiti della casa residenza di via Ripagrande, accompagnati dagli operatori dell'Asp, per una serie di incontri di lettura. Il programma delle letture sarà concordato tra il personale dell'Asp (psicologo e animatori) e i bibliotecari, che saranno anche impiegati come lettori.

"L'idea - sottolinea l'assessore Gulinelli - è quella di rendere la Biblioteca  Ariostea protagonista di quella che viene definita 'learning society', società dell'apprendimento, garantendo il coinvolgimento e la partecipazione attiva a soggetti fragili che diversamente non riuscirebbero ad usufruire autonomamente di luoghi come le biblioteche. In questo senso il progetto si presenta pienamente in linea anche con le indicazioni fornite dalla recentissima Legge sulla Lettura. La terza età è un mondo attivo e creativo, gli anziani sono il nostro ritratto di domani: in questa realtà inconfutabile abbiamo l'obbligo di pensare al loro vero vantaggio, cercando di donare loro, come sosteneva Dino Buzzati, i beni più preziosi e i libri sono tra questi".