Comune di Ferrara

lunedì, 13 luglio 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Imu terreni agricoli: il Comune rinuncia al contenzioso su alcuni tipi di esenzione; aggiornato il Piano d'azione per l'abbattimento del rumore ambientale a Ferrara; sostegno ad attività di volontariato in carcere

GIUNTA COMUNALE - Le principali delibere approvate nella seduta del 3 marzo 2020

Imu terreni agricoli: il Comune rinuncia al contenzioso su alcuni tipi di esenzione; aggiornato il Piano d'azione per l'abbattimento del rumore ambientale a Ferrara; sostegno ad attività di volontariato in carcere

03-03-2020 / Giorno per giorno

Queste le principali delibere approvate nella riunione della Giunta comunale di martedì  3 marzo 2020:

Assessorato Bilancio e Contabilità, Partecipazioni, Commercio e Turismo - Assessore Matteo Fornasini:

> Imu terreni agricoli: il Comune rinuncia al contenzioso sulle esenzioni per i terreni condotti da società di persone
La Giunta ha approvato la rinuncia, da parte del Comune di Ferrara, a proseguire con la proposizione dei ricorsi in appello e per Cassazione nelle controversie aventi per oggetto il riconoscimento di agevolazioni o riduzioni Imu nel caso in cui il proprietario di un terreno agricolo in possesso della qualifica di Coltivatore Diretto (CD) o Imprenditore Agricolo Professionale (IAP), iscritto alla previdenza agricola, conferisca i propri terreni (tramite affitto o comodato) alla Società di persone che conduce il fondo e continua a condurli in qualità di socio della società medesima.

"Si tratta - ha sottolineato al riguardo il sindaco di Ferrara Alan Fabbri - di un primo passo nella direzione di una maggiore attenzione, da parte dell'Amministrazione comunale di Ferrara, nei confronti delle istanze del mondo agricolo e delle associazioni della categoria. In questo modo chiudiamo un 'braccio di ferro' da lungo in corso con la categoria, risolvendo un problema annoso, ereditato dalla passata amministrazione".

Fino ad oggi, infatti, per questi casi, il Comune di Ferrara ha sempre negato l'esenzione Imu, attivando uno specifico contenzioso. I contribuenti reclamano, in particolare, le agevolazioni di legge previste dall'art. 9 D.Lgs. 228/2001, secondo cui "ai soci delle società di persone esercenti attività agricole, in possesso della qualifica di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo a titolo principale, continuano ad essere riconosciuti e si applicano i diritti e le agevolazioni tributarie e creditizie stabiliti dalla normativa vigente a favore delle persone fisiche in possesso delle predette qualifiche...". Le cause appartenenti a questa tipologia, che vedono coinvolto il Comune di Ferrara, sono, al momento, diciotto, di cui sedici già decise dalla Commissione Tributaria Provinciale di Ferrara in senso sfavorevole all'Ente.

Considerato anche il parere espresso dal Servizio Legale del Comune, che sottolinea la consistente possibilità di soccombenza dell'Ente, la Giunta ha quindi deciso la rinuncia a proseguire con questo tipo di contenzioso. Nello specifico, quindi, l'Amministrazione rinuncerà agli appelli pendenti avanti la Corte Tributaria Regionale di Bologna (con conseguente

estinzione del giudizio, con compensazione di spese, previa adesione della controparte) e provvederà a definire le altre controversie pendenti avanti la Corte Tributaria Provinciale di Ferrara (spese compensate, con estinzione del giudizio, il tutto subordinato all'adesione delle controparti).

 

Assessorato Rapporti Unife, Ambiente, Tutela degli animali, Progetti Europei  - Assessore Alessandro Balboni:

> Rumore ambientale: approvato l'aggiornamento del Piano d'azione per Ferrara
La Giunta comunale ha approvato oggi l'aggiornamento del Piano d'azione per l'abbattimento del rumore ambientale a Ferrara. Piano che era stato approvato dal Comune di Ferrara nel 2018 sulla base del D.Lgs. 19/08/2005 n. 194 recante "Attuazione della Direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione del rumore ambientale".
Il Decreto Legislativo 194/05 prevede infatti l'obbligo, da parte degli enti gestori degli assi stradali e ferroviari principali, degli aeroporti principali e degli agglomerati urbani con più di 250.000 abitanti e con più di 100.000 abitanti, con tempistiche differenti, di elaborare il Piano d'Azione per l'abbattimento del rumore ambientale in recepimento alla Direttiva Europea 2002/49/CE.
Lo stesso decreto richiede inoltre di provvedere a un aggiornamento del Piano, per la cui predisposizione il Comune ha affidato incarico a una ditta specializzata.
Il Piano d'Azione elaborato, come precisato nella delibera di Giunta di oggi, non ha le caratteristiche di uno strumento di pianificazione, ma rappresenta una valutazione degli effetti acustici derivanti dalla realizzazione di interventi eseguiti e programmati dall'Amministrazione Comunale nell'ambito degli altri strumenti pianificatori e programmatici, già approvati dal Consiglio Comunale.
"L'aggiornamento del Piano - come precisato dall'assessore comunale all'Ambiente Alessandro Balboni - si concentrerà su alcune zone critiche del territorio comunale e speriamo possa rispondere tempestivamente alle denunce di tanti cittadini che si sono rivolti all'Amministrazione."

In particolare, infatti, sono stati valutati i benefici, dal punto di vista dell'impatto acustico, per quanto riguarda gli interventi relativi alla bretella di Porotto di collegamento tra la via Virgiliana e la via Cento, l'estensione della ztl in via Scandiana (previsto dal Pums), l'estensione della Zona 30 in via XX Settembre (previsto dal Pums) e la nuova tangenziale Ovest. Eseguendo simulazioni relative a tali interventi, già previsti negli strumenti di pianificazione del Comune, si è ottenuto che i cittadini che potenzialmente risulteranno beneficiari di miglioramento acustico saranno pari a circa 15.340.

Gli elaborati che compongono l'aggiornamento del Piano d'azione saranno pubblicati sul sito web del Comune di Ferrara alla pagina: http://servizi.comune.fe.it/7187/area-tecnica.
Entro quarantacinque giorni dalla pubblicazione, chiunque potrà presentare osservazioni, pareri e memorie in forma scritta, di cui verrà dato atto e tenuto conto ai fini dell'approvazione finale del Piano d'Azione.
I pareri potranno essere inviati in modalità telematica, con una mail alla casella PEC del Servizio Qualità ambientale Adattamento climatico: servizioambiente@cert.comune.fe.it; oppure con una lettera cartacea a: Servizio Qualità ambientale Adattamento climatico del Comune di Ferrara via Marconi n. 39, 44123 Ferrara. (Nota a cura del Servizio Qualità ambientale Adattamento climatico del Comune di Ferrara)

 

> Approvato il 'Piano di monitoraggio dei Gas Interstiziali' nell'area di proprietà di Sef srl
La Giunta comunale ha approvato il 'Piano di monitoraggio dei Gas Interstiziali' nell'area di proprietà di Sef Srl, all'interno dello Stabilimento multisocietario di Ferrara, presentato dalla stessa Sef Srl. In riferimento alla sua attuazione, la Giunta ha inoltre chiesto il rispetto di una serie di prescrizioni.
A garanzia dei costi da sostenere in caso di intervento sostitutivo da parte del Comune, sarà costituita una fidejussione bancaria in favore del Comune pari al 50% del costo stimato dell'intervento (più IVA), ossia per un importo pari a 58.250 euro.

 

Assessorato Politiche Sociali, Politiche Abitative, Servizi Demografici e Stato Civile - Assessore Cristina Coletti:

> Dal Comune sostegno alle attività di volontariato in carcere dell'associazione Agire Sociale
Punta alla promozione del volontariato in carcere il progetto "Cittadini sempre" per la cui prosecuzione l'Associazione Agire Sociale-Centro Servizi per il Volontariato riceverà dal Comune di Ferrara un contributo di 6mila euro. Lo stanziamento sarà finanziato con risorse del Fondo Sociale Locale assegnate al Comune di Ferrara per il 2019, nell'ambito delle azioni per la "Promozione della salute in carcere, umanizzazione della pena e reinserimento delle persone in esecuzione penale".
Finalità del progetto sono in particolare quelle di ricercare, formare e accogliere collaborazioni volontarie, per attività rivolte a persone in stato di detenzione, da realizzare dentro e fuori la Casa Circondariale di Ferrara. I nuovi volontari saranno selezionati, formati e affiancati ai referenti delle attività già in essere o da strutturare, con personale esperto, in modo che vi sia un'acquisizione delle competenze e un accompagnamento mirato e specifico delle diverse attività e che ciò non gravi eccessivamente sull'amministrazione penitenziaria.

 

Le delibere approvate nel corso delle sedute della Giunta comunale vengono pubblicate nei giorni successivi, con le modalità e nei termini di legge, sulle pagine internet dell'Albo Pretorio on line del Comune di Ferrara all'indirizzo http://www.comune.fe.it/index.phtml?id=1818