Comune di Ferrara

lunedì, 19 ottobre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Al via l'iter di approvazione del nuovo Regolamento comunale per l'esecuzione e il ripristino degli scavi

GIUNTA COMUNALE 1/2 - Approvato il testo elaborato congiuntamente dal Servizio Infrastrutture e dai Servizi Informatici del Comune

Al via l'iter di approvazione del nuovo Regolamento comunale per l'esecuzione e il ripristino degli scavi

10-03-2020 / Giorno per giorno

Ha compiuto oggi, con l'ok della Giunta, il suo primo passo verso l'approvazione il nuovo "Regolamento per l'esecuzione e il ripristino di scavi stradali per la posa di canalizzazioni, opere civili e manufatti destinati alla fornitura di servizi a rete nel suolo, sottosuolo e soprassuolo del Comune di Ferrara e relative Norme Tecniche di Attuazione". Dopo un passaggio in Commissione consiliare, il testo dovrà essere definitivamente ratificato dal Consiglio comunale. "Finalmente - ha sottolineato al riguardo l'assessore ai Lavori pubblici Andrea Maggi - il Comune di Ferrara si dota di un Regolamento che disciplina e razionalizza la materia, e che sicuramente consentirà l'esecuzione di interventi il più possibile appropriati nella nostra città. Speriamo in particolare di poter ottenere in tal modo una maggiore cura nei ripristini, dopo gli interventi di scavo, che, specie nelle zone cittadine di pregio, ma non solo, devono essere effettuati a regola d'arte. Ringrazio - ha proseguito l'assessore - il direttore generale e tutti i tecnici del Comune, con cui abbiamo svolto un lavoro di squadra per raggiungere questo importante risultato".

Il Regolamento, come si legge nel testo stesso, "disciplina le attività connesse all'esecuzione e al ripristino di scavi stradali, delle aree di uso pubblico e di spazi urbani in genere ad uso pubblico per la posa di canalizzazioni e delle relative opere civili e manufatti, destinate alla fornitura di servizi a rete nel suolo, sottosuolo e soprassuolo del Comune di Ferrara".

Obiettivo principale è infatti la razionalizzazione degli interventi di scavo e della posa e gestione dei servizi tecnologici a rete e digitali, per ottimizzare la qualità dei servizi e minimizzare i disagi ai cittadini. Si punta, inoltre, a ridurre al minimo la manomissione delle sedi stradali e le operazioni di scavo attraverso un'attenta pianificazione degli interventi, tramite l'informatizzazione dei dati.

"Con grande soddisfazione oggi in Giunta abbiamo presentato questo nuovo Regolamento - ha confermato l'assessore ai Servizi informatici Micol Guerrini - che è il frutto di un lungo lavoro di concertazione tra il Settore Opere Pubbliche e Patrimonio - Servizio Infrastrutture - Ufficio Scavi e i Sistemi informativi del Comune di Ferrara, che ringrazio per l'egregio lavoro svolto, e il prezioso supporto del professionista ferrarese Mirco Cavallari. Questo Regolamento oltre a normare, come già succede in molte città italiane, le procedure di scavo e posa, grazie ad una informatizzazione del dato, tramite un nuovo sistema informativo geografico, consentirà di avere un catasto del sottosuolo sempre aggiornato, permettendo anche la visualizzazione degli scavi in essere e la loro storicità. Ciò - ha aggiunto l'assessore Guerrini - consentirà di coordinare gli interventi di scavo e la loro pianificazione strategica in sinergia con altre tipologie di intervento da parte dell'Amministrazione, come asfaltature strade o rifacimento marciapiedi e di coordinare diversi lavori svolti da enti o aziende diverse nello stesso ambito. Il tutto, ottemperando alle normative date dall'AgID- (Agenzia per l'Italia digitale) per la gestione dei dati territoriali, e adeguandoci anche all'infrastruttura europea per l'informazione territoriale. Verranno così semplificate anche le modalità di richiesta, tramite moduli studiati ad hoc, ed efficientato il processo all'interno dei vari uffici comunali così da agevolare i privati e le imprese".

Il nuovo Regolamento disciplina, infine, l'esecuzione dei lavori tramite le Norme Tecniche Attuative allegate e tutti gli oneri del richiedente durante e al termine dei lavori, con relativa regolamentazione delle richieste danni e eventuali sanzioni.