Comune di Ferrara

venerdì, 27 novembre 2020.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nuova Ordinanza contingibile e urgente "Da oggi si può uscire per curare gli orti sociali. Patrimonio comune da salvaguardare, confido nel senso di responsabilità di tutti"

ORDINANZA - Firmata dal sindaco di Ferrara Alan Fabbri mercoledì 15 aprile 2020

Nuova Ordinanza contingibile e urgente "Da oggi si può uscire per curare gli orti sociali. Patrimonio comune da salvaguardare, confido nel senso di responsabilità di tutti"

15-04-2020 / Giorno per giorno

EMERGENZA CORONAVIRUS, ORDINANZA SU ORTI SOCIALI: DA OGGI SI PUO' USCIRE PER CURARLI

IL SINDACO FABBRI: "PATRIMONIO COMUNE DA SALVAGUARDARE, CONFIDO NEL SENSO DI RESPONSABILITA' DI TUTTI"

"Gli orti sociali e le aree verdi dedicate alla raccolta del tartufo sono un bene da tutelare e da oggi sarà possibile per gli assegnatari prendersene di nuovo cura, nel rispetto delle misure di sicurezza imposte dall'emergenza sanitaria. Il verde è un patrimonio che ha bisogno di cure e dobbiamo evitare che si creino situazioni rischiose a livello igienico e sanitario, anche in vista dell'arrivo della stagione calda e delle zanzare. Confido ovviamente sul senso di responsabilità dei ferraresi e delle associazioni che gestiscono questi spazi affinchè nessuno abusi di questa possibilità che deve invece andare a beneficio dell'intera collettività".

Così il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, annuncia la firma di un'Ordinanza sindacale che da oggi apre per gli assegnatari degli orti sociali la possibilità di recarsi, in modo organizzato, presso gli appezzamenti assegnati per i trattamenti di irrigazione e di cura del terreno per permettere che vengano "irrigati gli orti urbani sociali e le aree verdi piantumate dall'Associazione Arci Tartufo di Ferrara (aree situate in zona Fiera ed in via Gramicia) e che vengano mantenute tali aree libere da materiali che possano favorire il formarsi di raccolte di acqua stagnante", come si legge nel testo.

"La cura degli orti urbani e sociali rappresenta, ancor di più in questo momento storico, un'azione di grande valore sociale per la collettività, in linea con le politiche a sostegno delle fragilità sociali di una parte sempre più ampia della nostra popolazione - spiega il sindaco nell'ordinanza - e le condizioni climatiche della stagione in corso, con precipitazioni scarse e temperature elevate, rendono necessarie azioni specifiche di irrigazione e di cura del terreno che deve essere pulito e sottoposto ai trattamenti larvicidi per evitare che da qui a qualche settimana il problema delle zanzare diventi ingestibile".

L'Ordinanza specifica che, per raggiungere gli appezzamenti e anche nello svolgere le funzioni consentite, gli assegnatari dovranno rispettare tutte le norme di sicurezza adottando specifiche misure, non in contrasto con i provvedimenti di rilievo nazionale e regionale.

"Per coloro che effettueranno l'attività di irrigazione c'è l'obbligo di indossare la mascherina e di adottare tutte le misure precauzionali adeguate a proteggere se stessi e gli altri dal contagio, anche durante gli spostamenti sul territorio comunale", specifica il testo "l'irrigazione delle aree dovrà essere attuata previa redazione di una tabella di turnazione rivolta al contenimento della frequentazione delle stesse aree e tenendo conto della distanza dei presenti, assicurando una permanenza massima stimabile di due ore nell'arco della giornata".

Allegati scaricabili: