Comune di Ferrara

sabato, 08 agosto 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Con 'lo Stimolario' per gli iscritti all'Associazione Alzheimer un quaderno con tanti esercizi per mantenere allenata la mente

POLITICHE SOCIALI - Progetto con il patrocinio del Comune di Ferrara. Per l'assessore Coletti 'un valido supporto per i malati e i familiari che si prendono cura di loro'

Con 'lo Stimolario' per gli iscritti all'Associazione Alzheimer un quaderno con tanti esercizi per mantenere allenata la mente

21-07-2020 / Giorno per giorno

Si intitola 'Lo Stimolario' il quaderno realizzato dall'associazione Ama (Associazione Malattia di Alzheimer) di Ferrara con tanti esercizi per mantenere attiva la mente dei malati di Alzheimer. In distribuzione gratuita, in questi giorni, a tutti gli iscritti dell'associazione, il quaderno è curato da Marcella Liporace (psicologa), Valeria Tinarelli (linguista) e Giulia Murgia (musico terapeuta) ed è frutto di un progetto che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Ferrara, e in particolare dell'Assessorato alle Politiche Sociali, oltre che dell'Azienda Usl di Ferrara.

"In questo momento di sospensione, a causa dell'emergenza sanitaria, dei corsi in presenza organizzati da Ama - spiega l'assessore comunale Cristina Coletti - il progetto dello 'Stimolario' intende offrire un valido supporto ai malati e ai familiari che si prendono cura di loro, con un'ampia raccolta di esercizi di stimolazione cognitiva, linguistica e di musicoterapia. Tra gli obiettivi della stimolazione cognitiva vi è infatti anche il benessere psicologico dei malati di Alzheimer, poiché confrontarsi con la capacità di svolgere un compito più o meno difficile può aumentare il loro senso di autostima ed essere frutto di grande soddisfazione, con benefici sia per il malato che per l'intero contesto familiare".

Il quaderno comprende, in particolare, una serie di esercizi di stimolazione riguardanti l'attenzione, la memoria, le funzioni logiche, il linguaggio, l'orientamento e il ritmo. Le attività hanno diversi livelli di difficoltà, richiedono l'utilizzo di abilità come la lettura e la scrittura e potranno essere svolte dal paziente in autonomia o con l'aiuto di un famigliare o di una figura di riferimento.
"La finalità dello Stimolario - precisa infatti la presidente di Ama Ferrara Paola Rossi - è quella di sostenere il caregiver nel lavoro di cura, stimolando le funzioni cognitive del paziente attraverso diverse attività. All'interno dell'ambiente domestico la situazione è sicuramente diversa rispetto a quella che si trova nei vari corsi che ogni anno l'Associazione promuove, poiché a casa viene a mancare il confronto fra i diversi partecipanti e inoltre, spesso, è il giudizio dei familiari a mettere il paziente davanti ai propri limiti e difficoltà. Per questo motivo, lo Stimolario non è da intendersi come un compito scolastico a cui dare una valutazione, ma piuttosto come un'occasione utile per tenere in forma la mente e per creare un nuovo spazio di condivisione tra famigliari, evitando di creare frustrazione alla persona che esegue gli esercizi sottolineandone gli errori".

 

Immagini scaricabili:

stimolario copertina.jpg coletti_rossi_stimolario.jpg