Comune di Ferrara

martedì, 29 settembre 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Oltre settanta giardini ferraresi aperti alla curiosità degli amanti del verde

INTERNO VERDE 2020 - Sabato 12 e domenica 13 settembre. Aperte le iscrizioni

Oltre settanta giardini ferraresi aperti alla curiosità degli amanti del verde

09-09-2020 / Giorno per giorno

(Comunicato a cura degli organizzatori)

Eleganti corti rinascimentali, orti medievali nascosti da alti muri di cinta, piccole oasi fiorite di tranquillità e pace domestica, geometrie zen e labirinti di siepi, magnifici alberi secolari e arboreti insospettabili, celati alla vista dei passanti dalle facciate degli antichi palazzi: Ferrara custodisce gelosamente, all'interno del proprio centro storico, uno spettacolare patrimonio di giardini privati. Un patrimonio che eccezionalmente, grazie alla manifestazione Interno Verde, si metterà a disposizione della collettività: ferraresi e turisti sabato 12 e domenica 13 settembre potranno esplorare più di settanta giardini privati, gentilmente aperti dai loro proprietari. Isole segrete ricche di suggestioni e ricordi, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città.

L'associazione Ilturco, che ha ideato e curato l'iniziativa, ha raccolto la disponibilità di famiglie, istituzioni, circoli e attività commerciali, che per un weekend apriranno porte e portoni, permettendo a chi vorrà partecipare all'evento di esplorare il capoluogo estense in modo originale e inedito. Un'occasione unica per scoprire dietro il rosso dei tipici mattoni ferraresi un'anima verde tanto ricca quanto capillarmente diffusa.

L'obiettivo degli organizzatori è sensibilizzare i visitatori al rispetto e alla valorizzazione del verde, fornire alla comunità una chiave per interpretare più profondamente il senso dello spazio che si attraversa, sollecitare anche nei confronti degli ospiti provenienti da altre città una più completa comprensione del passato e maggiore consapevolezza della ricchezza presente, che necessita di essere tutelata e promossa.

Per questo ogni giardino sarà accompagnato da informazioni di carattere botanico, storico e architettonico, che durante i due giorni saranno a disposizione online oltre che presso i luoghi coinvolti. Le stesse schede, corredate di fotografie, saranno raccolte in un volume a colori che verrà regalato ai partecipanti che decideranno di prenotare la propria visita alla manifestazione - a fronte di un contributo per l'iscrizione di 10 euro (sul sito www.internoverde.it).

Tante altre iniziative collaterali saranno organizzate durante il weekend, in collaborazione con le associazioni e gli operatori culturali del territorio: gite fluviali per scoprire i giardini affacciati sul Po di Primaro, installazioni artistiche, mostre e momenti musicali, laboratori per adulti e bambini, picnic e pranzi all'aria aperta, passeggiate a tema. Per conoscere il programma completo dell'iniziativa e restare aggiornati sugli eventi collaterali si può fare riferimento al sito www.internoverde.it oppure seguire il festival su Facebook o su Instagram.

Speciali convenzioni per il pernottamento, tramite il consorzio Visit Ferrara, e il noleggio di biciclette, grazie a Fiab, sono già attive per facilitare la partecipazione di chi viene da fuori città.

Interno Verde 2020 è patrocinato dal Mibact, da Ibc Emilia-Romagna, dal Comune e dall'Università di Ferrara, con l'adesione dell'Associazione Italiana Architettura del Paesaggio e dell'Associazione Nazionale Pubblici Giardini.

 

NOVITÀ 2020

APPUNTAMENTO AL PARCO
Un'occasione unica per chi ama il giardino in tutte le sue sfaccettature: per la prima volta l'infopoint di Interno Verde sarà allestito nella splendida cornice di Parco Massari, in corso Porta Mare. All'ombra degli imponenti cedri del Libano che caratterizzano questo luogo tanto caro ai ferraresi, si terrà nello stesso weekend Giardini Estensi, rassegna dedicata alle eccellenze del florovivaismo italiano. Oltre a iscriversi all'evento si potranno dunque apprezzare le piante e i fiori proposti dagli espositori, partecipare ai workshop e alle conferenze, condotte da autorevoli professionisti del settore.

INTERNO VERDE NOTTE
Tra le novità della quinta edizione, spicca Interno Verde Notte: sabato 12 settembre, dalle 20 alle 23, saranno eccezionalmente aperti al pubblico dieci giardini, luoghi di grande bellezza che assumono, dopo il tramonto, un carattere particolarmente suggestivo e raccolto, meditativo. Spiegano gli organizzatori: «vorremmo attraverso questa iniziativa invitare le persone a vivere e apprezzare la natura nelle sue diverse fasi, nei suoi diversi momenti, suggerire una riflessione che parte dal giardino ma che riesca a trascenderlo. L'essere umano è un organismo vivente, esattamente come un'ortensia o un cedro del Libano. Come loro talvolta ha bisogno di riposo, di oscurità, silenzio. C'è un tempo per tutto, per brillare ma anche per nascondersi, ed è giusto, è salutare, fa bene».

L'itinerario comprenderà spazi più tranquilli, dove apprezzare i rumori e i profumi della notte, e spazi dove invece si potranno incontrare piccole e grandi sorprese. Nel giardino dell'associazione, in via del Turco 39, si potrà ammirare l'altra faccia di Spiantate, l'installazione dedicata alle erbe spontanee ideata e realizzata da Filippo Marani e Ginevra Scipioni, che risplenderà violetta sotto i neon, accompagnata dalla sonorizzazione live di Ioi. Dallo splendido giardino di Casa Minerbi, delicatamente rischiarato dalle candele, si potranno osservare i meravigliosi affreschi trecenteschi del Salone dei Vizi e delle Virtù, illuminati al piano di sopra. Dattero Luce, azienda ferrarese specializzata in light design per interni ed esterni, ha collaborato a rendere questo appuntamento ancora più bello e speciale, allestendo in diversi giardini soluzioni site specific per valorizzare le architetture degli ambienti. Interno Verde Notte è gratuito per gli iscritti al festival, ma su prenotazione.

SOSTENIBILITÀ - UN PASSO IN PIÙ
Ilturco ha sempre prestato particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica di Interno Verde. Dalla sua prima edizione, nel 2016, è stato inserito nella rete europea Zero Waste, come evento sostenibile, e nel 2018 ha ottenuto l'importante certificazione ISO 20121. Le strategie adottate per ridurre l'impatto dell'evento e promuovere tra i visitatori buone pratiche, per facilitare e diffondere il rispetto e la cura dell'ambiente, sono sempre state numerose e diversificate. Ogni anno però l'associazione cerca di fare un passo in più. Nel 2020 ha deciso di realizzare la copertina del libro dedicato ai giardini utilizzando Shiro Alga Carta, prodotto ideato negli anni Novanta, realizzato raccogliendo le alghe infestanti della laguna di Venezia e di altri ambienti umidi il cui ecosistema è a rischio. Il braccialetto dei visitatori è prodotto con una fibra ottenuta dal Pet, quindi riciclando le bottigliette di plastica. Le eccedenze saranno riconsegnate al fabbricante affinché il materiale possa essere nuovamente trasformato.

UN FESTIVAL ACCOGLIENTE, SICURO E ACCESSIBILE
Interno Verde da sempre si impegna per fare in modo che tutti i visitatori possano fruire di questa eccezionale occasione in modo sereno e sicuro. Come gli anni scorsi saranno presenti sulla mappa dei giardini le indicazioni riferite al grado di accessibilità degli spazi, per facilitare il percorso delle persone con disabilità motorie. Quest'anno la manifestazione - oltre ad adottare precauzioni specifiche per tutelare la salute di tutti, proprietari dei giardini, volontari, visitatori e staff - ha voluto organizzare un servizio speciale: il QR Code, termine inglese da pronunciare all'italiana. Pubblicato sul programma cartaceo, distribuito a tutti gli inscritti, servirà per monitorare in tempo reale l'affluenza nei vari luoghi del festival. Rimanda infatti alla mappa dei giardini pubblicata online: i segnaposto cambieranno colore - e diventeranno verdi, gialli e rossi - a seconda dell'eventuale coda che si potrà formare all'ingresso. Tutte le misure adottate per rendere questa edizione ancora più accogliente, sicura e inclusiva sono disponibili e si possono scaricare dal sito www.internoverde.it.

UN FESTIVAL DI RELAZIONI
Mai come quest'anno Interno Verde rivela la sua vera natura: sembra un festival di giardini, in realtà è un festival di relazioni. Ilturco ringrazia di cuore i proprietari dei meravigliosi spazi che con grande e mai banale generosità hanno aderito all'iniziativa, e gli oltre 150 volontari che accoglieranno i visitatori e custodiranno questi luoghi tanto belli quanto delicati.

La manifestazione non sarebbe stata possibile senza il prezioso supporto dell'amministrazione comunale di Ferrara e degli sponsor che, dimostrando una particolare attenzione e sensibilità nei confronti di questo appuntamento, che tanto significa per la comunità, l'hanno voluto accompagnare e sostenere: Assicurazioni Generali, Automaster, Coop Alleanza 3.0, Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara, Emilbanca, Gestcav, i Lions Club Ferrara Host, Santa Maria Maddalena Alto Polesine, Ferrara Ducale, Ferrara Diamanti, Zerbini Garden. Tra gli sponsor tecnici: Acos srl, Dattero Luce, Itaka, Silla, The Mosshelter.

Fondamentale nella definizione del programma la positiva collaborazione di tante realtà del territorio, istituzioni, musei, aziende, consorzi e associazioni: Casa Circondariale di Ferrara, Meis, Museo Archeologico Nazionale, Orto Botanico dell'Università di Ferrara, Confindustria Ferrara, Visit Ferrara, Smiling International School, Arch'è, Arcigay Gli occhiali d'oro, Arose, Associazione Stefano Gueresi, Avvocati di Strada, B&B Interno Verde 63, C2H4n, Caritas Ferrara, Centro Documentazione Donna, Cohousing San Giorgio, Fiab, Fiumana, Fondazione Giorgio Bassani, Garden Club Ferrara, Horti della Fasanara, LiFe, Lemoko, Locanda 22, Metropoli di Paesaggio, Nadiya, Nuova Terraviva Bio, Pro-Arte, Tennis Club Marfisa, Tiro a segno nazionale, Viale K.

Media partner: Instagramers Emilia-Romagna e Profil Cultura.

Immagini scaricabili:

giardino Interno Verde 27.jpg