Comune di Ferrara

martedì, 19 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > 'Le Magnifiche Utopie in dialogo': il Teatro Nucleo riflette con i più giovani di biodiversità attraverso l'arte

TEATRO NUCLEO - Martedì 29 dicembre alle 18 incontro online con il docente Fabio Fioravanti

'Le Magnifiche Utopie in dialogo': il Teatro Nucleo riflette con i più giovani di biodiversità attraverso l'arte

28-12-2020 / Giorno per giorno

(Comunicato a cura di Teatro Nucleo)

Antropizzazione, disboscamento e altre modifiche operate dall'uomo sull'ambiente per ottenere superfici coltivabili; qualità del cibo come fonte di salute.
Sono tra gli argomenti che Fabio Fioravanti, docente del Master in Agricoltura biologica dell'Università di Bologna e di Parma, autore di numerose pubblicazioni sull'agricoltura biodinamica, approfondirà nell'incontro on-line del 29 dicembre alle ore 18, organizzato da Teatro Nucleo e trasmesso dalla sua pagina Facebook.

Insieme a Fabio Fioravanti parteciperà al dialogo Natasha Czertok, regista di Chenditrì, ovvero l'albero delle caramelle, lo spettacolo di teatro per ragazzi nella stagione Le Magnifiche Utopie di Teatro Nucleo, che è stato condiviso on-line dalla pagina di Cultura Emilia Romagna e trasmesso su LepidaTV lo scorso 19 dicembre.

A seguito della messa in onda dello spettacolo, Teatro Nucleo ha raccolto all'indirizzo info@teatronucleo.org le domande, i commenti, gli input e le curiosità emerse dalla visione di Chendtrì e le ha condivise con Fabio Fioravanti che, nell'incontro del 29 dicembre, risponderà alle suggestioni ricevute sullo sfruttamento delle risorse agricole, sull'alimentazione, sull'ecologia, e sui diversi temi affrontati nello spettacolo per il quale Teatro Nucleo è stato insignito del Premio Paola Scialis nel 2019.

Le Magnifiche Utopie - in dialogo è una traccia per mantenere un contatto, per continuare a produrre pensiero assieme. Un modo per proseguire l'interazione, la relazione e la riflessione che Teatro Nucleo intesse da quarant'anni con i diversi pubblici a cui si rivolge.
In questo intervento, pensato principalmente per i più giovani, Teatro Nucleo ha contattato le Scuole Primarie e  Secondarie di primo grado per proporre loro la possibilità di una riflessione condivisa sullo sfruttamento delle risorse agricole, che riguarda il futuro del nostro pianeta e che è più vicino di quanto di possa pensare. Non accade soltanto che le multinazionali del settore agricolo ed energetico sottraggano terreno alle comunità locali in Africa, Asia e America Latina:  anche nella Pianura padana ogni giorno viene perduto terreno agricolo equivalente a sette volte Piazza Duomo a Milano, sia a causa della cementificazione che per la produzione di bio-carburanti, ultima speculazione del mercato energetico e dei trasporti. Per parlare di questi temi, Teatro Nucleo si avvarrà della preparazione e della disponibilità di Fabio Fioravanti, che dal 2004 si occupa di divulgazione e didattica in merito all'agricoltura biodinamica, svolgendo attività di formazione presso Istituti, Enti e Associazioni. Scrive per il mensile Biolcalenda (edito dall'Associazione "La Biolca" di Padova), ed è autore di un libro sulle erbe spontanee negli ambienti agricoli e di una guida fotografica per il riconoscimento delle piante spontanee. Si occupa dell'allestimento dei preparati biodinamici presso la Fondazione LE MADRI di Rolo (RE), fornendo anche assistenza alle aziende agricole. È attualmente Segretario dell'Associazione per l'Agricoltura Biodinamica Sezione Emilia Romagna, occupandosi della programmazione culturale e della formazione.

Le Magnifiche Utopie

Le Magnifiche Utopie - in dialogo  è parte della stagione teatrale Le Magnifiche Utopie, ideata da Teatro Nucleo per nutrire i sogni e le visioni, per sostituire "l'aver cura" alla "chiusura". Le Magnifiche Utopie è il nome che Teatro Nucleo a partire dalla prima metà degli anni Ottanta ha dato alla propria progettualità inerente al teatro negli spazi aperti. Parte di questa storia è anche l'immagine scelta per la Stagione che - nello scatto, riattualizzato, di Luca Gavagna - ritrae Paolo Nani in Spagna, a Castilla de la Mancha, nel 1988  in una tournée di Teatro Nucleo dedicata agli spazi aperti. "Aperti" sono tutti quegli spazi fisici e spirituali, privati o istituzionali, emotivi e immaginari che sentono la necessità di aprirsi alla bellezza, alla poesia, all'arte e quindi al teatro: non solo le piazze, le strade o i luoghi pubblici. Tutti quei "luoghi" che hanno urgenza di trasformarsi in qualcosa di ancora irrealizzato, e trovano con il teatro la strada per farlo.

La stagione teatrale Le Magnifiche Utopie  si pone nella prosecuzione ideale di questo progetto, ed è quindi articolata in una pluralità di proposte aperte a diversi pubblici. La sua prima parte, dopo l'apertura del 25 novembre 2020 con Kashimashi di e con Natasha Czertok, è proseguita il 19 dicembre 2020 con Chenditrì, spettacolo per ragazzi di Teatro Nucleo dedicato ai temi dell'ecologia e della biodiversità e con il dialogo con Fabio Fioravanti e Natasha Czertok del 29 dicembre; il 16 gennaio 2021 con InCerti Corpi di Teatro dei Venti, spettacolo con Francesca Figini sul corpo delle donne; il 30 gennaio 2021 con L'Istruttoria di Peter Weiss, lettura attiva a cura del Laboratorio Atlante di Teatro Nucleo dei testi del primo processo sulla Shoa; il 21 febbraio 2021 con Moby Dick di Drammateatro, con la regia e l'elaborazione drammaturgica di Claudio Di Scanno ispirata al grande romanzo di Herman Melville e a Tre scene da Moby Dick di Alessandro Baricco. Le modalità di fruizione degli spettacoli - se in presenza o in altre forme - saranno di volta in volta definite e comunicate in base alle disposizioni vigenti.

«Ci piacerebbe che la parola chiusura potesse essere sostituita dalla parola cura.
È necessaria la "cura" per superare una crisi. Per quel che possiamo, vogliamo continuare ad avere cura del nostro lavoro, del nostro teatro, tenendolo aperto e rendendolo un luogo in cui sentirsi sicuri, trovare nuovi riferimenti capaci di rafforzare il senso d'appartenenza ad una comunità, favorire l'incontro».

Perché il Teatro è la Polis e la polis è aperta, in continua trasformazione, e avanza sempre come la vita.

Per informazioni su Teatro Nucleo: https://www.teatronucleo.org/
Per informazioni sulla stagione teatrale Le Magnifiche Utopie: https://www.teatronucleo.org/wp/stagione-le-magnifiche-utopie/

Ufficio Stampa
Maria Donnoli |  mob 349 5824266 |  mail ufficiostampa.teatronucleo@gmail.com + donnoli.maria@gmail.com

 

Immagini scaricabili:

magnifiche utopie.jpg