Comune di Ferrara

domenica, 28 febbraio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Buoni spesa: partita la raccolta online delle domande di aiuto per le famiglie in difficoltà a causa del Covid

POLITICHE SOCIALI - Richieste fino a sabato 23 gennaio 2021 sul sito internet del Comune

Buoni spesa: partita la raccolta online delle domande di aiuto per le famiglie in difficoltà a causa del Covid

18-01-2021 / Giorno per giorno

E' partita oggi, lunedì 18 gennaio alle 13 e rimarrà attiva fino alla stessa ora di sabato 23 gennaio la piattaforma online dove effettuare la domanda ottenere i buoni spesa. Potranno fare domanda, compilando l'apposito modulo raggiungibile dalla pagina del sito ufficiale del Comune di Ferrara (www.comune.fe.it) le persone che, al momento della compilazione della richiesta, sono residenti nel Comune di Ferrara, hanno risorse finanziarie complessive del nucleo non superiori a 10mila euro al 31 dicembre 2020 e hanno subito una riduzione della capacità reddituale del nucleo famigliare tra agosto e dicembre 2020 a causa di un peggioramento della condizione lavorativa a causa dell'emergenza sanitaria da Coronavirus.

Il contributo diretto alle famiglie ammonta a 400mila euro, suddiviso in buoni spesa di massimo 300 euro da utilizzare nei negozi e nei punti vendita aderenti all'iniziativa e viene dato una tantum; all'interno di ciascun nucleo famigliare può fare la domanda solo uno dei componenti. La priorità verrà data a chi non beneficia già di altre forme di sostegno pubblico (esclusi i buoni spesa Covid prima edizione, il fondo affitto 2019 e il fondo affitto 2020).

Complessivamente è di quasi 700mila euro (697.284 euro) il finanziamento ricevuto in base al decreto legge 154 del 23 novembre 2020 che il Comune di Ferrara ha a disposizione da finalizzare alla solidarietà alimentare e che sarà distribuito sulla base di tre linee di azione decise dalla Giunta: buoni spesa da assegnare direttamente a famiglie e persone in difficoltà (domanda diretta online); distribuzione di buoni spesa, generi alimentari o prodotti di prima necessità attraverso Asp, il Centro per i Servizi alla persona comunale; distribuzione di generi alimentari o di prima necessità attraverso organizzazioni di volontariato e associazioni del terzo settore presenti sul territorio e che aderiscono al programma FEAD, il Fondo di aiuti europei agli indigenti, come espressamente previsto dall'Ordinanza della Protezione Civile del 29 marzo 2020.

Conclusa la fase di raccolta delle richieste online direttamente dai cittadini delle famiglie in difficoltà le altre tappe previste dal piano di acquisto e distribuzione degli aiuti di generi alimentari e di prima necessità tramite Asp Ferrara (150mila euro) e Associazioni di Volontariato del territorio (147mila euro).

I richiedenti non aventi residenza in alcun Comune della Repubblica ma con domicilio stabile a Ferrara, potranno avvalersi degli altri canali di distribuzione rivolgendosi agli sportelli dell'ASP e agli Enti del Terzo Settore e Istituzioni di assistenza della rete territoriale, disponibili ad intervenire nella gestione dei servizi di acquisto, gestione e distribuzione di generi alimentari.