Comune di Ferrara

venerdì, 30 luglio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > La mostra "Boldini. Dal disegno al dipinto. Attorno alla contessa De Leusse" al Castello Estense di Ferrara sarà visitabile sino al 5 settembre

CULTURA - Nota della Fondazione Ferrara Arte

La mostra "Boldini. Dal disegno al dipinto. Attorno alla contessa De Leusse" al Castello Estense di Ferrara sarà visitabile sino al 5 settembre

08-06-2021 / Giorno per giorno

Una buona notizia per chi non è ancora riuscito a visitare la preziosa mostra "focus" Boldini. Dal disegno al dipinto. Attorno alla Contessa De Leusse. L'esposizione, inaugurata lo scorso 10 febbraio e rimasta chiusa per un lungo periodo, è stata prorogata fino al 5 settembre 2021 per consentire ai visitatori di ammirare la bellezza persuasiva dell'arte di Giovanni Boldini lungo il percorso del Castello Estense, e precisamente nella Sala dei Comuni, un «contenitore» che è esso stesso un'opera d'arte, come dimostra lo straordinario apparato decorativo realizzato nel 1919 da Ettore Zaccari e Giovanni Battista Gianotti.

La mostra, dedicata alla genesi del ritratto femminile, è costruita attorno a un dipinto depositato da un collezionista presso le Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara: il ritratto della Contessa Berthier de Leusse, realizzato da Boldini nel 1889-90 quando risiedeva stabilmente a Parigi dove, da alcuni anni, si era affermato come ritrattista mondano, ricercatissimo da una facoltosa clientela internazionale. Nella tela, Suzanne Berthier, aristocratica parigina futura consorte del visconte Georges de Leusse, è raffigurata di profilo, accomodata di traverso su una sedia e con un ventaglio chiuso tra le mani, mentre osserva qualcosa o qualcuno "fuori campo": un'impaginazione che oltre a mettere in risalto gli aggraziati lineamenti della giovane conferisce all'immagine una spiccata naturalezza. La sensuale evidenza della schiena scoperta potrebbe far supporre un coinvolgimento della modella nella scelta dell'impianto (e del "carattere") del dipinto, dove l'autore, come per altri suoi ritratti ambientati in un interno, sfrutta l'elemento di arredo per organizzare una soluzione innovativa e accattivante.

Dialogano con la Contessa de Leusse una serie di disegni della raccolta del Museo Boldini, alcuni mai esposti: studi di donne a figura intera e di singoli volti femminili che documentano il rapporto iperattivo dell'artista con la realtà circostante nonché la sua prontezza nel registrare pose e attitudini che gli sarebbero poi servite per conferire vitalità e dinamismo alle protagoniste dei suoi ritratti, contraddistinti da quella peculiare scrittura rapidissima e insieme controllata che rende inconfondibile, e unico, il suo stile.

Completano il percorso due olii degli anni maturi (Nudino scattante, 1910; La contessa Saffo Zuccoli, 1927-28), due incisioni - convocate per documentare un altro aspetto, non trascurabile, della produzione di Boldini - e lo straordinario ritratto dell'artista in bronzo eseguito da Vincenzo Gemito.

- - - - - - - - - - - - - - - - - 

Boldini. Dal disegno al dipinto Attorno alla Contessa de Leusse
Ferrara, Castello Estense, Sala dei Comuni
Fino al 5 settembre 2021

Organizzatori: Fondazione Ferrara Arte e Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Ferrara

Tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10.00 alle 18.00

Informazioni: www.castelloestense.it 0532 419180

Prenotazioni https://prenotazionemusei.comune.fe.it/

Ufficio stampa Leonardo Rosa comunicazione.ferrararte@comune.fe.it

Immagini scaricabili: