Comune di Ferrara

sabato, 25 settembre 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Bando di finanziamento del Ministero della Transizione Ecologica: presentato dal Comune di Ferrara il progetto di riqualificazione di piazza Cortevecchia

AMBIENTE - Previsto il finanziamento di 848mila euro. Assessore Balboni: "Se accolto positivamente consentirà una serie di interventi che cambieranno completamente il volto e la fruizione della piazza"

Bando di finanziamento del Ministero della Transizione Ecologica: presentato dal Comune di Ferrara il progetto di riqualificazione di piazza Cortevecchia

06-09-2021 / Giorno per giorno

Si propone di aumentare la permeabilità del suolo di piazza Cortevecchia, diminuirne le temperature medie nel periodo estivo, risolvere i problemi fognari che si manifestano in occasione di grandi precipitazioni, aumentare la produzione di ossigeno e ridurre la densità di inquinanti all'interno dell'area. E' il progetto di riqualificazione della piazza cittadina con il quale l'Amministrazione comunale di Ferrara/Assessorato all'Ambiente si è candidata ad un finanziamento di 848mila euro del Ministero della Transizione Ecologia che, se accolto positivamente, consentirà nel prossimo biennio una serie di interventi specifici di riordino e rimodulazione che cambieranno completamente il volto e la tipologia di fruizione della zona.
Il bando, presentato in aprile e scaduto oggi (6 settembre 2021), era rivolto alle città italiane per stimolare attività sperimentali finalizzate al contrasto dei cambiamenti climatici divise nelle tre linee di azione ‘grey',‘green' e ‘soft'. L'azione 'grey' del bando prevede interventi sulle strutture, la seconda interventi di piantumazione e realizzazione di infrastrutture verdi e l'ultima è rivolta ad attività di sensibilizzazione, informazione e coinvolgimento dei cittadini.

"Queste tre caratteristiche ben si adattavano a candidare al bando ministeriale piazza Cortevecchia. - ha affermato oggi nella conferenza stampa convocata nella residenza municipale per illustrare il progetto l'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni affiancato dalla dirigente comunale Angela Ghiglione e dal tecnico Alessandro Chiccoli - Chiunque infatti attraversi quello spazio della nostra città in particolari periodi dell'anno si renderà conto che vi si raggiungono temperature davvero proibitive e che oltre ad essere predisposto a diventare una vera isola di calore, presenta anche altre criticità come problemi fognari e di fruibilità. In caso di esito positivo per la nostra candidatura (la conferma dell'eventuale finanziamento l'avremo entro 60 giorni) grazie a questa cifra, oggettivamente importante dal punto di vista economico e interamente coperta dal Ministero, vorremmo quindi sperimentare un tipo di intervento che ci piacerebbe replicare magari in altri punti della città con analoghe caratteristiche, come piazza Travaglio o la zona dell'ex Amga.

Il progetto presentato - ha poi aggiunto l'assessore all'Ambiente - prevede la sostituzione della pavimentazione in un'ampia porzione della piazza con materiali maggiormente drenanti e a ridotta capacità di assorbimento e rilascio di calore. Allo scopo di raffrescare e assorbire inquinanti atmosferici sono poi previsti la piantumazione di alberi e la realizzazione di infrastrutture con piante rampicanti per coprire il muro del Municipio che si affaccia a nord, per un impatto positivo non solo sul microclima della piazza ma anche sulla riduzione dell'uso di climatizzatori. Vorremmo poi migliorare la fruibilità della piazza anche con sedute e infrastrutture utili dal punto di vista tecnologico (come dotazione di servizi wifi e di ricariche di apparecchiature elettroniche), rendere più efficace il sistema di deflusso dell'acqua piovana verso le fognature e realizzare vele e strutture verticali per aumentare l'ombreggiatura e incentivare la fruizione di questi spazi da parte dei cittadini in vari momenti dell'anno. Sarà ovviamente salvaguardato il transito di passaggio.

E' previsto inoltre - ha annunciato Balboni - uno studio della situazione delle isole di calore del nostro territorio, realizzando un sorvolo aereo per censire tutto il patrimonio arboreo, non solo quello pubblico ma anche quello privato che ad oggi rappresenta il 60 per cento. Per poter calcolare il beneficio eco sistemico di tutto questo verde è necessario effettuare infatti un'analisi dall'alto e una raccolta dati utili per identificare le zone a maggior rischio, sia in centro storico sia nelle frazioni. Questi dati saranno poi a disposizione di tutta l'Amministrazione. Sarà poi molto importante far capire ai cittadini, attraverso un'azione comunicativa, l'importante ruolo delle infrastrutture verdi per il benessere della collettività: occorre superare l'idea che l'albero sia un problema e non un beneficio in termini ambientali e comprendere che il il verde della città, privato e pubblico, deve essere tutelato e protetto in ogni suo aspetto. Anche l'albero del singolo giardino rappresenta infatti un valore per tutta la città". 

LA SCHEDA (a cura dell'assessorato all'Ambiente del Comune di Ferrara) - Il Comune di Ferrara ha candidato ai finanziamenti stanziati dal Ministero della Transizione ecologica, con il Decreto Direttoriale n. 117 del 15 aprile 2021, di istituzione del "Programma sperimentale di interventi per l'adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano", un intervento da 848.000 euro, articolato in tre linee d'azione:
- Riqualificazione di Piazza Cortevecchia (linea IB)
- Misure soft (linea III A): la misura proposta mira a raccogliere e integrare dati di dettaglio relativi alle condizioni climatiche, di qualità dell'aria, del patrimonio arboreo pubblico e privato e dell'edificato, nonché sviluppare sviluppare un software per la stima predittiva di ondate di calore,
- misure soft (Linea III C): consiste in un progetto per diffondere tra i cittadini la cultura della sostenibilità accrescendo la consapevolezza sui temi del cambiamento climatico e della transizione verde.

La riqualificazione di piazza Cortevecchia prevede interventi tra loro integrati, finalizzati a mitigare i rischi derivanti da ondate di calore e alternarsi di siccità e forti piogge e a dare nuova caratterizzazione e qualità urbana alla piazza.
Gli interventi consistono in:
- Riduzione della pavimentazione in asfalto che ricopre l'intera superficie ed inserimento di pavimentazioni drenanti, per una migliore gestione delle piogge, e realizzate con materiali ad elevato albedo per la riduzione dell'assorbimento di calore;
- Inserimento di superfici verdi sia orizzontali che verticali e di piante resilienti, per la creazione di oasi di ombra e fresco, per un contributo alla riduzione dell'inquinamento atmosferico e il benessere delle persone e l'attrattività del centro storico;
- Caratterizzazione dell'area pedonale mediante struttura di arredo urbano appositamente progettata, una sorta di isola di benessere capace di dare identità e attrattività allo spazio pubblico, destinato ad aggiungere benefici sociali, culturali ed economici; un unico elemento in grado di contenere le superfici verdi, gli spazi di seduta sia liberi (anche con dotazioni smart) che destinati alle attività commerciali di ristorazione presenti attorno alla piazza;
- Realizzazione di un sistema di raccolta dell'acqua di pioggia sia per rallentare l'afflusso al sistema fognario esistente che per il recupero a beneficio del verde di progetto;
- Inserimento di schermi solari e ugelli nebulizzatori per un comfort microclimatico nelle aree di seduta.
Oltre alle azioni per la trasformazione della piazza Cortevecchia, si candidano misure soft finalizzate sia ad accrescere la consapevolezza della popolazione riguardo al tema dei mutamenti climatici, che ad implementare le banche dati climatici relative al territorio urbano:
- stima predittiva di dettaglio relativamente alle ondate di calore;
- integrazione dati relativi a qualità aria, patrimonio arboreo, condizioni climatiche e trasposizione dati su Sistema Informativo Territoriale (SIT);
- formazione e informazione della cittadinanza relativamente ai temi di sostenibilità, cambiamenti climatici e transizione verde.

 

Immagini scaricabili: