Comune di Ferrara

martedì, 07 dicembre 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Sottoscritto in Prefettura il “Protocollo per la prevenzione e il contrasto al fenomeno dell’avvelenamento degli animali”

PREFETTURA - Atto firmato dal Prefetto Michele Campanaro e dai Sindaci dei Comuni di Ferrara, Comacchio e Portomaggiore

Sottoscritto in Prefettura il “Protocollo per la prevenzione e il contrasto al fenomeno dell’avvelenamento degli animali”

14-10-2021 / Giorno per giorno

E' stato sottoscritto stamane (14 ottobre 2021), presso Palazzo Giulio d'Este, il "Protocollo provinciale per la prevenzione ed il contrasto al fenomeno dell'avvelenamento degli animali".

Il documento pattizio, che non ha precedenti a livello regionale, sintesi di un articolato percorso di analisi e approfondimento del fenomeno, è stato sottoscritto dal Prefetto Michele Campanaro  e dai Sindaci dei Comuni di Ferrara, Comacchio e Portomaggiore, dal Questore, dal Comandante provinciale Carabinieri, dal Comandante Gruppo Carabinieri Forestale, dai Responsabili dei Servizi veterinari regionale e provinciale della Regione Emilia-Romagna e dell'Azienda USL,di Ferrara, al Direttore provinciale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia-Romagna, dal Presidente provinciale dell'Ordine dei Medici Veterinari e dal Direttore dell'associazione Lida di Ferrara.

Il Protocollo d'intesa ha come obiettivo di rendere più efficace e snella la gestione delle segnalazioni del ritrovamento di esche e dei casi di animali sospettati di essere deceduti per avvelenamento, nonché le comunicazioni degli esiti analitici e dei provvedimenti conseguenti. Direttamente coinvolti nell'iniziativa i Comuni di Ferrara, Portomaggiore e Comacchio in quanto territori nei quali è stato segnalato il maggior numero di casi di avvelenamento, sia di fauna domestica che selvatica.

"Affrontiamo nel documento di oggi un fenomeno - ha sottolineato il Prefetto - che non solo mette a rischio il benessere degli animali, specie di quelli domestici che possono facilmente ingerire esche e bocconi avvelenati, ma anche la stessa salute pubblica, in particolare dei bambini che potrebbero inavvertitamente venire a contatto con gli stessi o addirittura ingerirli"

Il documento, di durata biennale, mira, inoltre, a favorire la formazione di qualificati operatori per il contrasto all' odioso fenomeno. E', quindi, previsto di dare supporto ai Comuni nell'attività di formazione e aggiornamento dei Corpi di Polizia locale, di operatori comunali e volontari di associazioni a vario titolo coinvolti nella tutela degli animali e di promuovere iniziative di informazione rivolte alla popolazione per favorire ogni misura di contenimento e di prevenzione possibile per il benessere degli animali e della salute pubblica in generale.

"Desidero ringraziare tutte le Amministrazioni e gli Enti presenti oggi per aver voluto aderire con grande partecipazione a questa importante iniziativa - ha affermato conclusivamente il Rappresentante del Governo - Con il documento sottoscritto  viene messo a sistema un "modus operandi" che garantirà una condivisione di strategie tra tutti gli attori coinvolti nell'attività di prevenzione e contrasto del fenomeno, affidando il coordinamento ad uno specifico tavolo prefettizio istituito per la gestione degli interventi e per il monitoraggio. Penso che il grado di civiltà di una comunità si misura anche da come si trattano i nostri amici a quattro zampe; in questo senso invito tutti a denunciare tempestivamente alle Autorità preposte ogni potenziale situazione di rischio e/o comportamento sospetto".

(a cura della Prefettura di Ferrara)

 

Immagini scaricabili:

protocollo contrasto avvelenamento

Allegati scaricabili: