Comune di Ferrara

martedì, 05 luglio 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il Comune guida il gruppo ULG: firmato patto per sostenibilità ambientale delle iniziative ferraresi

AMBIENTE E CULTURA - L'ass. Balboni: l'obiettivo è di condividere, trasferire e rendere praticabili le buone prassi

Il Comune guida il gruppo ULG: firmato patto per sostenibilità ambientale delle iniziative ferraresi

04-03-2022 / Giorno per giorno

Coordinare, stimolare, supportare e condividere progetti ed eventi culturali nel segno della sostenibilità ambientale. È questo lo scopo e il significato del gruppo Urbact Local Group che si è costituito a Ferrara su sollecitazione dell'amministrazione comunale e con il coordinamento dei Laboratori Aperti, coinvolgendo i rappresentanti delle realtà associative e istituzionali ferraresi che organizzano eventi culturali. L'obiettivo di studiare metodi più sostenibili, condividere buone pratiche e avviare un percorso condiviso è al centro del protocollo d'intesa che è stato firmato oggi, venerdì 4 marzo 2022, nella sala degli Arazzi della residenza municipale. Alla presentazione dell'accordo e alla sua sottoscrizione sono intervenuti l'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni e i rappresentanti delle diverse associazioni di eventi culturali ferraresi che hanno aderito: la presidente di Arci Ferrara Francesca Audino, il presidente dell'Associazione Musicisti di Ferrara e Wunderkammer Roberto Formignani, il presidente dell'associazione Basso Profilo Manfredi Patitucci, la presidente del Ferrara Buskers Festival Rebecca Bottoni, il direttore organizzativo di Ferrara Off Teatro Marco Sgarbi, la responsabile di Ferrara sotto le stelle Paola Capatti, il direttore artistico del Teatro Comunale di Ferrara Marcello Corvino, il presidente dell'Associazione IF che cura il festival Internazionale a Ferrara Giovanni La Corte, Alexandru Lebejoara in rappresentanza di Interno Verde, il presdente di Riaperture Giacomo Brini insieme con Marco Antonio Rizzo dei Laboratori Aperti.

"Questo gruppo di lavoro - ha sottolineato l'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni - si è costituito nell'ambito del progetto europeo Urbact C-Change con l'obiettivo di trasferire e rendere praticabili le buone prassi. Al gruppo di lavoro locale abbiamo dato il nome di Routes e lo scopo è quello di rendere sempre più diffusa la sostenibilità ambientale, che si può declinare in diversi modi e che speriamo possa essere oggetto di studio e di emulazione".

LA SCHEDA a cura degli organizzatori - Venerdì 4 marzo 2022 nella sala dell'Arengo, in piazza Municipale, il Comune di Ferrara rappresentato dall'Assessore Alessandro Balboni e le associazioni di eventi culturali tra i più importanti della città (ARCI Ferrara APS, Associazioni Musicisti di Ferrara APS, Ass. Strada Vini e Sapori della Provincia di Ferrara, Basso Profilo aps, Consorzio Wunderkammer, Ferrara Buskers Festival, Ferrara Off APS, Ferrara Sotto le Stelle, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, IF APS - Internazionale a Ferrara, Interno Verde - Soc. Coop. Impresa Sociale e Riaperture Festival) firmano il protocollo d'intesa per la realizzazione delle attività del URBACT LOCAL GROUP nell'ambito del Progetto URBACT C­-Change National Practice
Transfer Initiative.
_____________
L'URBACT LOCAL GROUP nell'ambito del Progetto URBACT C-­Change National Practice Transfer Initiative è un insieme di buone pratiche predisposte alla trasferibilità di esse in altre città. Le strategie riguardano l'adattamento ai cambiamenti climatici e gli interventi che rendono il territorio sostenibile. Nell'ambito del metodo utilizzato dal Programma Urbact per la rete di Città devono essere individuate alcune condizioni abilitanti e di policy per realizzare gli obiettivi:
a) presenza o sviluppo di politiche, strategie settoriali e intersettoriali che tengono conto delle sfide per il clima e la sostenibilità;
b) allineamento o convergenza di intenti, obiettivi e impatti fra politiche o strategie culturali, ambientali e climatiche (coerenza orizzontale);
c) coerenza con i livelli di politiche o strategie verticali (livello regionale, nazionale, EU, globale).
Per raggiungere tali obiettivi è necessario realizzare alleanze, reti e collaborazioni pubblico-private con la Governance delle amministrazioni e degli attori locali, la presenza di una diversità di attori coinvolti e rappresentatività del settore culturale creativo artistico nella rete e, infine, la creazione o promozione di un modello e di strumenti per fare collaborare, dialogare e pianificare insieme gli attori dei settori culturali/artistici sul tema climatico, anche in collaborazione con attori di altri ambiti (ambiente, trasporti, etc).
Chi compone ROUTES:
Comune di Ferrara
ARCI Ferrara APS
Associazioni Musicisti di Ferrara APS
Ass. Strada Vini e Sapori della Provincia di Ferrara
Basso Profilo aps
Consorzio Wunderkammer
Ferrara Buskers Festival
Ferrara Off APS
Ferrara Sotto le Stelle
Fondazione Teatro Comunale di Ferrara
IF APS - Internazionale a Ferrara
Interno Verde - Soc. Coop. Impresa Sociale
Riaperture Festival
Il ruolo dei componenti di ROUTES è di analizzare le sfide locali, cercare soluzioni e
sviluppare e attuare strategie per affrontare queste sfide in collaborazione con il Comune di
Ferrara e il Laboratorio Aperto di Ferrara; contribuire allo scambio nazionale e al processo di apprendimento; comunicare i risultati a livello locale e pianificare attività di lungo periodo
per l'attuazione delle strategie sopra citate.
"Una rete aperta e che intende allargarsi sempre di più", ha sottolineato l'assessore Balboni, indicando gli obiettivi del progetto: "Mettere in comune conoscenze e competenze settoriali, costruire un piano di trasferimento e implementazione delle buone pratiche , anche internazionali, già raccolte da Mantova (capofila dei Comuni aderenti) e cogliere le opportunità del Laboratorio Aperto di Ferrara - che si inserisce nel network regionale dei Laboratori Aperti -: uno spazio in cui i temi della mobilità sostenibile e del turismo culturale si intrecciano con l'innovazione tecnologica e la partecipazione".
Road Map di Ferrara:
Ferrara è uno dei 7 comuni che aderiscono al Progetto URBACT C-­Change National Practice Transfer Initiative con Mantova Capofila. Gli altri 6 comuni sono Sestri Levante, Avellino, Rovereto, Siena, Cuneo e Corigliano-Rossano che ogni 2 mesi fanno visita nelle altre città per conoscere testimonianze di buone pratiche e lasciarsi ispirare per delle nuove. L'ultima tappa è stata proprio a Ferrara lo scorso 12 e 13 febbraio, dove alcuni componenti dell'ULG di Ferrara hanno avuto modo di raccontare ai comuni ospiti il proprio evento le sue buone pratiche.
Ogni comune ha come obiettivo di costruire una Roadmap, un documento di lavoro - conciso - che contiene una applicazione dettagliata della metodologia di trasferimento a livello locale. Consiste in una tabella di marcia con scadenze interne con una revisione regolare e aggiornata; deve essere fatta dal Gruppo Locale URBACT, identificando una persona responsabile del coordinamento. Dovrà essere attivato un processo di co-creazione e la pianificazione di momenti di aggiornamento.
Il ULG immaginato dalla città di Ferrara intende mettere insieme una pluralità di soggetti con vocazioni ed ambiti di appartenenza diversificati, in modo tale da garantire la specificità e la pluralità delle istanze e delle esigenze del territorio e della sua comunità. Al gruppo verrà richiesto:
■ di mettere in comune conoscenze e competenze settoriali, in ottica di contaminazione reciproca, per trovare soluzioni condivise a problemi complessi.
■ di costruire in modo partecipato un piano di trasferimento ed implementazione della buona pratica di Mantova.
Ferrara intende inoltre sfruttare un'altra esperienza virtuosa esistente come "cornice" per i lavori del ULG: il Laboratorio Aperto di Ferrara - che si inserisce nel network regionale dei Laboratori Aperti - uno spazio in cui i temi della mobilità sostenibile e del turismo culturale si intrecciano con l'innovazione tecnologica e la partecipazione ; un luogo di ricerca e confronto tra cittadini e professionisti, che viene incontro alla necessità di poter usufruire di uno spazio comune per agire insieme.

Nelle foto - scaricabili in fondo alla pagina - alcuni momenti della firma del protocollo d'intesa per le buone pratiche ambientali nella realizzazione di eventi con l'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni e i rappresentanti delle associazioni che hanno già aderito al gruppo ULG per eventi sostenibili (fotoFVecch)

Immagini scaricabili:

L'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni con i rappresentanti delle associazioni culturali per la firma del protocollo come gruppo ULG per eventi sostenibili (fotoFVecch) L'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni firma il protocollo  del gruppo Ulg L'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni con i rappresentanti delle associazioni culturali per la firma del protocollo come gruppo ULG per eventi sostenibili (fotoFVecch) L'assessore all'Ambiente Alessandro Balboni con i rappresentanti delle associazioni culturali per la firma del protocollo come gruppo ULG per eventi sostenibili (fotoFVecch)