Comune di Ferrara

venerdì, 27 maggio 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Lucrezia Borgia in versione docummedia: da oggi su YouTube il filmato di anticipazione

TURISMO E CULTURA - Video promozionale del film girato a Ferrara con protagonista Lucrezia Lante della Rovere

Lucrezia Borgia in versione docummedia: da oggi su YouTube il filmato di anticipazione

13-05-2022 / Giorno per giorno

Un'opera cinematografica dedicata a "Lu' duchessa d'Este, fama e infamie di Lucrezia Borgia" e ambientata anche all'interno degli spazi del Palazzo Municipale, già Palazzo dei duchi d'Este e nel Castello estense, quella che è visibile da oggi su YouTube con un filmato di anticipazione al link www.youtube.com/watch?v=zO60buAIERg. In attesa del lancio nei cinema nazionali programmato per l'8 marzo 2023, il film - definito 'docummedia' - con protagonisti Lucrezia Lante della Rovere e Tullio Solenghi e il suo lancio di anticipazione sono stati presentati venerdì 13 maggio 2022 nella stessa sala dell'Arengo del Municipio, che ha ospitato alcune delle riprese.
All'incontro di presentazione con i giornalisti sono intervenuti gli assessori comunali al Turismo Matteo Formnasini e alla Cultura Marco Gulinelli insieme con i registi della casa cinematografica Mardi Gras Marco Melluso e Diego Schiavo.


"Un risultato importante - ha sottolineato l'assessore Matteo Fornasini - che dà visibilità a Ferrara e alla sua storia. La collaborazione rientra tra le iniziative che l'amministrazione comunale mette in campo per sostenere la promozione del territorio e che cominciano a dare risultati concreti di rilievo. In questi due anni di pandemia non ci siamo mai fermati e il film è un altro tasselllo di questa ampia strategia per valorizzare e rilanciare la promozione turistica della nostra splendida città. Attori molto conosciuti, luoghi che vanno valorizzati e promossi e una storia che ricorda il ruolo strategico e chiave che Ferrara ha avuto a livello mondiale sono gli ingredienti di un'opera realizzata con un lavoro di sinergia nel segno della cultura, dell'arte e della promozione turistica".

"Lucrezia Borgia sosteneva. 'Per essere felice ho bisogno dell'amore, della bellezza e della cultura' - ha ricordato l'assessore Marco Gulinelli - e il grande merito di questo film è quello di riuscire a mettere insieme la bellezza estetica, la storia ed elementi legati all'ironia con un lavoro di destrutturazione e desacralizzazione molto intelligente ed efficace, che dà grandi stimoli intellettuali e che siamo impazienti di potere apprezzare nella sua pienezza".

LA SCHEDA a cura degli organizzatori - Venerdì 13 maggio 2022 alle 12 la Sala dell'Arengo del Palazzo Municipale di Ferrara ha ospitato la conferenza stampa di presentazione al pubblico del teaser del film "Lu' duchessa d'Este" (Mardi Gras), regia di M. Melluso e D. Schiavo, con Lucrezia Lante della Rovere, Tullio Solenghi e Tobia De Angelis.
Una prima parte di riprese del film, che intende ridare voce a Lucrezia Borgia e che si avvale di un cast di primo piano, è stata realizzata a fine ottobre 2021 tra Ferrara (Castello Estense e Palazzo Roverella) e Bologna. Si prevede di realizzare la seconda parte delle riprese tra giugno e settembre 2022, tra Ferrara (Castello Estense, le piazze Trento e Trieste e Ariostea, il teatro Comunale, le sale del Palazzo Ducale Estense - oggi sede del Comune di Ferrara), i territori del ducato estense (le Delizie di Belriguardo, del Verginese e della Mesola) e Modena - le Gallerie Estensi.
Nel teaser del film, che viene oggi presentato al pubblico, si può apprezzare quanto i registi amino giocare con gli stili, le mode e i riferimenti alla cultura, facendoli interagire con luoghi ricchi di arte e storia. Immagini che rendono perfettamente quello che sarà il sapore glamour e pop del film e mostrano alcuni dei luoghi che faranno da scenografia alla storia, come il bellissimo Palazzo Roverella Circolo dei Negozianti e le segrete del Castello Estense di Ferrara. Ma non solo: il teaser contiene alcuni momenti del backstage a cui emerge la passione con cui i registi, il cast e tutta la troupe stanno portando avanti il progetto.
Passione che si è però dovuta scontrare con l'emergenza dovuta alla pandemia. Le restrizioni, com'è tristemente noto, hanno rallentato e quasi bloccato moltissime attività imprenditoriali. Il mondo del teatro, della musica e del cinema sono i settori che ne hanno risentito di più. Pertanto, per completare le riprese, la produzione cerca nuovi sponsor che possano sostenere il film e sposare un progetto che non si fermerà con l'uscita del film nelle sale. Lu' duchessa d'Este infatti fa parte di in un più ampio progetto culturale dal titolo "Rinascimento emiliano" - dal taglio crossmediale e internazionale -, sostenuto, tra gli altri, dalla Regione Emilia Romagna, che a margine del film durante il 2022 e 2023 vedrà l'organizzazione di incontri, dibattiti e conferenze per porre nuovamente all'attenzione del pubblico il Rinascimento tra Ferrara, Modena e Bologna,
Nella veste anche di produttore del film, Marco Melluso dichiara: "Per raccontare e valorizzare i territori siamo sostenuti e supportati proprio da quelle realtà che i luoghi li conoscono bene e ci tengono che siano valorizzati, anche in un'ottica turistica. Per questo motivo nei nostri progetti coinvolgiamo innanzitutto le Istituzioni: accanto a Regione Emilia Romagna, il Comune di Ferrara, nelle persone del suo Sindaco, Alan Fabbri, degli Assessori Gulinelli e Fornasini e della Consigliera Francesca Savini ci danno patrocinio, sostegno ed entusiasmo. Inoltre, anche imprese e privati cittadini partecipano attivamente al progetto, aiutandoci a rendere possibile tutto questo. Per esempio, il progetto del film su Lucrezia nasce con Emilbanca Banca di Credito Cooperativo, profondamente radicata nei territori, che da anni ci accompagna, condivide e supporta le nostre attività, ma è sostenuto anche da imprese che operano a Ferrara e in tutta Italia, come Bonifiche ferraresi, il più grande consorzio agro-alimentare italiano, con il loro marchio Le stagioni d'Italia, Bia Cous Cous, leader mondiale nel biologico certificato, e ancora Roland, Gescad soluzioni informatiche, Dinazzano Po, Cotabo radiotaxi Bologna.
Saremo romantici ma diciamo sempre che noi diventiamo il tramite tra gli occhi degli sponsor e gli occhi di chi vedrà quei territori nel film e, poi, dal vivo: gli spettatori leggono infatti nel film la passione, l'incanto, l'entusiasmo di chi quei luoghi li ama e li conosce da sempre.
Come già per i nostri precedenti lavori, daremo vita a forme di distribuzione anche indipendenti e non tradizionali. Promuoveremo, ad esempio, la diffusione della docummedia in scuole, musei e fondazioni, in Italia e all'estero ma, in particolare, in tutti i luoghi legati a Lucrezia Borgia: da Roma, Spoleto, Nepi, Bisceglie, a Pesaro, Bologna, Modena, Reggio Emilia e Ferrara. Organizzeremo eventi speciali per le realtà istituzionali e imprenditoriali che sostengono e sosterranno il progetto.
L'auspicio è che tutti coloro che operano nei territori che un tempo furono del Ducato d'Este, animati da spirito di valorizzazione delle terre e dei loro prodotti, che in vario modo sono connessi alla grande Lucrezia Borgia, vogliano farsi avanti e sostenere il nostro progetto".
"Lu' Duchessa d'Este. Fama e infamie di Lucrezia Borgia", il nuovo film targato Marco Melluso e Diego Schiavo, racconta l'appassionante storia di Lucrezia Borgia d'Este, donna per secoli ritenuta simbolo di crudeltà e amoralità. Lucrezia, in realtà, è stata vittima di pettegolezzi e di spregiudicati giochi di potere della sua famiglia. Solo una volta divenuta duchessa di Ferrara, Lucrezia ha avuto modo di dimostrare il suo valore. Durante la terribile guerra contro Venezia, sfoggia tutta la sua capacità diplomatica e di governo e regge da sola il Ducato. In seguito, si dimostra abile imprenditrice: investe i suoi averi nella costruzione di argini di fiumi e in un'incredibile opera di bonifica, rendendo coltivabile un'area di oltre 25.000 ettari, l'equivalente di 36.000 campi da calcio, risollevando così le finanze dello Stato, duramente colpite dalla guerra. Inoltre, da quando arriva a Ferrara, fa restaurare e costruire chiese e conventi.
Per questi motivi e per il suo enorme senso di giustizia e di rispetto per i Ferraresi, Lucrezia vince i pettegolezzi e le maldicenze che l'avevano preceduta e si conquista l'appellativo di "Madre del popolo".
Il film intende raccontare in maniera brillante e pop un momento fondamentale della storia d'Italia e d'Europa, e si avvale anche di un cast di primissimo piano. La protagonista del film è la straordinaria Lucrezia Lante Della Rovere, che condivide con Lucrezia Borgia il nome, ma che, soprattutto, è discendente di Giulio II, al secolo Giuliano della Rovere, il papa che commissionò a Michelangelo gli affreschi della cappella Sistina. Acerrimo nemico dei Borgia, Giulio II ne ha decretato la rovina.
Lucrezia Lante della Rovere è accompagnata sullo schermo dal brillante Tullio Solenghi, attore e doppiatore che non ha bisogno di presentazioni e dal giovane e talentuoso Tobia De Angelis. Assieme daranno vita ad un racconto avvincente, e non convenzionale, ambientato ai giorni nostri, dove la narratrice Lucrezia Lante della Rovere si muoverà per le terre del ducato estense, scoprendone la bellezza e le eccellenze nell'arte, nell'architettura e nella cucina e sottolineandone appeal e fascino turistico. Lucrezia Borgia è stata infatti un'amante della cultura e ha accolto alla sua corte un vero e proprio cenacolo di poeti e umanisti tra i quali Ludovico Ariosto, Pietro Bembo, Gian Giorgio Trissino e Ercole Strozzi. Ma non basta: è stata anche una delle donne più eleganti del cinquecento, vantando un guardaroba sontuoso e di lussuose fattezze. Famosa anche per la raffinatezza dei gusti, ha ispirato numerose ricette e leggende legate al cibo. Ad esempio, si narra che ai suoi capelli si siano ispirati per la creazione delle tagliatelle e delle coppiette di pane tipiche di Ferrara. A lei si deve anche la fortuna del panpapato e della salama da sugo, ancora oggi eccellenze della cucina ferrarese.
Attraverso il racconto della vita di Lucrezia Borgia, il film intende anche far riflettere su victim blaming e slut shaming, fenomeni estremamente attuali che colpiscono le donne e di cui già Lucrezia Borgia fu vittima durante la sua vita.
Lu' duchessa d'Este si inserisce inoltre all'interno del format sulle grandi biografie di personaggi dell'Emilia Romagna, inaugurato dai registi Melluso e Schiavo nel 2017 con la felice esperienza del film La Signora Matilde. Gossip dal Medioevo (con Syusy Blady e Luciano Manzalini, PopCult 2017, premio R. Francovich 2019, assegnato dalla SAMI, Storici Archeologi Medievisti Italiani, per la divulgazione del medioevo), docummedia sulla figura di Matilde di Canossa, raccontata come la più grande influencer dell'anno Mille, a cui ha fatto seguito il premiatissimo Il Conte Magico (Genoma Films, 2019), su Cesare Mattei, il conte bolognese che, a metà del 1800, inventa nelle stanze della sua Rocchetta l'elettromeopatia, riscuotendo successo e prestigio in tutto il mondo.
Il docufilm vanta tra gli sceneggiatori, oltre gli stessi registi Marco Melluso e Diego Schiavo, Andrea Meli, scrittore e già co-sceneggiatore de Il Conte Magico, Francesca Roversi Monaco, professore ordinario di Storia medievale all'Università di Bologna, Galatea Vaglio, scrittrice e divulgatrice storica, Alessandro Vanoli, storico, scrittore e divulgatore di fama nazionale.
Il progetto Lu' duchessa d'Este. Fama e infamie di Lucrezia Borgia è patrocinato da: Regione Emilia-Romagna, Comune di Ferrara, Comune di Modena, Città Metropolitana di Bologna, Visit Romagna, Comune di Nepi, Comune di Bentivoglio, Comune di San Lazzaro, Comune di Voghiera, Fondazione Ferrara Arte, Genus Bononiae - Musei della Città, GVC We World, AICS, Festival dell'Eccellenza al Femminile.

Immagini scaricabili:

Presentazione film su Lucrezia Borgia con assMGulinelli e MFornasini (foto GioM) Locandina del lancio di "Lu Duchessa d'Este" Cartolina del film dedicato a Lucrezia Borgia Presentazione del film su Lucrezia - Ferrara, 13 maggio 2022 (foto FVecch) Presentazione del film su Lucrezia - Ferrara, 13 maggio 2022 (foto FVecch) Presentazione del film su Lucrezia - Ferrara, 13 maggio 2022 (foto FVecch)