Comune di Ferrara

sabato, 20 agosto 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "La meraviglia ohimè degli intermedi": due giorni all'insegna delle antiche danze

PALIO - Sabato 18 e domenica 19 giugno 2022 a cura della Contrada di Santa Maria in Vado a palazzo Costabili (via XX Settembre 122)

"La meraviglia ohimè degli intermedi": due giorni all'insegna delle antiche danze

15-06-2022 / Giorno per giorno

"La meraviglia ohimè degli intermedi" è il titolo dell'evento in programma sabato 18 alle 20.30 e per tutta la giornata di domenica 19 giugno a Palazzo Costabili (via XX Settembre 122, Ferrara) a cura della Contrada di Santa Maria in Vado in collaborazione con l'associazione culturale Bal'danza, il Museo Archeologico nazionale di Ferrara e con il patrocinio e il sostegno del Comune di Ferrara e dell'Istituto di studi rinascimentali. L'iniziativa - composta dalla serata conviviale dedicata a 'Il banchetto' di sabato 18 con intrattenimenti d'arte musica e danza e dal convegno teorico-pratico sul ballo antico 'Iupiter, visioni a confronto' di domenica 19 giugno - è stata presentata mercoledì 15 giugno 2022 nella sala dell'Arengo della residenza municipale.

All'incontro con i giornalisti sono intervenuti il vicesindaco e assessore al Palio Nicola Lodi, il presidente della Contrada Giovani Bellini e la responsabile degli eventi per la contrada Rossella Pescerelli, la presidente dell'associazione culturale Bal'danza Valeria Borasio e il direttore del Museo Archeologico nazionale di Ferrara Tiziano Trocchi.

"Un impegno importante - ha sottolineato il vicesindaco e assessore al Palio Nicola Lodi - quello messo in campo dalla contrada insieme con l'associazione Bal'danza e con la collaborazione del Museo archeologico nazionale, che ci consentirà di vivere una serata di altissimo livello. La sensazione è che questi due anni di fermo siano stati un incubatore di idee e di adrenalina. Penso che il circuito delle contrade e del Palio dovrebbe occupare un tassello ancor più visibile, perché Ferrara è una città che vive di turismo, arte e cultura e la sfida è quella di ragionare su un circuito che possa essere anche disponibile per i turisti. Le contrade, inoltre, sono un arricchimento e un collante di tantissimi aspetti sociali, all'interno delle quali convivono bambini, famiglie, nonni, giovani e adulti, che trovano motivazione e accoglienza dei diversi talenti personali e che ringrazio per tutto l'impegno e l'energia che mettono a disposizione della comunità". 

Per info e prenotazioni: cell. 339 8708753. Posti a disposizione per la tavola rotonda  teorico-pratica sul ballo antico in programma per domenica 19 giugno 2022 con ingresso previo pagamento del biglietto del Museo archeologico, via XX Settembre 122, Ferrara.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori - L'evento si svolgerà a Palazzo Costabili (via XX Settembre 122, Ferrara), sede del Museo Archeologico nazionale di Ferrara, in due giornate 18 e 19 giugno 2022.
Sabato 18 giugno, ore 20.30-23 - cortile Palazzo Costabili: "La meraviglia ohimè degli Intermedi" banchetto con intermedi di danza, musica. Interventi danzati del Gruppo Danza l'Unicorno e musicali a cura dell'ensemble La Pifarescha.
Domenica 19 giugno, ore 9.30-12.30 e 14.30-17.30, Sala delle Carte di Palazzo Costabili: "La Danza a Ferrara: Iupiter visioni a confronto" giornata di studi presieduta dal drammaturgo e docente di Storia della danza all'Università di Torino Alessandro Pontremoli. La tavola rotonda vedrà gli interventi dei più rinomati Maestri e Coreologi di danza antica d'Italia: Alessandro Pontremoli (Università di Torino), Cecilia Nocilli (Università di Granada), Letizia Dradi (docente di danza antica), Laura Fusaroli Pedrielli (docente di danza antica), Lucio Paolo Testi (docente di danza antica), Gloria Giordano (Accademia nazionale di danza).

Pensato nel 2019 all'interno del Rione di Santa Maria in Vado per festeggiare il trentennale del gruppo Danza l'Unicorno guidato dalla Maestra Bruna Gondoni, "Le meraviglie ohimè degli Intermedi" nasce, in prima istanza, con uno spirito di ‘docere dilettando' e, quindi, affiancando all'intento artistico e ludico anche l'idea di promuovere la conoscenza della danza antica, degli studi ad essa dedicati, nonché del repertorio di musiche specificamente prodotto, evidenziando l'importanza, di tali conoscenze, nella realizzazione delle ricostruzioni storiche a cui, da decenni, si dedica la nostra città.
La forzata sospensione dell'emergenza Covid se da un lato ha bloccato la realizzazione, dall'altro ha permesso una riflessione sulle necessità di progettazione dell'evento che hanno spinto il Rione a ricercare sul territorio i soggetti, associazioni e istituzioni, con natura, interessi e competenze necessarie alla sua piena realizzazione. Con questa intenzione si sono ad oggi affiancati al Rione, nel pensare e realizzare l'evento: - l'Associazione Bald'anza e le sue competenze inerenti la danza, la musica e la loro comunicazione ad un pubblico vasto; - il Museo Archeologico Nazionale di Palazzo Costabili e la sua natura architettonica di dimora rinascimentale e la sua vocazione come luogo adatto ad accogliere questa tipologia di eventi. Sono, inoltre, in corso contatti per definire il possibile apporto e veste partecipativa di altri soggetti istituzionali della città quali: l'Istituto di Studi Rinascimentali, l'Università degli Studi di Ferrara.
La modalità corale di gestione del percorso di costruzione e realizzazione dell'evento, non prederminata ma generata e cresciuta dal pensare insieme intorno a una tema per tutti i soggetti percepito come necessario, rende l'evento, per certi versi, un ‘esperimento' che ha per oggetto proprio il ‘come' si può mettere in sinergia le passioni, le forze, le competenze e la storia di una città per godere del proprio patrimonio culturale e al contempo comunicarlo. In questo procedere è stato altrettanto naturale e unanime il pensiero di dedicare l'evento a Thomas Walker Musicologo, ordinario di Storia della Musica e Preside della Facoltà di Magistero dell'Università di Ferrara, negli anni 80. Una figura che ha svolto un ruolo importante nello sviluppo umanistico e culturale della città in quegli anni e il cui modo di agire nel realizzare questo sviluppo, il ‘come', lo ha sempre visto impegnato sia come professionista che come cittadino in una visione tesa a mettere persone e cose in relazione tra loro per conservare il passato e progettare, nel presente, il futuro. Insieme.

Immagini scaricabili:

Presentazione dell'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi"  a cura della  Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 18 e 19 giugno 2022 Locandina dell'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi" - Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 19 giugno 2022 Cartolina dell'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi" - Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 19 giugno 2022 Presentazione dell'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi"  a cura della  Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 18 e 19 giugno 2022 Presentazione dell'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi"  a cura della  Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 18 e 19 giugno 2022 Presentazione dell'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi"  a cura della  Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 18 e 19 giugno 2022 L'evento "La meraviglia ohimè degli intermedi"  a cura della  Contrada Santa Maria in Vado, Ferrara 18 e 19 giugno 2022